Storie

di Roberto Signori

Nigeria - Confiscate i beni dei trafficanti di esseri umani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Confiscate i beni dei trafficanti di esseri umani”. È quanto chiede il Vescovo Ausiliare di Abuja, Mons. Anselm Umoren, che insieme al Presidente della Commissione Giustizia, Pace e Sviluppo di Abuja, avvocato Damian Dodo, e al direttore dell’Agenzia nazionale per la proibizione della tratta di esseri umani (National Agency for the Prohibition of Trafficking in Persons (NAPTIP), Arinze Orakwue, hanno rivolto un appello l’Assemblea nazionale nigeriana a provvedere il quadro legislativo affinché i tribunali possano confiscare i beni dei trafficanti di esseri umani.

Secondo gli appellanti ciò non solo indebolirà le reti criminali nella lotta alla tratta di esseri umani nel Paese, ma creerà anche spazio affinché le vittime del crimine possano essere risarcite dei torti subiti.


“Abbiamo bisogno di un quadro legislativo che consenta ai tribunali non solo di confiscare i proventi della tratta di esseri umani, ma anche di iniziare ad attuare il concetto di giustizia riparativa” afferma l’avvocato Dodo, SAN. “Quindi, non è sufficiente che il governo confischi i proventi della tratta di esseri umani, le vittime di questo crimine malvagio dovrebbero beneficiare dei proventi. Le vittime non sono in alcun modo aiutate dalla sola condanna. Le vittime innocenti che vengono sfruttate, maltrattate e traumatizzate le cui vite sono state quasi distrutte dovrebbero essere in grado di ricevere una qualche forma di risarcimento dai proventi” sottolinea l’avvocato che è stato il primo presidente della NAPTIP:
Mons. Umoren mette l’accento sul finanziamento inadeguato dell’agenzia governativa incaricata di combattere la minaccia. Secondo il Vescovo Ausiliare di Abuja questo significava le vittime non ricevono adeguate assistenza dello Stato, mentre i procedimenti giudiziari nei confronti dei trafficanti rimangono sotto finanziati permettendo ai colpevoli di avere ampi margini per sfuggire alla condanna.

Mons. Umoren ha poi ricordato che la tratta di esseri umani è ormai oltre lo sfruttamento sessuale e la servitù domestica giungendo fino all’espianto di organi. “La tratta degli esseri umani è un’industria miliardaria a livello globale” ha affermato durante la conferenza stampa Mons. Umoren.

L’attuale presidente della NAPTIP, Orakwue ha infine sottolineato che la tratta degli esseri umani minaccia lo sviluppo del capitale umano della nazione.

Secondo l’ex rappresentante permanente della Nigeria presso le Nazioni Unite Martin Uhomoibhi nel solo 2016, 602.000 nigeriani hanno tentato di migrare in Europa attraverso il deserto del Sahara. Secondo Uhomoibhi, 27.000 di questi migranti sono morti durante il viaggio, tra i morti durante il viaggio, il 68% erano laureati nigeriani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/08/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Storie

Sana Chema ed i tanti come lei

Sana non è stata perseguitata per le sue convinzioni religiose, come è avvenuto per Asia Bibi, ma per il banale desiderio di una libertà minimale, scontata, come il diritto a scegliere con chi sposarsi. Mentre i delitti su base religiosa da noi sembra non provochino grande sdegno, forse per l’incomprensibilità ormai manifesta delle motivazioni di fondo che ne guidano le dinamiche, sia nelle vittime che nei carnefici, siamo invece assai sensibili ai delitti passionali. Il diritto a inseguire il sentimento è ormai dato per assodato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Iraq: le tappe del viaggio

Inizierà il 5 marzo con un volo da Roma Fiumicino a Baghdad, il tanto desiderato viaggio del Papa in Iraq all’insegna del motto “Siete tutti Fratelli”. L’accoglienza ufficiale sarà presso l’aeroporto della capitale irachena, dove Papa Francesco avrà il suo primo incontro, nella sala vip dello scalo, con il primo ministro, per poi proseguire presso il Palazzo presidenziale dove avrà luogo la cerimonia ufficiale di benvenuto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano