Politica

di Nathan Algren

Immigrazione illegale e ministero del Mare

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quella che i cugini transalpini francesi chiamano Azione dello Stato sul Mare affidandone la responsabilità alla Marina alle dipendenze del Primo Ministro, in Italia impegna vari attori che agiscono sotto più ministeri. La frammentazione italiana potrebbe ridursi se, nella prossima legislatura, venisse costituito il Ministero del mare, come auspicato da alcuni settori istituzionali e produttivi.

Nel nostro Paese c’è infatti un’organizzazione policentrica delle funzioni marittime non militari che, in estrema sintesi, affida alla Marina la cosiddetta “Polizia dell’Alto Mare”, alla Guardia di finanza la cosiddetta “Sicurezza del Mare” ed alla Guardia costiera la tutela di sicurezza della navigazione (SAR compreso), protezione ambientale e controllo della pesca.

Il modello italiano è rodato sul piano operativo anche grazie a reciproche sinergie tra le tre componenti: queste sono di fatto e di diritto autonome, benché si auspichi, ad esempio, maggiore integrazione tra Marina e Guardia costiera.

L’applicazione concreta della formula concorsuale tra le Forze marittime è stata attuata con il Regolamento 19 giugno 2003 discendente dalla L. 189-2002 “Fini-Bossi, dedicato a vigilanza, prevenzione e contrasto dell’immigrazione clandestina via mare. Il provvedimento – sinora mai emendato – è incentrato sulla competenza istituzionale, in materia di ordine e sicurezza pubblica sul mare del ministero dell’Interno-Direzione centrale immigrazione, il quale potrebbe in teoria disporre anche misure di respingimento.

Sono previsti due dispositivi di controllo: quello affidato alla Marina in acque internazionali per le sue capacità di comando e controllo cui concorre la Guardia Costiera, e quello delle Forze di polizia nelle acque territoriali. Entrambi i dispositivi si fondono per così dire nella «fascia di coordinamento che si estende fino al limite dell’area di mare internazionalmente definita come “zona contigua” nelle cui acque il coordinamento delle attività navali connesse al contrasto dell’immigrazione clandestina, in presenza di mezzi appartenenti a diverse Amministrazioni, è affidato al Corpo della Guardia di Finanza».

Nel momento in cui è ripreso dibattito politico sulle proposte di contrastare l’immigrazione irregolare con un “blocco navale” o con nuovi provvedimenti di “chiusura dei porti” sarebbe bene riconsiderare le linee portanti del suindicato Decreto dell’Interno: esse sono di certo perfettibili, ma rispondono a logiche basate sulla tutela dell’integrità territoriale delle frontiere marittime, proprie dell’ordinamento giuridico italiano ed internazionale.

Andrebbe per esempio valutata la questione della creazione della zona contigua che la Convenzione del diritto del mare autorizza nella fascia tra le 12 e le 24 miglia dal limite delle acque territoriali per prevenire e reprime le violazioni alle norme di immigrazione, doganali, fiscali e sanitarie. Per quanto istituita dalla Legge “Fini-Bossi”, la zona contigua italiana è rimasta inattuata sul piano concreto quanto a limiti effettivi e poteri di polizia esercitabili. Non sono mai stati approfonditi i motivi di una simile scelta che potrebbe aver depotenziato l’azione delle Forze di polizia nel contrasto del traffico di migranti.

Un segnale di impegno a rafforzare comunque l’azione di sorveglianza nella fascia delle 24 mg. ci viene dalla Guardia di finanza che, come detto, è il braccio operativo dell’Interno nella tutela dell’ordine e sicurezza pubblica sul mare.

Con una nuova serie di Unità navali della “Classe Bandiera” il Corpo potrà infatti svolgere al meglio, in sinergia con Marina e Guardia costiera, quella sua funzione istituzionale che la prossima legislatura è destinata a riportare all’attenzione del Paese. Intanto, il primo esemplare della nuova Classe, la più grande nave di sempre della Guardia di finanza, naviga già: è il Pattugliatore P04 “Osum” di 500 tonnellate e 60 metri di lunghezza con innovative caratteristiche alturiere e performanti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/09/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Polonia: è allarme migranti dalla Bielorussia

Centinaia di migranti sono arrivati a piedi al confine tra Bielorussia e Polonia per richiedere asilo politico a Varsavia e il cordone della polizia e dei militari li ha respinti. Si tratta migranti che stavano tentando di entrare illegalmente nella zona a sud del passaggio della frontiera a Kuznica Bialostocka, dicono fonti del ministero degli Interni.

Leggi tutto

Storie

MAMMA ANNA E RICCARDO, DUE VITE TENUTE LONTANE DAL GREEN PASS

Dalla Sardegna a storia di Anna e Riccardo, mamma e figlio che per diversi mesi sono stati lontani l’una dall’altro in quanto Anna era sprovvista di green pass e non le era consentito visitare Riccardo, ospite in una struttura privata e affetto da tetra paresi spastica.
Con questa breve intervista, vogliamo evidenziare quanto ingiusta sia una misura discriminatoria come il super green pass che il nostro governo ha, purtroppo, difeso a spada tratta sino a oggi.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa incontra l’Associazione Famiglia Spirituale Charles de Foucauld

Papa Francesco ha incontrato, nell’Auletta dell’Aula Paolo VI, un gruppo dell’Associazione Famiglia spirituale Charles De Foucauld. Il Pontefice li ha esortati a seguire l’esempio del santo.

Leggi tutto

Politica

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

Leggi tutto

Media

ALLA RICERCA DELL’ INFORMAZIONE PERDUTA

Siamo di fronte ad un informazione gravemente malata, dove vale la legge della giungla in cui a primeggiare sono solamente i più forti, economicamente parlando ovviamente. Il calo delle vendite sta spingendo a strumentalizzare qualsiasi cosa, a gridare titoli spropositati, a enfatizzare scontri tra le parti in maniera indecorosa, a dare etichette ignobili verso chi la pensa, anche solo leggermente, in maniera diversa

Leggi tutto

Storie

Un bambino al minuto colpito da malnutrizione acuta grave

Dall’inizio dell’anno, ogni giorno, 1 bambino al minuto è stato colpito da malnutrizione acuta grave”. Il duro impatto della crisi globale della nutrizione si sta facendo vedere con la rapida crescita del numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano