Politica

di Mario Adinolfi

TOSCANO E DE MARI ORA CHE DICONO?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il post di Marco Rizzo che stappa “la migliore bottiglia” per celebrare la morte di Gorbaciov (a cadavere caldo, col cinismo di cui sono capaci solo i comunisti), il quale Gorbaciov sarebbe reo d’aver fatto ammainare la bandiera con la falce e martello dal pennone del Cremlino nella notte di Natale del 1991, bandiera che significava oppressione e morte per milioni di russi ed europei, mi fa chiedere: Toscano brinda con lui? Silvana De Mari che chiede di votare per Rizzo, è d’accordo con Rizzo? Tutti i cattolici che continuano a far finta che quella stella rossa a cinque punte che campeggia sul simbolo di ISP non sia la stella che campeggia nel simbolo del partito comunista di Rizzo, con cui Rizzo ha marcato la propria primazia in quel guazzabuglio, oggi possono presentare le loro scuse per l’aver pensato che il lupo perdesse il pelo e non il vizio. Per questo Rizzo ha rifiutato le nostre richieste di fare una lista unitaria. Ora si capisce tutto meglio. Voleva la cara vecchia “egemonia” gramsciana. Noi saremmo stati di ostacolo. Anche per questo il 25 settembre vota Alternativa per l’Italia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/08/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Società

Il boom della Cannabis Light in Italia

Maurizio Martina, reggente del Pd, ha recentemente dichiarato: «All’opposizione lavoreremo per i più deboli». È lo stesso che da ministro dell’agricoltura ha portato in tutte le tabaccherie, edicole e nei negozi in franchising, con la legge n.242 del 2016 che permette di coltivare cannabis con una soglia di THC fino allo 0,6%, prodotti come “Sweet Devil”, 2 grammi di fumo a soli € 22. Cannabis light Italia ringrazia, i poveri (e i genitori italiani) meno…

Leggi tutto

Politica

Una campagna condotta con passione

Parlare a tutti, non solo ai credenti, dare ai principi intangibili una valenza pratica e concreta, far capire che solo promulgando leggi buone ispirate alla tutela della vita, al sostegno alla famiglia naturale ne deriveranno conseguenze positive per tutti. Dire chiaramente che la battaglia contro la distruzione familiare e l’aborto non è roba da baciapile un po’ sfigati, ma è la strada maestra per recuperare il senso della dignità dell’essere umano, reso proprio dalla mentalità dello scarto un prodotto da usare e gettare al bisogno. Mentalità di cui ognuno di noi prima o poi potrà essere vittima

Leggi tutto

Società

Che succede?

Si fa strada una pericolosa tendenza a togliere la parola in nome di un qualcosa determinato dai soliti pochi. Tendenze a silenziare le critiche alle misure antipandemiche. Tendenze a silenziare il non politicamente corretto. Si leggono sui giornali critiche a chi dà voce alle minoranze perché essendo minoranze non devono essere aiutate ad esprimersi. Ma la democrazia non vorrebbe che anche un singolo cittadino possa dire la propria?

Leggi tutto

Politica

UN LAVORO CHE CONTINUA

Cinque anni fa, nel giugno 2016, quando il Popolo della Famiglia esordì alle amministrative, non eleggemmo nessuno. Immediatamente ci diedero per “morti nella culla” e si alzarono voci esterne ma anche interne che tra il cattivo e il derisorio chiedevano la chiusura immediata dell’esperimento politico di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato che intendeva dare battaglia in particolare sui “principi non negoziabili” indicati da Papa Benedetto XVI al raduno del Partito popolare europeo del 30 marzo 2006

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano