Storie

di Nathan Algren

Sri Lanka - La ‘disumana’ legge antiterrorismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Attivisti cristiani in Sri Lanka e istituzioni internazionali, fra le quali l’Unione europea, hanno lanciato un appello al governo perché sospenda con effetto “immediato” una legge sfruttata in modo “disumano” per colpire i cittadini. Al centro della controversia il Prevention of Terrorism Act (Pta), utilizzato nel recente passato per colpire manifestanti pacifici come denunciato da rappresentanti Ue al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

In occasione della 51ma sessione aperta in questi giorni, i delegati europei hanno riaffermato il loro impegno a favore dei diritti umani, della riconciliazione e dell’imputabilità dei responsabili delle violenze nel Paese asiatico. Pur a fronte di enormi sfide rappresentante dalle proteste di piazza e dal cambio alla guida del governo, resta fondamentale garantire i diritti umani e le libertà di base “incluse le persone e i gruppi in condizioni di emarginazione e vulnerabilità”.

In tema di diritti umani si registra anche l’intervento del Christian Solidarity Movement (Csm), che condanna con forza la legge antiterrorismo da ritirare “immediatamente” perché fonte di “repressione disumana”. Durante una conferenza stampa promossa dal Centre for Society and Religion di Maradana, p. Sarath Iddamalgoda ha riferito dell’arresto di “circa 3mila attivisti e almeno di questi 1.200 sono finiti in prigione”. Alcuni sono stati fermati proprio in base alla Pta e “circa una ventina di essi sono giovani Tamil”. “Lottare per bisogni di base come il cibo è forse sbagliato?” chiede il sacerdote, secondo cui non è possibile equiparare una protesta ad un “atto di terrorismo”.

L’appello è rilanciato da suor Rasika Peiris, anch’essa parte del Csm, la quale solidarizza con i giovani scesi in piazza a lottare contro le ingiustizie sociali, le disparità economiche e la povertà diffusa. E, per questo, sono stati vittime di una brutale repressione per mano delle forze di polizia che hanno agito impunite grazie anche alla legge antiterrorismo. “Qui si è operato secondo il criterio della vendetta personale - accusa la religiosa - e non applicando il diritto”, per questo è ancora più urgente che “la norma venga cancellata immediatamente” dato che oggi consente nel sud gli stessi abusi che in passato avvenivano nel nord [ai tempi della guerra contro i Tamil].

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/09/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

Chiesa

Nel 2021 uccisi nel mondo 22 missionari

Fides: l’Africa è tristemente in testa ai Paesi del mondo per numero di missionari uccisi. Seguono America, Asia ed Europa. Dal 2000 al 2020, in tutto il globo, si registra l’omicidio di 536 evangelizzatori

Leggi tutto

Storie

Dalai Lama: basta guerre

Il Dalai Lama ha lanciato oggi un appello alla pace in Ucraina affermando che la guerra è “obsoleta”: secondo quanto riporta la Cnn, il leader spirituale tibetano in esilio si è detto “profondamente rattristato” dal conflitto e ha esortato entrambi i Paesi alla “comprensione reciproca”.

Leggi tutto

Chiesa

Mozambico: migliaia di persone in fuga dalla violenza

Secondo le autorità locali, il distretto di Mueda ospita 134.515 sfollati interni, il che lo rende uno dei più grandi distretti che ospitano le comunità sfollate all’interno di Cabo Delgado.

Leggi tutto

Storie

Vietnam - Nuove persecuzioni contro i cristiani

Un nucleo di 13 persone oggetto di attacchi e intimidazioni a causa della loro fede. Le autorità hanno negato il certificato di nascita a uno dei figli.

Leggi tutto

Storie

MOZAMBICO - “Per fermare i jihadisti occorre dare un futuro ai giovani

Non ci possono essere vittime di seria A e vittime di serie B”. “La risposta ai jihadisti non può essere solo militare ma occorre fornire speranza ai giovani, altrimenti tentati dal reclutamento nelle file jihadiste”. Sono alcune delle affermazioni rilasciate da Mons. Juliasse Ferreira Sandramo, Vescovo di Pemba, diocesi che si trova a Cabo Delgado, la provincia settentrionale del Mozambico da alcuni anni destabilizzata dai ribelli che hanno aderito allo Stato Islamico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano