Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco e l’incontro con i parlamentari cattolici

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Giustizia”, per le persone vulnerabili che non hanno voce e che si aspettano di essere protetti dai leader civili e politici attraverso politiche e leggi efficaci. “Fraternità”, per affrontare le tante situazioni di disuguaglianza e ingiustizia che minacciano il tessuto sociale e la dignità ogni donna e uomo. “Pace”, che non è assenza di “guerra” ma frutto di dialogo e cooperazione a lungo termine. Il Papa pone le sfide del presente e del futuro nelle mani dei membri dell’International Catholic Legislators Network, rete di parlamentari cattolici provenienti da tutto il mondo, ricevuti oggi nel Palazzo Apostolico. Si tratta di un organismo nato a Trumau, in Austria, nel 2010 con il patrocinio dell’arcivescovo di Vienna, il cardinale Christoph Schönborn, presente infatti in Sala Clementina, insieme al presidente Alting von Geusau e al patriarca della Chiesa Siro-ortodossa, Ignatius Aphrem II.

All’International Catholic Legislators Network il Papa offre quindi tre parole chiave per espletare al meglio il proprio mandato e anche orientare le discussioni che si terranno in questi giorni a Roma: “Giustizia, fraternità e pace”.

Soprattutto “pace”, evidenzia Francesco, che non è una missione temporanea ma una ricerca “costante” che implica la costruzione stessa del futuro dell’umanità.

La pace non è semplicemente assenza della guerra. Il cammino verso una pace duratura richiede invece la cooperazione, soprattutto da parte di coloro che hanno maggiori responsabilità, nel perseguire obiettivi che vadano a beneficio di tutti. La pace deriva da un impegno duraturo per il dialogo reciproco, da una paziente ricerca della verità e dalla volontà di anteporre il bene autentico della comunità al vantaggio personale.

Proprio il senso di giustizia, intesa come “la volontà di dare a ciascuno ciò che gli spetta”, afferma il Pontefice, implica “azioni concrete volte a promuovere relazioni giuste con Dio e con gli altri, in modo che il bene degli individui e della comunità possa fiorire”.

Nel mondo di oggi, molte persone chiedono giustizia, in particolare i più vulnerabili che spesso non hanno voce e che si aspettano che i leader civili e politici proteggano, attraverso politiche e leggi pubbliche efficaci, la loro dignità di figli di Dio e l’inviolabilità dei loro diritti umani fondamentali.

Il pensiero del Vescovo di Roma va a poveri, migranti, rifugiati, vittime del traffico di esseri umani, malati, anziani e a tutti quegli altri “individui che rischiano di essere sfruttati o scartati dall’odierna cultura dell’usa e getta: la cultura dell’usa e getta, la cultura dello scarto”. “La vostra sfida – raccomanda ai parlamentari - è quella di operare per salvaguardare e valorizzare nella sfera pubblica quelle giuste relazioni che permettono a ogni persona di essere trattata con il rispetto e l’amore che le sono dovuti”. Da qui, ancora una parola chiave: fraternità, vincolo senza il quale “non può esistere” una società giusta. Per il Papa, la fraternità – dice, citando la Fratelli Tutti – è il “senso di responsabilità condivisa e di preoccupazione per lo sviluppo e il benessere integrale di ogni membro della nostra famiglia umana”.

Se vogliamo guarire il nostro mondo, così duramente provato da rivalità e forme di violenza che nascono dal desiderio di dominare piuttosto che di servire, abbiamo bisogno non solo di cittadini responsabili, ma anche di leader capaci, ispirati da un amore fraterno rivolto soprattutto a coloro che si trovano nelle condizioni di vita più precarie.

L’incoraggiamento è dunque a proseguire negli sforzi, a livello nazionale e internazionale, “per l’adozione di politiche e leggi che cerchino di affrontare, in uno spirito di solidarietà, le numerose situazioni di disuguaglianza e ingiustizia che minacciano il tessuto sociale e la dignità intrinseca di tutte le persone”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/08/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

In Siria troppi interessi economico-politici e poco rispetto per la sovranità nazionale

In #Siria tutto e’ pronto per una guerra devastante tra due blocchi intenzionati a non mollare! La tensione e’ altissima in Siria, e l’Onu e’ ancora una volta impotente di fronte a venti di guerra che soffiano sul Medio oriente. Il cacciatorpediniere americano USS “Donald Cook”, armato con missili Tomahawk, ha lasciato il porto cipriota di Larnaca e si dirige verso il Mediterraneo orientale, per portarsi nel raggio d’azione di Damasco, accusata dall’Occidente di aver usato le armi chimiche lo scorso 7 aprile a Duma. Russia e Iran pronte a difendere l’incolpevole alleato a tutti i costi da quella che considerano una trappola israeliana

Leggi tutto

Chiesa

Vi lascio la pace

Un gran dono di Gesù è quello della pace. Un seme che può maturare gradualmente, delicatamente, in noi. La fiducia che Dio ha fatto bene ogni cosa, e dunque stranezze, forzature, complicazioni, timori eccessivi, scoraggiamenti senza speranza, ogni cosa che pare toglierci la pace e la fiducia di fondo è un pensiero ingannevole

Leggi tutto

Società

Ucraina:  l’aiuto della Chiesa alla popolazione

Una conferenza organizzata da Aiuto alla Chiesa che Soffre fa il punto sulla situazione nel Paese a otto anni dall’inizio delle tensioni

Leggi tutto

Chiesa

Papa: il mondo non ha recepito la lezione delle tragedie del XX secolo

Papa Francesco riceve i membri di “Anima per il sociale nei valori d’impresa”, associazione che unisce imprenditori con finalità di promozione etica e sociale. “Dalla grande crisi finanziaria del 2007-2008 il mondo continua a essere governato da criteri obsoleti”

Leggi tutto

Storie

Germania: a Stoccarda Katholikentag, festa dei cattolici tedeschi

E’ iniziato il 102° Katholikentag, la Giornata dei cattolici tedeschi, in corso a Stoccarda sino a domenica 29 maggio.

Leggi tutto

Storie

Sri Lanka - La ‘disumana’ legge antiterrorismo

Attivisti e istituzioni internazionali chiedono la sospensione “immediata” del Prevention of Terrorism Act (Pta) voluto dalle autorità srilankesi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano