Politica

di Mirko De Carli

LA POLITICA DELLE CAVIGLIE GONFIE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Abbiamo trascorso un fine settimana senza dedicare nemmeno una mezz’ora di tempo al riposo e ne abbiamo pagato decisamente le conseguenze. Per portare sulla scheda il simbolo di Alternativa per l’Italia siamo stati letteralmente in piedi due notti e due giorni a fascicolare migliaia di firme e certificati con la tenacia di chi sa che “o lo facciamo noi o non lo farà nessuno”. C’è un popolo sempre più vasto, più organizzato e più consapevole di discriminati e marginalizzati dalle politiche del governo e dell’Unione europea che merita una risposta politica forte e decisa: ogni ferita inferta a queste donne e uomini è una ferita inferta alla nostra democrazia.

Sin da ragazzo ho sempre avvertito su di me un bisogno esigente di giustizia: non sopportavo già in tenera età chi subiva la prepotenza del potente di turno senza avere un reale diritto alla difesa. Ogni giorno avvertiamo un clima di profonda ingiustizia diffusa: immaginare un paese costretto al “razionamento” energetico per la scelta dissennata di interrompere ogni rapporto politico con la Federazione Russa e appoggiare indiscriminatamente l’Ucraina in un conflitto che nulla ha a che vedere con la narrazione occidentale dell’ “invasore e dell’invaso” significa arrenderci alla perversa narrazione della finanza globale che materializza profitti su profitti nel settore degli armamenti militari e prepara una delle più grandi operazioni di speculazione immobiliare internazionale con la ricostruzione delle città ucraine travolte dalle bombe.

Anche mettendo a rischio (per l’ennesima volta) la propria salute, anche disobbedendo alle prescrizioni mediche ripetutamente ed anche chiedendo a se stessi e alla propria comunità sforzi oltre ogni possibilità questa sera possiamo dire con certezza che se voterete Alternativa per l’Italia porrete un argine a queste pericolose derive. Diventare neutrali rispetto al conflitto ucraino, riaprire i rapporti commerciali con la Russia e colpire le speculazioni energetiche è possibile con una nostra rappresentanza parlamentare decisiva in un Parlamento frantumato e con maggioranze risicate come quello che si comincia già ad intravedere per la prossima legislatura.

La nostra politica è quella delle caviglie gonfie, quella di chi sa che il primato della politica rispetto ai “poteri oscuri” è l’unica terapia possibile per guarire dal cancro di questa maledetta tecnocrazia finanziaria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/08/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

Se questa è giustizia

I dirigenti di Forza Nuova, brutti e “fascisti”, senza aver ucciso né ferito nessuno e senza essere stati processati si stanno facendo la galera vera, in carcere. Il figlio del regista di sinistra di Roma Nord che ammazza due ragazzine travolgendole da strafatto con il suo Suv, condannato per duplice omicidio stradale a otto anni in primo grado, a cinque anni e quattro mesi definitivi dopo il patteggiamento, non ha fatto un minuto di carcere

Leggi tutto

Società

Capitano Ultimo: in Italia deriva autoritaria

In questo periodo ricco di tensioni ed incomprensioni tra le parti, causate spesso da notizie faziose e lacunose ecco le interessanti dichiarazioni di Capitano Ultimo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano