Società

di Raffaele Dicembrino

Covid: in scadenza un milione di vaccini

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Vaccini - Vi ricordate quando i vaccini scarseggiavano? Ebbene ora invece sono troppi ed in scadenza!

Infatti la pandemia impallidisce, anche in Piemonte, l’approccio della popolazione verso i vaccini è sempre più tiepido (al netto dei quasi 500 mila piemontesi che non hanno mai aderito alla campagna). E i vaccini, inutilizzati, restano nei magazzini delle Asl, scadono. In compenso ne stanno arrivando altri, più evoluti, che non solo rischiano di fare la stessa fine ma moltiplicando l’offerta, per di più in tempi ravvicinati, promettono di creare non poca confusione: in quanti devono somministrarli e in quanti devono riceverli.

Sul primo fronte fanno fede i numeri della Regione. Oggi come oggi, le aziende sanitarie hanno in giacenza nei magazzini circa un milione di dosi: la maggior parte, circa 600 mila, scadono nel 2023, soprattutto ad aprile. Tra settembre e ottobre, invece, le dosi in scadenza sono soprattutto circa 300 mila Pfizer pediatrici, che la Regione ha già messo a disposizione del governo per donarli a Paesi che ne hanno bisogno. Molto difficile: in passato ci aveva già provato, l’esperienza insegna. In alternativa dovranno essere smaltiti, un termine elegante per dire che saranno buttati.

Nei giorni scorsi la struttura commissariale centrale ha scritto alle Regioni, tutte quante, chiedendo di fornire informazioni sulle rispettive potenzialità di somministrazione di vaccini. Un’ulteriore nota ha spiegato come l’attuale contesto epidemiologico, con un incremento significativo dei contagiati ed un conseguente dilazionamento dei tempi di somministrazione delle dosi di vaccino(prima, seconda e booster) abbia generando un surplus nelle scorte. Dato l’approssimarsi della scadenza di alcuni lotti, si precisa che sarà necessario da parte di ciascuna Regione procedere allo smaltimento delle dosi scadute, in analogia a quanto previsto per gli altri vaccini. E’ il caso, ad esempio, della sostanziosa quota di antinfluenzali che ogni anno, al termine della stagione, restano inutilizzati.

Come si premetteva, l’eccesso di offerta non riguarda solo la quantità dei vaccini, ma la tipologia. Salvo contrordini, quello somministrato finora, tarato contro il ceppo originale del Covid di Whuan, resta per il ciclo primario: prime e seconde dosi. Quello aggiornato contro Omicron 1, appena consegnato sarà impiegato per le terze e le quarte. Ma a breve arriverà quello aggiornato contro le varianti Omicron 4 e 5, già autorizzato da Ema e in Italia da Aifa, che probabilmente sostituirà il secondo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/09/2022
0312/2023
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

Società

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

Riflessione sulla scuola italiana.Il testo di un ricco e stimolante intervento dalla terza festa nazionale del nostro quotidiano.

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Politica

INSEGNAMO AI GIOVANI CHE LA POLITICA E’ LA PIU’ ALTA FORMA DI CARITA’.

La politica non deve essere una caccia al poteree d alle poltrone, ma una forma di carità.

Leggi tutto

Politica

UN LAVORO CHE CONTINUA

Cinque anni fa, nel giugno 2016, quando il Popolo della Famiglia esordì alle amministrative, non eleggemmo nessuno. Immediatamente ci diedero per “morti nella culla” e si alzarono voci esterne ma anche interne che tra il cattivo e il derisorio chiedevano la chiusura immediata dell’esperimento politico di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato che intendeva dare battaglia in particolare sui “principi non negoziabili” indicati da Papa Benedetto XVI al raduno del Partito popolare europeo del 30 marzo 2006

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano