Media

di Marco Boldini

A Tu Per Tu Con Giulia Bucci Libero

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Giulia Bucci libero della pallavolo Teatina formazione nero verde che milita nel campionato di serie B2 retrocessa la passata stagione al playout nel Golden set contro Jesi.

Giulia 173 centimetri di altezza nativa di Aprilia in provincia di Latina classe 2002 vanta esperienze in campionati superiori serie A2 e serie A1 tutte con la maglia dell’Acqua e Sapone Roma Volley club. La stagione 2018 2019 con il numero 15 sulla schiena mentre nelle altre annate con il numero 3, numero che indosserà anche in questa stagione agli ordini di coach Pino Iannuzzi.

L’INTERVISTA di Marco Boldini

1) Quali sono gli obiettivi per questa stagione che contributo puoi dare tu vista la tua esperienza in categorie superiori?

1) Gli obbiettivi di questa stagione sono in primis migliorarmi e crescere sotto tutti i punti di vista, obiettivi che mi prefisso ogni stagione… e poi vorrei dimostrare a me stessa e agli altri tutto il mio valore accresciuto negli anni precedenti. L’obbiettivo di squadra è quello di fare bene, di riuscire a dare sempre il nostro meglio sperando di regalare ai nostri tifosi e a tutti quelli che ci seguono più soddisfazioni possibili e poi chissà mai porsi dei limiti..

2) Che cosa ti ha spinto a scegliere la pallavolo Teatina per la stagione 2022/2023?

2) Ho scelto Chieti perché la società fin da subito ha dimostrato il forte interessamento nei miei confronti e di questo gliene sono molto riconoscente… e poi perché come ho già detto in precedenza avevo la necessità di mettermi in gioco e di creare una sorta di sfida con me stessa.

3) Che metodo utilizzi per caricarti prima di una partita importante?

3) Di solito mi carico ascoltando le mie solite canzoni pre partita, ormai è diventato anche un fattore scaramantico, la canzone che ascolto puntualmente è “Balliamo sul mondo” di Ligabue.

4) Quale ruolo hanno e hanno avuto i tuoi familiari nella tua carriera?

4) La mia famiglia ha avuto e ha un ruolo fondamentale nella mia carriera, hanno vissuto sempre nel mondo della pallavolo, da prima che nascessi…hanno fatto e fanno, insieme a me, molti sacrifici, mi supportano e credono in me dal primo giorno che ho iniziato a giocare… le soddisfazioni che ho avuto fino ad oggi le devo gran parte a loro e spero di averne molte altre ancore per renderli ancora più orgogliosi di me nonostante sappia che in qualunque caso lo saranno sempre a prescindere da tutto

5) C’è un motivo particolare per la scelta del numero 3 oppure è puramente casuale?

5) Il numero tre mi ha sempre affascinato, l’ho sempre ritrovato per coincidenza ovunque nella mia vita, pensando ad esempio che sono la terza di tre figlie…e poi anche perché era il numero di una delle mie due sorelle, giocava a pallavolo e faceva il mio stesso ruolo, ha dovuto smettere per un infortunio, quindi diciamo che l’ho scelto per continuare quello che sfortunatamente lei non ha potuto fare, e poi si sa… il tre è il numero perfetto

6) Come occupi il tuo tempo al di fuori del volley?

6) Oltre la pallavolo, studio Scienze Motorie con l’Università telematica San Raffaele, un giorno vorrei che la mia passione oltre che per la pallavolo ma anche verso lo sport in generale diventasse anche il mio lavoro…

7) Hai giocato a Roma cosa significa per te indossare la casacca della squadra della capitale?

7) Da grande tifosa romanista posso dire che Indossare la maglia della capitale fa un certo effetto, rappresentare una città immensa come Roma è stato per me un vero onore e non escludo la possibilità un giorno di riuscire ad indossare di nuovo quei colori che per me rappresentano casa.

8 ) Raccontami le emozioni di giocare in serie A1?

8) Giocare in serie A1 è stata una bellissima esperienza che porterò sempre nel cuore, mi ha insegnato tantissimo, ho conosciuto atlete di valore dalle quali ho imparato molto, e ho incontrato dall’altra parte della rete delle giocatrici che da bambina vedevo incollata sullo schermo della televisione… È il sogno di ogni ragazza che fa il mio stesso sport, io in parte ho avuto la fortuna e la possibilità di conoscerlo, adesso sarà per me un nuovo inizio con l’augurio che un giorno possa riuscire a rivivere questa esperienza a pieno.

9) Bugher o palleggio cosa preferisci?

9) Bella domanda!! Diciamo che mi fido molto di più del mio bagher, ma anche il palleggio non mi dispiace! Mi piacciono entrambi.

10) In cucina come te la cavi quale piatto ti riesce meglio?

10) In cucina ovviamente non sono brava quanto le mie nonne e sono consapevole del fatto che non riuscirò mai ad esserlo quanto loro ma me la cavo abbastanza bene, non c’è un piatto in particolare che mi riesce meglio, provo a cucinare tutto e per il momento non mi posso lamentare!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Storie

La Brazzale va incontro ai dipendenti che fanno figli

Di sicuro ci vuole coraggio. E così mentre parliamo della desolante situazione attuale sui temi scottanti degli ultimi tempi tiene a smentire un passaggio erroneamente riportato dal quotidiano La Repubblica in cui avrebbe parlato di Dat ed eutanasia. Il passo riporta: “Il ritardo del nostro parlamento nel regolare il diritto di morire con dignità è uno scandalo”. L’imprenditore senza esitazioni ne respinge l’attribuzione e corregge il tiro: “Nella fattispecie il tema del fine vita si è sovrapposto nella cronaca a quello della crisi delle nascite. Quelli dell’eutanasia o del suicidio assistito sono dilemmi che sbattono la nostra coscienza al muro ed ogni scelta si adotti non ci potrà che lacerare interiormente. Non da una prospettiva religiosa, dalla quale il dubbio non si pone, ma da cittadino, mi sento molto vicino a chi vive questi drammi ma non riesco ad abbandonare l’idea di una difesa ad oltranza della vita anche oltre ogni ragionevole obiezione”.

Leggi tutto

Politica

PDF le cinque cose da fare subito

L’assemblea nazionale ha incaricato due commissioni (presiedute da Nicola Di Matteo e Fabio Torriero) di indicare candidati e programma del Popolo della Famiglia per le prossime elezioni politiche

Leggi tutto

Società

Il CAV e l’ombra dell’aborto: il curioso caso di Bergamo

Escluso dal tavolo dei relatori di sabato il presidente FederVita Paolo Picco. La difesa del PdF locale. A Bergamo si è consumato un vergognoso assalto totalitario, in cui un gruppo di pressione ha disposto a proprio piacimento di un organo del Consiglio Comunale, con la connivenza dell’amministrazione Gori, che non si è fatta problemi ad accettare la proposta di sostituzione di Paolo Picco con l’assessore alla Coesione Sociale Maria Carolina Marchesi.

Leggi tutto

Politica

Io quasi quasi andrei

Quarant’anni sono passati e il ricordo di Bachelet è scolorito eppure uccidere il vicepresidente del Csm fu un’impresa terroristica di altissimo livello, forse seconda per importanza istituzionale dell’obiettivo solo al sequestro e all’uccisione di Aldo Moro. L’obiettivo dei terroristi erano i cattolici impegnati in politica, un mese prima a Palermo era stato ucciso il presidente democristiano della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella. Anna Laura Braghetti aveva partecipato all’assalto alla sede della Democrazia Cristiana di Roma in piazza Nicosia, uccidendo gli agenti Antonio Mea e Pierino Ollanu. Bruno Seghetti, che aveva già gambizzato l’esponente della Dc romana Publio Fiori e il direttore cattolico del Tg1 Emilio Rossi, sarebbe stato arrestato il 19 maggio 1980 dopo aver ucciso il 49enne assessore democristiano alla Regione Campania, Pino Amato. Era la mattanza dei cattolici, ma non se ne conserva memoria, gli stessi cattolici impegnati in politica faticano a ricordarsene. E magari stanziano centinaia di migliaia di euro per celebrare il centenario del Partito comunista italiano, come se il brigatismo rosso non appartenesse a quell’album di famiglia.

Leggi tutto

Chiesa

Aborto e referendum, il vescovo di San Marino: ogni uomo ha diritto a vivere

In vista del referendum di domenica 26 settembre sulla depenalizzazione dell’aborto, il vescovo della diocesi sollecita la società a interrogarsi sui suoi valori fondanti e sul diritto alla vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano