Politica

di Mario Adinolfi

Adinolfi a Rai Parlamento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ho provato a evitare tutte le trappole che sono state tese, sorridendo e spiegando. Se sono stato chiaro, me lo direte voi. Credo che il 25 settembre si possa dare il voto ad Alternativa per l’Italia con una qualche fierezza, vista quanta paura facciamo a giornalisti di ogni colore. Avessimo lo stesso spazio televisivo degli altri, prenderemmo il 40%.

Sanzioni alla Russia, caro bollette, immigrazione, utero in affitto, diritto alla vita, battaglia per l’unità delle opposizioni, mai più green pass, mai più lesioni dei diritti costituzionali, no allo Stato che vuole obbligarmi al vaccino e prendere possesso del mio corpo, radici profonde della civiltà occidentale, riferimenti internazionali, reddito di maternità: questi alcuni dei temi affrontati a Raitre per raccontare Alternativa per l’Italia. I 27 minuti di clip integrale sono qui https://youtu.be/rUeeJRn4YJY

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Gli errori-orrori della Fedeli

Impareggiabile Valeria Fedeli! Anche lei è caduta nella più banale delle trappole per i parvenu culturali della politica: la finta laurea. Oscar Giannino docet! Credo si tratti di una questione psicologica. Una sorta di complesso di inferiorità che porta alcuni politici insicuri a fingersi dottori.

Leggi tutto

Politica

Famiglia, la vaghezza di Paolo Gentiloni

Si barcamena tra l’omaggio formale alla cellula fondamentale del «tessuto della nostra società», nonché «principio costituzionale e fondamento della Repubblica», e vaghe allusioni alle forzature
governative sulla legge Cirinnà. Poi incensa a parole il ruolo decisivo del credito privato italiano nelresistere al debito pubblico ma avverte, come la Boschi su Avvenire: non ci saranno grandi regalie.

Leggi tutto

Politica

Il disegno politico di Salvini

Salvini pensa che governerà “per un trentennio” e in effetti l’assenza di opposizioni oltre che la debolezza del suo alleato nell’esecutivo lo autorizza a queste rosee previsioni. In più è andato ad Arcore da Berlusconi per accertarsi che a Berlusconi interessa sempre e solo una cosa, cioè la sua “roba”, i tetti pubblicitari e quelle faccende lì, sul resto via libera a tutto a partire da Foa presidente della Rai che, poverino, è a bagnomaria a viale Mazzini da due mesi.

Leggi tutto

Politica

Bibbiano non è un mistero italiano

Ieri Enrico Mentana ha tentato di mescolare le carte sul sistema Hansel e Gretel, a partire da presunti “abusi realmente avvenuti”. Ideologia.

Leggi tutto

Società

Popolo della Famiglia e pensiero unico: intervista a Mario Adinolfi

Leggi tutto

Politica

Cosa serve all’Italia

La ferita inferta dall’astensionismo ormai maggioritario come atteggiamento nel Paese, confermato da dati strazianti sulla bassissima partecipazione popolare alla scelta degli amministratori di tutte le grandi città italiane, è un elemento che è stato rapidamente accantonato nel dibattito politico. Cos’è stato ad allontanare così drasticamente e, sembra, irrimediabilmente i cittadini anche dal mero esercizio del diritto di voto? Che vento spira, da rendere il Paese così cupo? Cosa serve ora all’Italia?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano