Storie

di Roberto Signori

Addio a Gino Cogliandro: era membro dei Trettré

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il mondo dello spettacolo perde uno dei suoi protagonisti. All’età di 72 anni si è spento Gino Cogliandro, cabarettista noto soprattutto per essere membro del trio comico “I Trettré” fondato con Mirko Setaro ed Edoardo Romano.

A darne notizia è stato il conduttore radiofonico Gianni Simioli de “La Radiazza” che sui social ha scritto: “Addio a GINO COGLIANDRO dei TRETTRE. Ripeto: a me, me pare ‘na strunzata, ma, purtroppo, non lo è. E ascolto a volume altissimo: ‘Beach on the beach’”. Al momento non sono ancora state rese note le cause del decesso.
Il trio, che iniziò a muovere i propri passi nel 1975 con il nome de “I Rottambuli”, nella fase iniziale aveva una formazione diversa. Cogliandro, infatti, ancora non faceva parte del gruppo. Il posto era in quel momento occupato da Peppe Vessicchio che successivamente lasciò per dedicarsi, con grande successo, alla carriera musicale. Il gruppo, alla fine degli anni ‘70, era attivo soprattutto nell’ambito dell’avanspettacolo e dei locali notturni.

La decisione di Vessicchio apre nuovi scenari. Innanzitutto il nome del trio viene sostituto con “I Trettré”. Con il passare del tempo il gruppo cominciò ad emergere sulla scena cabarettistica nazionale tanto che riuscì a farsi ingaggiare in diversi programmi televisivi molto seguiti tra cui “Il barattolo”, “Il ponte sulla Manica” e “Lo scatolone”. Il successo arriva negli anni ’80 grazie alla partecipazione al celebre programma televisivo “Drive In”, di cui divennero una sorta di colonna portante.

I passaggi sul piccolo schermo permisero al trio di conquistare una notevole fama. Il trio affiancò Paolo Villaggio nei programmi “Un fantastico tragico venerdì” e “Che piacere averti qui”.

Una volta scioltisi, i componenti dei Trettré hanno perseguito individualmente le proprie carriere tra tv e teatro. Cogliandro è stato uno degli inviati della trasmissione di Mediaset “Forum”. L’attore ha partecipato anche a diversi film tra cui, solo per citarne alcuni, “Fantozzi 2000 - La clonazione”, regia di Domenico Saverni (1999), “Impepata di nozze - Sposarsi al sud è tutta un’altra storia…”, regia di Angelo Antonucci (2012).
Negli ultimi tempi Cogliandro aveva deciso di staccare andando a vivere nel caratteristico borgo di pescatori di Pisciotta, nel Salernitano, centellinando così i suoi impegni lavorativi. L’attore si dedicava alla pesca, di cui era grande appassionato, e alla produzione di alici sotto sale, prodotto che poi regalava agli amici. Fra i suoi ultimi film vi è “Made in China napoletano”, diretto da Simone Schettino (2017) in cui è stato impegnato in un divertente siparietto con il collega Benedetto Casillo. Proprio quest’ultimo, appresa la notizia della morte di Cogliandro, ha parlato con ilgiornale.it esprimendo la sua tristezza: “Gino era un bravo attore, un uomo perbene, modesto, delicato. Un uomo che lascia un grande ricordo. Negli ultimi tempi aveva voluto dare un senso nuovo alla sua vita ritirandosi in un borgo a contatto con la natura ed il suo amato mare”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/08/2022
3011/2022
Sant'Andrea

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hanno ucciso Charlie Gard

Il caso Charlie Gard è un punto di non ritorno, ma anche un punto di partenza se vogliamo rendere efficace la difesa di un diritto alla vita che altrimenti sarà sempre più circoscritto al campo opinabile dei “sani e produttivi”. Ma ci sarà occasione per parlare e scrivere di questo. Oggi non possiamo che pregare Dio di accogliere questo bambino innocente ucciso da mani che sapevano quel che facevano e che Maria gli canti materna la ninna nanna, facendolo dormire libero, ora che sicuramente libero è.

Leggi tutto

Società

Francia, quadro instabile: la bioetica slitta a giugno

Dopo i rituali “stati generali”, previsti dalla stessa “Legge bioetica” con cadenza decennale in vista dell’aggiornamento della stessa, il governo Macron aveva dichiarato di poter procedere alla rivisitazione del testo legale entro la fine dell’anno solare. In realtà l’ospite dell’Eliseo sta attraversando una crisi politica cui fa da sfondo l’emorragia dei consensi. Così il Président prende tempo e spinge l’apertura del dibattito parlamentare alla fine della primavera.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Chiesa

Cile, i vescovi per la difesa della vita

In Cile è stato approvato in via generale il disegno di legge per depenalizzare l’aborto fino alla 14esima settimana di gestazione, nel suo primo passaggio legislativo. I presuli ribadiscono che la vita inizia dal concepimento e va tutelata.

Leggi tutto

Società

Quale neutralità?

Ritirate le linee guida per una comunicazione inclusiva» redatte dalla Commissione europea, dove si invitava a non utilizzare la parola “Natale

Leggi tutto

Società

No al trans al Festival di San Remo

Pro-Vita e de Bertoldi, dunque, chiedono che ‘‘l’esibizione di “Drusilla Foer” si mantenga nei limiti della performance artistica e non si trasformi in un ‘Cavallo di Troia’ Gender e LGBT per influenzare milioni di famiglie e i loro figli’‘.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano