Società

di Nathan Algren

PAKISTAN - Libertà su cauzione per tre cristiani accusati di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte Suprema del Pakistan ha concesso la libertà su cauzione a tre cristiani accusati di blasfemia, in due distinti procedimenti le cui udienze si sono tenute nei giorni scorsi.

Nel primo primo caso i giudici hanno concesso la libertà su cauzione a Salamat Mansha Masih, operatore ecologico che era in carcere da 18 mesi per reati connessi alla religione legati a tutti e tre gli articoli del Codice penale che compongono la cosiddetta “legge sulla blasfemia” (295 a, 295 b e 295). Salamat Mansha lavorava come netturbino, insieme al suo collega Haroon Ayub, presso la Lahore Waste Management Company. I due sono stati arrestati dopo che quattro studenti musulmani hanno presentato una denuncia contro di loro con l’accusa di aver predicato il cristianesimo e aver offeso l’islam. Haroon Ayub aveva ottenuto la libertà su cauzione a febbraio 2021 (vedi Fides 17/2/2021).
I giudici hanno concesso a Salamat Mansha Masih la libertà su cauzione e il magistrato Qazi Faez Isa, ha anche rimarcato “Non ho mai visto un caso in cui un cristiano abbia accusato un musulmano di aver commesso blasfemia. Dovremmo essere grati ai nostri fratelli cristiani perché essi si adoperano nel servizio di pulizia delle nostre città”.

Nel secondo procedimento due cristiani, Patras Masih e il Pastore protestante Raja Waris, residenti a Lahore, hanno ricevuto la libertà su cauzione dai giudici della Corte suprema in un caso difeso dall’avvocato Saif-ul-Malook (l’avvocato musulmano che ha difeso Asia Bibi). Patras Masih, che ora ha 22 anni, è stato in carcere per quattro anni e mezzo, accusato di aver proferito commenti sprezzanti nei confronti del profeta Maometto (art 295 c del Codice Penale). Patras è stato accusato nel febbraio 2018 di aver pubblicato una foto su Facebook considerata un post blasfemo. Il Pastore protestante Raja Waris era in prigione da 20 mesi con l’accusa di blasfemia, anch’egli accusato di aver pubblicato un post su Facebook. L’uomo aveva anche rimosso il post incriminato, ma le accuse a suo carica hanno comportato l’arresto.

Joseph Jansen, presidente della Ong “Voice for Justice”, noto attivista per i diritti umani, accogliendo con favore la decisione della Corte Suprema, dichiara sull’accaduto: “Apprezziamo i giudici per aver concesso la libertà su cauzione ai tre cristiani, ma nutriamo ancora serie preoccupazioni per l’uso improprio delle leggi sulla blasfemia, usate per prendere di mira persone innocenti”. “Risultano notevoli - osserva - anche le osservazioni del giudice Qazi Faez Isa che ha parlato contro la discriminazione e l’ingiustizia compiute sulla base delle leggi sulla blasfemia e ha cercato di evidenziare la questione delle false accuse”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/09/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Storie

Cannes, accoltella poliziotto “in nome del Profeta”

L’agente è stato colpito al torace: salvato da giubbotto antiproiettile. La pista è sempre quella terroristica nonostante le smentite di rito.

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

Chiesa

Cardinale Bo: “Il Myanmar può rinascere solo attraverso la riconciliazione”

Il cardinale Bo: “ricostruire la fiducia e ricostruire le nostre istituzioni sarà un compito lungo e arduo. Il conflitto sta diventando sempre più brutale, le atrocità sono ogni giorno più scioccanti”

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Arrestato per blasfemia un giovane musulmano

La polizia di Lahore ha incriminato per blasfemia Muhammad Bilal, giovane musulmano accusato di aver dissacrato la croce della “One in Christ Church”, chiesa di Lahore, dove si raduna una comunità di denominazione pentecostale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano