Politica

di Roberto Signori

USA - Fermate la dottoressa gender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Scandalo negli Stati Uniti - e come non potrebbe - l’iniziativa della dottoressa Sidhbh Gallagher la quale, tramite la nota piattaforma utilizzata soprattutto da adolescenti e giovanissimi TikTok, sta promuovendo i suoi stessi interventi chirurgici per il cambio di sesso.

La dottoressa - che è un noto chirurgo plastico con sede a Miami - affronta nei suoi video le tematiche di ”riaffermazione del genere”, comprese le mastectomie e gli interventi chirurgici ai genitali e critica gli sforzi per limitare le procedure di cambio di sesso dei giovani. Il profilo TikTok di Gallagher contiene centinaia di video sugli interventi chirurgici relativi ai transgender che lei stessa esegue, alcuni dei quali includono foto o video dei suoi giovani pazienti che mostrano le cicatrici della mastectomia. Una serie di video, quelli della Gallagher che in realtà non sono una novità, poiché si inseriscono in quella tendenza e cultura - ora diventata anche social - pro-medicalizzazione e pro-riaffermazione del sesso, che hanno infatti il drammatico obiettivo di spingere al transgenderismo e incoraggiare i giovani e i giovanissimi a perseguire interventi medici.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/09/2022
2801/2023
San Tommaso d'Aquino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ecco a cosa mira il gender

Le riflessioni sulle tematiche dell’ideologia di genere in un libro di padre Giorgio Carbone

Leggi tutto

Storie

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Politica

Saremo l’antidoto principale

Di Bibbiano si tace sempre un dato: i bimbi vennero sottratti alle famiglie utilizzando le perizie del finalmente condannato Claudio Foti di Hansel&Gretel per assegnarli tramite Federica Anghinolfi persino a coppie lesbiche di sue ex fidanzate. Donne spostate di testa che scaricavano le bambine per strada sotto la pioggia perché non volevano confermare gli “abusi” subiti in famiglia, urlando come matte (gli audio sono disponibili agli atti e fanno paura). A un papà la Anghinolfi tolse i bambini di 3 e 5 anni accusandolo di “omofobia” perché non accettava che la moglie si fosse messa con una donna: “Lei non vedrà i suoi figli finché non imparerà ad accettare le relazioni di genere”. I bimbi tornarono a casa solo dopo l’arresto della Anghinolfi, ma ormai traumatizzati per sempre.

Leggi tutto

Storie

Norvegia, uomo condannato per aver insultato un trans

Norvegia, uomo condannato per aver “insultato” un trans utilizzando i pronomi maschili

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano