Storie

di Stefano Di Tomassi

Quella cappellina “nascosta”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E’ l’immagine di una mamma che guarda dritto negli occhi il suo bambino quella della Madonna Madre del Buon Consiglio; un quadro di eccezionale intimità, profondissima relazione, un rapporto riservato e personale. Lì Dio dona questa esperienza. E in effetti è questo che sente il Cuore quando si trova nella cappellina della Madonna del Buon Consiglio, a Saline di Ostia Antica. Un luogo prezioso perché intimo, quasi nascosto tra le casette del quartiere a lato della Via Anselmo Banduri.

Saranno giorni di festa da giovedì 8 Settembre a Domenica 11, per riunire la comunità di prossimità, chiamare a partecipare i cittadini di Ostia Antica e Ostia, di tutte le parrocchie consorelle sul territorio della Prefettura, avvicinare i curiosi, religiosi e laici, agnostici, atei, a vivere comunque quello spazio di interiorità in cui certamente si invita all’introspezione e alla trascendenza prima ancora che all’azione benigna.

Come ci ricordava Sant’Agostino: Non andare al di fuori di te ma entra in te e se trovi la tua materia mutabile (allora) trascenditi”.
La piccola comunità ha comunque organizzato una sobria lotteria, anche allo scopo di fare beneficenza e raccogliere qualche fondo per la manutenzione. Ci saranno inoltre un punto ristoro a partire dal Venerdì, giochi per bambini e balli, la musica della fisarmonica, la canzone italiana, il banco dolci e la live music show. La zona si trasformerà in un piccolo paese cogliendo il meglio di questa atmosfera fatta di familiarità e spensieratezza.

Calendario delle attività

Ma il centro delle festività saranno i momenti di preghiera; il santo rosario con cui si inizieranno i giorni di festa il giovedì alle 17.30. Infine la santa Messa, soprattutto la domenica alle ore 10.30. Questo per rimanere ancorati al luogo di riposo e riflessione certamente e alla storia, che vedeva la cappellina uno spazio per ‘rifugiarsi’ dopo il duro lavoro, questo ci testimonia la chiesetta. Si, perché porta l’identità socio culturale del lavoro nei campi e nelle saline di Ostia e in particolare la storia dell’edificio è legato alla fatica quotidiana; in effetti la costruzione dell’attuale cappella era una fabbrica. Un giorno chiudendo la signora Nunzia e il signor Rocco vollero riunire un pò di lavoratori e piuttosto che vederla decadere trasformarla in un luogo di preghiera e l’affidarono alla madonnina.

Fa parte da quel giorno della parrocchia che vive intorno alla Cattedrale di Ostia la Basilica di Sant’Aurea, retta dai padri agostiniani e guidata da Padre Agostino Ugbomah anche presidente della commissione cultura della Prefettura di Ostia.

Un ultima particolarità di certo interessante è la titolarità cardinalizia che l’amato Vescovo di Osta Antica e Ostia, oggi appunto cardinale arcivescovo di Siena mons. Paolo Lojudice, possiede in Roma su una chiesa che proprio riporta lo stesso nome della cappellina di Ostia Antica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/09/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Chiesa

Frate Antenucci: un ciclo di video meditazioni per imparare ad ascoltare

S’intitola “Le parole del silenzio” il ciclo di video meditazioni di fra Emiliano Antenucci, realizzate in collaborazione con Telepace. Un tema caro al cappuccino che oltre ad essere rettore del Santuario della Vergine del Silenzio ad Avezzano, ha scritto un libro sull’argomento dal titolo eloquente: “Non sparlare degli altri”.

Leggi tutto

Chiesa

Il mese mariano nella Basilica vaticana

Speciali momenti di preghiera e processioni si svolgeranno nel mese di maggio in onore di Maria riconosciuta in particolare a San Pietro con il titolo di “Mater Ecclesiae”

Leggi tutto

Chiesa

La nostra pace sicura

“Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono docile e piccolino di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero” (Mt 11, 28-30).

Leggi tutto

Politica

Adinolfi: grazie Papa Francesco

Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, sottolinea con entusiasmo la decisione di Papa Francesco di consacrare Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria: “Da tempo come Popolo della Famiglia abbiamo indicato la via religiosa come decisiva per la ricostruzione delle condizioni della pace tra Russia e Ucraina.

Leggi tutto

Chiesa

Il sempre nuovo rivelarsi di Dio ai piccoli

Il trionfo del cuore di Maria può forse implicare la ricerca di una spiritualità serena, di un discernimento gradualmente pieno di semplicità e buonsenso (nella fede, per un cristiano). San Francesco, santa Teresina, vivevano nella semplicità di cuore ma potevano distinguere meno rigidità, forzature, sensi di colpa…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano