Storie

di Giuseppe Udinov

SUD SUDAN - Allarme povertà lanciato dalla chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Le uccisioni e le violenze sono ancora in corso, anche se non così dilaganti come nel biennio 2016-2018. Si registrano imboscate stradali e rapine da parte di uomini armati, uccisioni di agricoltori nelle loro fattorie da parte di guardiani di bestiame armati (soprattutto nella regione di Equatoria), omicidi a sangue freddo di religiosi e di presunti oppositori politici, lunghe detenzioni di sospetti criminali senza traccia nei tribunali. Recentemente, un nuovo movimento ribelle è emerso nello Stato dell’Alto Nilo con il nome di ‘Movimento di Liberazione del Popolo del Sudan’ (SSPLM), per cui molte persone hanno perso la vita negli ultimi mesi. Davanti a simili atrocità, i leader devono dimostrare maturità politica garantendo la sicurezza, impegnandosi nel dialogo come modo migliore per risolvere le controversie, migliorando e aumentando i servizi umani di base come l’istruzione, la salute e la produzione di cibo e fermando le molestie ai civili da parte del personale militare”. Parlando con l’Agenzia Fides, mons. Alex Lodiong, Vescovo di Yei, in Sud Sudan, non nasconde la sua preoccupazione per la situazione del suo Paese, tormentato da focolai di guerra che, nonostante alcuni significativi passi avanti degli ultimi anni, ancora tardano a spegnersi.

“La situazione – nota il vescovo – non è ancora delle migliori. L’economia soffre, negli ultimi tempi i prezzi sul mercato sono aumentati. I dipendenti pubblici non vengono pagati regolarmente; di conseguenza, non possono provvedere all’istruzione dei figli né alla loro salute e al loro mantenimento quotidiano. Solo coloro che occupano posizioni governative di alto livello, gli ufficiali dell’esercito di alto grado e coloro che lavorano nelle Organizzazioni non governative internazionali (in particolare le Agenzie delle Nazioni Unite) possono permettersi una vita dignitosa. Possono sostenere le spese di istruzione in scuole prestigiose al di fuori del Paese. In alcune zone del Sud Sudan, tra le quali alcune della mia diocesi, non si vedono scuole funzionanti e i bambini nati negli ultimi dieci anni non sono mai andati a scuola. E’ un fatto molto grave”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/09/2022
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

“Non sono democratico, sono comunista”

“Io non sono democratico, sono comunista”. Queste le parole pronunciate nell’ultima seduta del consiglio comunale di La Spezia da un consigliere di minoranza, Massimo Lombardi, eletto nella lista d’opposizione “Spezia bene comune”

Leggi tutto

Storie

MAROCCO - Liberare gli schiavi, ieri e oggi

Per due giorni la parrocchia San Francesco d’Assisi a Fèz ha accolto la visita di 170 pellegrini della Famiglia Trinitaria giunti per ripercorrere il tragitto degli antichi ‘redentori’ che dal 1200 in poi per diversi secoli, venivano a riscattare gli schiavi cristiani prigionieri di musulmani.

Leggi tutto

Chiesa

Fisichella ed il Giubileo 2025

Il calendario dei grandi eventi, gli obiettivi raggiunti e i progetti in vista dell’Anno Santo 2025: è quanto illustrato ai media in Sala Stampa vaticana.

Leggi tutto

Storie

Iraq - Cresce la popolazione cristiana

L’arcivescovo di Erbil ha parlato della situazione irachena in un recente viaggio negli Usa. Parte di quanti sono andati nei Paesi dell’Occidente “stanno tornando”, soprattutto nel Kurdistan. Il desiderio di crescere in un ambiente “davvero cattolico

Leggi tutto

Chiesa

Libro: i discorsi alla Centesimus Annus

Il volume presentato nell’ambito della conferenza internazionale “La memoria per costruire il futuro: Pensare ed agire in termini di comunità”

Leggi tutto

Politica

La curiosa richiesta di Soumahoro

Una commissione parlamentare di inchiesta per svolgere ricerche e indagini sul sistema d’accoglienza in Italia. A chiederne l’istituzione è stato il deputato Aboubakar Soumahoro, ex sindacalista dei braccianti in prima linea nelle battaglie pro-migranti. La prima reazione alla notizia è abbastanza scontata, per quanto provocatoria: chissà se l’eventuale commissione si interesserà anche degli scandali che hanno travolto le coop della famiglia Soumahoro, finite al centro di accertamenti giudiziari per presunte irregolarità nella gestione. A rigor di logica dovrebbe essere così, anche se - nella propria istanza sull’argomento - il deputato ha piuttosto preferito stigmatizzare l’atteggiamento dell’Europa e i decreti governativi degli ultimi anni. Altro focus, insomma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano