Storie

di Paolo Nardon

La Magia Della Notte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Spesso si sentono persone che ne parlano con distacco, quasi sia un qualcosa che non li interessi o che, addirittura, non li abbia mai riguardati. Abbassano la voce e si guardano intorno con circospezione per vedere se qualcuno di indiscreto stia origliando. Credono che tutti i disastri del mondo vengano da lì e che per eliminarli dalla faccia della Terra bisognerebbe “disinfettarla” e “sterilizzarla”. Hanno la certezza matematica che i mala tempora che viviamo abbiano origine da lei; potendo quasi quasi la “eliminerebbero” per legge.

Prima di far prendere fischi per fiaschi a tutti, chiariamo… mi sto riferendo alla NOTTE.

Subito dopo il Lockdown più duro e nel pieno del periodo del coprifuoco, parlando tra amici della mancanza della vita sociale in generale e della movida in particolare, ho ricevuto una risposta “stupefacente”. L’interlocutrice mi ha candidamente detto : “Vorrei che queste restrizioni rimanessero per sempre”. Ovviamente a questa pirlata fotonica il gin tonic che stavo bevendo mi è uscito dal naso, dagli occhi e dalle orecchie; se subito dopo non è partito dritto per dritto un “Ma vaffa…” è solo, e soltanto, per la Misericordia che il Padre Eterno ha per il sottoscritto. Comunque vi garantisco che ci siamo andati vicini, molto vicini. La pensata di chiudere il mondo in un perpetuo lockdown notturno derivava dalla balzana idea che così non si sarebbe più peccato. Devo ammettere che sono rimasto allucinato e senza parole… e la cosa non è proprio così facile.

Associare automaticamente la notte a condotte riprovevoli è una cazzata; in materia ho un po’ di esperienza e posso testimoniare che è sbagliato oltre che ingiusto.

È sbagliato perché i casini li possiamo fare sempre… altroché il Venerdì o il Sabato sera. Se si vuole fare sesso ad minchiam non occorre aspettare la notte, se si vuole farsi una pista di cocaina non occorre aspettare il calare delle tenebre; volendo, ed avendo i “giusti” contatti, queste, ed altre cosette, le si possono fare anche all’ora di pranzo. Spero di non sconvolgere e scandalizzare nessuno (… chi se ne fotte), ma nelle nostre scuole ne succedono di tutti i colori, e non mi riferisco solo ai periodi di occupazione ecc.

Ragionando con il metodo “lockdown moralistico/repressivo” dovremmo chiudere scuole, uffici, stadi, tribunali, ospedali, negozi, piazze… e non solo di notte, ma sempre. Ovviamente anche le nostre case non sarebbero risparmiate dalla virulenza puritana, in ogni istante potrebbero sfondarci la porta con un ariete per verificare che noi si sia bravi e buoni.

È ingiusto perché tutti noi abbiamo il diritto (e forse il dovere) di fare cazzate nella vita. Non possiamo togliere la libertà di sbagliare dal mondo. Non sarebbe più una vita piena ma un surrogato. Ovviamente non dobbiamo provare e fare tutto, ma toglierci a priori, e per norma, la possibilità di fare certe esperienze farebbe di noi persone non libere, quasi degli schiavi.

È chiaro che ciò che illegale ed illecito non deve essere fatto ma estirpare, a forza, le situazioni dove teoricamente queste cose accadono è delirante oltre che impossibile.

La notte, invece, è magica; la stragrande maggioranza di noi che stiamo qui a raccontarcela ci siamo perché una notte i nostri papà e le nostra mamme si sono voluti bene. Quasi tutti loro, ancora prima, si erano conosciuti una notte ad una festa, in una balera, in un ristorante, in una discoteca e vattelappesca. Quello è stato il primo momento in cui hanno potuto entrare in una relazione più profonda e personale.

Quando le luci si abbassano e la penombra nasconde un po’ le nostre paure ed insicurezze, lì scocca la scintilla che fa girare, ed andare avanti, il mondo.

Le cose più belle che ho scritto (canzoni, articoli, pensieri) le ho pensate di notte, quando tutto rallenta e le cose intorno a te acquistano forme e significati diversi e nuovi. Sei nel letto al buio e prima di addormentarti pensi alla tua giornata, alla tua vita e tutto si mescola in un vortice impazzito e fecondo.

Di notte ho conosciuto le ragazze di cui mi sono innamorato perso, di notte le ho baciate protetto dal velo tenue e fresco della tarda sera. Ed è stata una figata infinita. Di notte ho vissuto, nel bene e nel male, i momenti più indelebili della mia esistenza; ognuno è parte integrante di me… ognuno è indispensabile.

Pensare che qualcuno voglia togliere il caldo - fresco brivido della notte è terrorizzante. Ci sono periodi in cui aspetti solo che arrivi la sera per iniziare a vivere veramente, perché le giornate di sole non hanno quasi alcun senso e significato. Con il passare delle ore cresce l’attesa e con essa l’emozione per quello che, poi, vivrai ed assaporerai.

La Pace

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/08/2022
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Politica

La piccola Banda

Il Pd è ora una banda senza popolo, che gestisce ancora interessi enormi ma senza ormai passione

Leggi tutto

Politica

CODICE DI CAMALDOLI: STATO E FAMIGLIA

La Costituzione repubblicana deve moltissimo al Codice di Camaldoli e la sua riscoperta serve a tornare alle radici e alle ragioni di un tempo in cui un soggetto politico autonomo di ispirazione cristiana riusciva a essere sostanzialmente egemone, perché partiva da uno studio analitico delle esigenze del Paese, fornendo risposte chiarissime anche quando queste risposte dovevano essere necessariamente complesse.

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Politica

Destra e sinistra

Ho imparato da piccolo che chi mi dice “rossi e neri sono tutti uguali” dice una bugia. E ho sviluppato una idiosincrasia alla semplificazione e alla banalizzazione, sia di destra che di sinistra.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano