Storie

di Giuseppe Udinov

Somalia: è allarme carestia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scioccato nel profondo. E’ la definizione che Martin Griffiths, capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, dà di sé dopo aver visto migliaia di bambini affamati, troppo deboli per piangere. In una conferenza stampa a Mogadiscio, il rappresentante Onu non usa mezzi termini, spiega che la carestia è alle porte e si verificherà tra ottobre e dicembre di quest’anno in due distretti nel sud della Somalia, quelli di Baidoa e Buurhakaba.

Il Paese del Corno d’Africa è da sempre afflitto dalla siccità quasi otto milioni di persone ne soffre i devastanti effetti, 213.000 abitanti sono alla fame. Oggi però si fanno i conti con una situazione nuova provocata dalla guerra in Ucraina, per questo soffre della mancanza di aiuti umanitari dirottati verso Kiev. Prima del conflitto poi, la Somalia acquistava almeno il 90% del suo grano dalla Russia e dall’Ucraina ma la guerra ha fatto impennare i prezzi e scarseggiare i generi alimentari. Una situazione che si aggiunge alla violenza dei gruppi estremisti, due giorni fa i jihadisti di Al Shabab hanno ucciso 25 persone in un attacco contro un convoglio che trasportava cibo e aiuti umanitari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa: debellare la povertà per fermare il lavoro minorile

Papa Francesco incontra i partecipanti alla conferenza “Sradicare il lavoro minorile, costruire un futuro migliore” e chiede agli Stati e agli imprenditori “lavoro dignitoso” per gli adulti delle famiglie, in modo che “i figli non siano costretti a lavorare”

Leggi tutto

Società

Onu: legalizzare la droga è un disastro

Nel 2019 e nel 2020 si è registrato un aumento significativo dell’uso quotidiano o quasi quotidiano di cannabis. Nel 2020, l’uso quotidiano o quasi quotidiano di cannabis è stato stimato al 4,1 per cento tra gli studenti delle scuole superiori rispetto a quasi l’1 per cento nel 1991.

Leggi tutto

Società

Virus: ora la minaccia è la Febbre di Lassa

I primi casi di Febbre di Lassa, virus “parente” dell’Ebola, sono stati segnalati nel Regno Unito. La conferma viene dalla Uk Health Security Agency, che fa sapere che una delle due persone infettate (viaggiatori rientrati dall’Africa Occidentale) è fortunatamente guarita e sta bene, mentre l’altra è ricoverata.

Leggi tutto

Società

L’Onu commemora le vittime dell’odio contro la religione

Il 22 agosto si celebra la Giornata internazionale per la commemorazione delle vittime di atti di violenza basati sulla religione o sul credo.

Leggi tutto

Società

Violenza Ostetrica: una proposta ispirata da Flora Gualdani (e la mia)

La donna è al centro della propria salute e quindi tutto dovrebbe filare liscio con grande soddisfazione da parte di tutti, donne incluse. E invece no. La depressione post-aborto esiste, la diffusione delle infezioni e delle malattie sessuali riduce la fertilità, il ricorso a tecniche complesse per la fertilità sfruttano la salute della donna stessa e di altre donne e debilitano la loro salute fisica e psicologica e, come se non bastasse, le donne non fanno più figli anche a causa della ‘violenza ostetrica’ (un’indagine sulla ‘violenza ostetrica’, invero criticata da un’associazione di medici, riporta che ci siano ventimila bambini che ogni anno non vengono al messi al mondo). Mi pare evidente che tutto stoni parecchio, perché le aspettative di una qualsivoglia rivoluzione dovrebbero essere positive.

Leggi tutto

Storie

Siria dramma senza fine

Rapporto Unicef: oltre 6,5 milioni in Siria e altri 2,8 milioni all’estero dipendono dagli aiuti. Nei primi tre mesi dell’anno morti o feriti 213 bambini, dall’inizio della guerra hanno superato quota 13mila.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano