Storie

di Nathan Algren

MYANMAR - Una chiesa cattolica occupata e minata dall’esercito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il conflitto civile in Myanmar non risparmia il coinvolgimento delle chiese e di altri edifici di culto. Come appreso da fonti locali nella diocesi di Pekhon, le truppe dell’esercito regolare del Myanmar hanno occupato per quattro giorni, dall’8 al 12 settembre, la chiesa cattolica della Madre di Dio, nella piccola città di Moebye, nella diocesi di Pekon (Myanmar centro-orientale). Nell’area sono in corso aspri combattimenti tra l’esercito del Myanmar e le forze di resistenza, le cosiddette People’s Defence Forces, composte perlopiù da giovani che si oppongono alla giunta militare da quando è stato compiuto il colpo stato, il 1° febbraio 2021.

Moebye è una cittadina di circa 500 case, per oltre 2.000 abitanti complessivi, tutti cattolici, che sorge al confine tra gli stati Shan e Kayah, ed è in posizione strategica, sulla strada che dal Loikaw (stato Kayah) porta a Taunggyi (stato Shan). “I militari hanno scelto di rifugiarsi e di accamparsi nella chiesa, perchè sanno che i giovani non l’avrebbero attaccata, per opportunismo e per porsi in salvo”, spiega padre Julio, parroco locale. “Ma non solo l’hanno sporcata e devastata, infrangendo statue e arredi: prima di lasciarla, questa mattina, hanno disseminato l’edificio di mine antiuomo, nascondendole ovunque, nel pavimento , nei banchi, dietro ai libri sacri, per far del male. Sono atti irrispettosi esecrabili, che condanniamo. Chiediamo che le chiese siano tenute fuori dal conflitto”, nota il parroco. Oggi i giovani e volontari cattolici si stanno dedicando a ripulire e, con molta attenzione, a sminare l’edificio e i dintorni. della chiesa.

Come spiegano a Fides fonti locali, in alcune aree nella nazione, come nel Nord, sono in corso forti combattimenti tra l’esercito e le forze resistenti, spesso unite agli eserciti delle minoranze etniche. In altre zone della nazione si registra invece un conflitto a bassa intensità che coinvolge anche le città più grandi come Yangon, Mandalay, Pathein, dove gruppi di giovani attaccano di sorpresa check point militari, camionette dell’esercito, posti di polizia.

“Non abbiamo sicurezza, anche se la giunta militare ha annunciato la volontà di alleggerire le restrizioni alla vita sociale e civile”, riferisce Joseph Kung, cattolico di Yangon, responsabile di un istituto universitario privato. “A oltre un anno e mezzo dal colpo di stato, la gente è davvero stanca del conflitto e desidera tornare alla vita normale. Come cattolici, continuiamo a sperare e pregare, seguendo di nostri Pastori che ci invitano a vivere con fede questo momento di sofferenza e di prova, ci guidano sulla via della non violenza, chiedono giustizia e pace”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Chiesa

Possibili vie del traboccamento

Eventuali passaggi non adeguati dal principio immutabile all’accompagnamento specifico possono orientare qualche altro pastore per esempio a variamente temere l’attenzione, nei modi e nei tempi adeguati fin dalla scuola, allo sviluppo spirituale e culturale delle diverse identità, filosofie e religioni. Rifugiandosi in un molto positivo incontro tra di esse

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano