Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Preghiera e solidarietà per aiutare le famiglie cattoliche

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le persone colpite dalle forti piogge nella provincia del Sindh si trovano in una situazione terribile: molti vivono a cielo aperto, senza cibo da mangiare, senza casa, senza una cucina e senza servizi igienici. Per ora non possono fare altro che aspettare l’aiuto delle istituzioni e delle persone di buona volontà. Le inondazioni hanno distrutto le loro case, i raccolti e centinaia di animali sono annegati. Ora si aggiungono anche problemi di carattere medico. La gente giace sulle strade e aspetta soccorso: la nostra risposta è fatta di preghiera, vicinanza umana e solidarietà”: lo dichiara suor Elizabeth Niamat FC, che ha guidato la delegazione della St. Joseph’s Convent School di Karachi per portare aiuti umanitari alle famiglie colpite dalle inondazioni che negli ultimi due mesi hanno toccato un terzo del territorio pakistano e colpito 33 milioni di persone.La suora cattolica, insieme a 20 membri del team, tra i quali volontari e studenti, ha incontrato 200 famiglie del villaggio di Sujawal a Thatta e 50 famiglie del villaggio di Badin, consegnando cibo e tende. Suor Elizabeth riferisce: “Oltre ai pacchi alimentari di cibo, abbiamo distribuito alle donne asciugamani, lenzuola, coperte, medicinali e kit per l’igiene. Abbiamo anche allestito un campo medico e fornito medicinali alle donne e ai bambini disidratati o con problemi di salute. Abbiamo dato tanta consolazione conforto umano”.

Diverse associazioni , movimenti, gruppi parrocchiali della comunità cattolica di Karachi, capitale della provincia del Sindh, si sono mobilitati per raggiungere le persone colpite dalle inondazioni nei villaggi della provincia, devastati dalle alluvioni. Tra gli enti che hanno promosso programmi di assistenza umanitaria, la Caritas di Karachi ha raggiunto 100 famiglie vulnerabili colpite da calamità a Kund Jhang nel distretto Malir di Karachi. Mansha Noor, segretario esecutivo della Caritas di Karachi, parlando a Fides , racconta: “Stiamo lavorando per raggiungere quante più persone possibile con pacchi di cibo e kit di ricovero. Stiamo assistendo oltre 100 famiglie, in particolare 30 nuclei familiari le cui case sono state devastate”.. Per ora non possono fare altro che aspettare l’aiuto delle istituzioni e delle persone di buona volontà. Le inondazioni hanno distrutto le loro case, i raccolti e centinaia di animali sono annegati. Ora si aggiungono anche problemi di carattere medico. La gente giace sulle strade e aspetta soccorso: la nostra risposta è fatta di preghiera, vicinanza umana e solidarietà”: lo dice all’Agenzia Fides suor Elizabeth Niamat FC, che ha guidato la delegazione della St. Joseph’s Convent School di Karachi per portare aiuti umanitari alle famiglie colpite dalle inondazioni che negli ultimi due mesi hanno toccato un terzo del territorio pakistano e colpito 33 milioni di persone (vedi Fides 29/08/2022 e 9/9/2022).

La suora cattolica, insieme a 20 membri del team, tra i quali volontari e studenti, ha incontrato 200 famiglie del villaggio di Sujawal a Thatta e 50 famiglie del villaggio di Badin, consegnando cibo e tende. Suor Elizabeth riferisce: “Oltre ai pacchi alimentari di cibo, abbiamo distribuito alle donne asciugamani, lenzuola, coperte, medicinali e kit per l’igiene. Abbiamo anche allestito un campo medico e fornito medicinali alle donne e ai bambini disidratati o con problemi di salute. Abbiamo dato tanta consolazione conforto umano”.
Diverse associazioni , movimenti, gruppi parrocchiali della comunità cattolica di Karachi, capitale della provincia del Sindh, si sono mobilitati per raggiungere le persone colpite dalle inondazioni nei villaggi della provincia, devastati dalle alluvioni. Tra gli enti che hanno promosso programmi di assistenza umanitaria, la Caritas di Karachi ha raggiunto 100 famiglie vulnerabili colpite da calamità a Kund Jhang nel distretto Malir di Karachi. Mansha Noor, segretario esecutivo della Caritas di Karachi, parlando a Fides , racconta: “Stiamo lavorando per raggiungere quante più persone possibile con pacchi di cibo e kit di ricovero. Stiamo assistendo oltre 100 famiglie, in particolare 30 nuclei familiari le cui case sono state devastate”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/09/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Pakistan - I cristiani pregano per le minoranze

Esortando l’intera comunità cristiana in Pakistan ad essere unita nella preghiera per i defunti e per i presbiteri feriti, l’Arcivescovo Travas ha detto: “Faccio appello al governo del Pakistan affinché prenda provvedimenti immediati e seri contro questo incidente, arrestando gli aggressori e lavorando per la pace e la sicurezza di tutte le minoranze religiose che vivono in Pakistan”.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - Governo di Islamabad contro ong che difende libertà religiosa

Secondo quando citato da un quotidiano locale il governo federale avrebbe chiesto alle autorità del Punjab di prendere provvedimenti contro il Centro per la giustizia sociale, “reo” di aver denunciato gli abusi della legge sulla blasfemia e le conversioni forzate.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Violenze per blasfemia

Un tribunale antiterrorismo (ATC) di Lahore ha emesso un verdetto sul caso dell’uccisione del cittadino srilankese Priyantha Kumara, ucciso da una folla a Sialkot nel dicembre 2021 con l’accusa di blasfemia

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Incontri interreligiosi e vicinanza ai poveri

L’Arcivescovo di Islamabad-Rawalpindi, mons. Joseph Arshad, nel corso dell’incontro ha rimarcato: “L’intolleranza, la violenza, l’estremismo e la crisi economica sono le maggiori sfide che affronta attualmente il Paese”

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cristiani ricercati per svolgere i lavori più umili

In Pakistan circa il 95% degli operai addetti alla pulizia e alla sanificazione di strade, ospedali, scuole e istituti pubblici, fogne, appartiene alle minoranze religiose. Il fatto che questi operatori appartengano alle minoranze religiose si lega all’antica concezione castale ancora presente nelle società del subcontinente indiano, che riserva alle caste più basse i lavori più umili. Sono lavori che i musulmani rifiutano. “Si tratta di un doppio standard”, ha scritto in passato la Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi cattolici del Pakistan, lamentando “il trattamento discriminatorio riservato alle minoranze religiose”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano