Storie

di Nathan Algren

Thailandia - Vendere un rene per il nuovo iPhone

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vendere un organo del proprio corpo per acquistare l’ultimo modello di iPhone. È la provocazione di una immagine postata da una clinica estetica del Laos: nella foto tre giovani con in mano uno smartphone del noto brand espongono medicazioni insanguinate che suggerirebbero un espianto di organi (v. foto)

Dal 10 settembre il post è virale in Thailandia e se da una parte ha fatto sorridere molti, dall’altra ha anche suscitato critiche per il timore che possa attivare processi di emulazione. Da tempo nel Paese va diffondendosi l’idea che l’acquisto di beni di lusso o trattamenti di chirurgia estetica possano concretizzarsi attraverso l’espianto di un rene, che secondo gli esperti viene valutato fino a 30mila dollari sul “mercato” illegale di organi. Non si tratterebbe più, quindi, di donazioni motivate dalla necessità di garantire a se stessi o alla famiglia quanto necessario per vivere, ma una cessione indirizzata a mostrare maggiore benessere e garantirsi maggiore visibilità.

Ad avvisare riguardo i rischi, anche penali, di questa pratica che ha definito non solo “fuorviante” ma anche “immorale e contraria all’etica”, è intervenuto il dottor Sophon Mekhton, rappresentante della Croce rossa thailandese che nel paese coordina il sistema dei trapianti.

Ciononostante la messa in prevendita dell’iPhone 14 sembra avere riacceso insieme interesse e preoccupazione, in una situazione economica e sociale deviata dalla crisi innescata dal Covid-19 in cui si inseriscono con profitto attività criminali. Il traffico di organi in Thailandia resta infatti attivo: il Paese è una base operativa e di transito di organizzazioni criminali specializzate, e uno snodo per i donatori, che in molti casi sono cittadini dei Paesi confinanti come la Cambogia.

La legge thailandese proibisce la donazione se non tra consanguinei e su base altruistica, ma diversi casi indicano l’esistenza di un’area di illegalità che sfrutta le strutture nel Paese o all’estero che si prestano a tali attività approfittando anche dei bisogni indotti dalla pandemia e da una richiesta sempre crescente.

Non sempre, poi, espianto e donazione avvengono in modo volontario: come indicato nel rapporto 2020 sulla tratta di esseri umani dell’Ufficio delle Nazioni Unite sulla droga e il crimine (Unodc) e confermato anche lo scorso agosto alla fine dell’incontro di coordinamento regionale dell’organizzazione, la Thailandia resta esposta al fenomeno di espianti di organi da vittime di tratta, con un numero di casi in aumento. La vera entità del fenomeno, avverte l’Ufficio Onu, sfugge alle statistiche ma potrebbe essere molto superiore ai casi individuati.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/09/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

L’eugenolo: potenziale antivirale contro il COVID-19

Una collaborazione tra l’Istituto di nanotecnologia del Cnr e le Università della Calabria e di Saragozza ha mostrato che la piccola molecola di questo composto naturale inibisce la proteina 3CLpro del virus SARS-CoV-2, fondamentale per la sua replicazione. Lo studio pubblicato su Pharmaceuticals apre nuove prospettive, da approfondire con ulteriori ricerche

Leggi tutto

Media

Cinema “PerdutaMente” di Paolo Ruffini ed Ivana Di Biase

In questo nuovo lavoro, Ruffini si mette in viaggio per l’Italia alla ricerca di incontri, esperienze, confronti con persone affette dall’Alzheimer, e con chi se ne prende cura: parenti, amici, affetti.

Leggi tutto

Storie

Disagio psichico: +17% richieste di supporto psicologico a causa della pandemia

Sono aumentate del 17% in un anno le richieste di supporto psicologico attraverso i servizi-segno di Caritas diocesana Vicentina

Leggi tutto

Storie

Bambino di 3 anni morto per Il lockdown

Bloccato in casa per il lockdown, un bimbo di 3 anni sarebbe stato raggiunto da una presunta fuga di gas, che non gli ha lasciato scampo, senza la possibilità di uscire, chiuso in un complesso residenziale a Lanzhou, città nel nordovest della Cina

Leggi tutto

Storie

Esiste un legame fra coronavirus e salute neurologica

Pubblicato sulla rivista Neurological Sciences lo studio italiano che fa luce sui legami fra covid e cervello, con il virus che lo danneggia o ne modifica la morfologia

Leggi tutto

Chiesa

Colombia - Vescovi: no all’aborto

“Perplessità e profondo dolore” sono stati espressi dalla Conferenza Episcopale della Colombia dopo la pubblicazione della nota della Corte Costituzionale secondo la quale “la condotta dell’aborto sarà punibile solo quando sarà eseguita dopo la ventiquattresima (24) settimana di gestazione e, in ogni caso, questo termine non sarà applicabile ai tre casi di cui alla sentenza C-355 del 2006”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano