Storie

di Tommaso Ciccotti

PAKISTAN - Cauzione negata, resta in carcere un cristiano accusato di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Anwar Masih, cristiano di 57 anni in carcere dal giugno 2020 con l’accusa di blasfemia, “è un innocente, vittima di false accuse. Siamo sorpresi dalla decisione della Corte di respingere la richiesta di libertà su cauzione” . Il caso che lo riguarda “è un classico caso in cui una lite tra i membri della famiglia è trasformata in un caso di blasfemia”, Joseph Jansen, presidente dell’organizzazione “Voice for Justice”, che segue i casi di persone vittime di errori giudiziari in Pakistan. “Bisogna scoraggiare l’uso improprio delle leggi sulla blasfemia. In questo, come in altri casi, la vita della persona e dei suoi cari viene sconvolta: tutti entrano in uno stato di paura di essere uccise in qualsiasi momento. Anwar aveva appreso che sua moglie e sua figlia si sono convertite all’Islam nell’anno 2017 senza informarlo e da allora in famigli si è creata una divisione che ha condotto a questa situazione”.

Secondo la ricostruzione di “Voice for Justice”, Anwar Masih solo nel 2020 è venuto a sapere che sua moglie e sua figlia si erano convertite all’islam e che sua figlia si preparava a un matrimonio islamico. Durante una lite intercorsa, la moglie di Anwar Masih si è rivolta agli ufficiali di polizia per chiedere un aiuto e una mediazione, ma la polizia ha invece presentato un rapporto accusando Anwar ai sensi dell’art 295 comma C del Codice Penale del Pakistano (uno gli articoli che compongono la cosiddetta “legge sulla blasfemia”), per presunto vilipendio contro il profeta Maometto.
Da allora gli altri familiari cristiani di Anwar Masih, come il figlio Imran Masih, vivono nella paura e hanno ricevuto minacce e intimidazioni con l’invito a convertirsi all’islam. “Ora viviamo nascosti, ma siamo saldi nella nostra fede cristiana e restiamo fedeli al nostro Dio”, afferma il giovane.
L’avvocato di Anwar Masih, Abdul Hameed Rana, ha dichiarato: “È evidente che le legge sulla blasfemia è stata utilizzate per un regolamento di conti personale”. Tra l’altro la figlia di Anwar e suo genero, musulmano, hanno smentito le accuse a carico di Anwar Masih, dichiarando che “la denuncia viene presentata senza il nostro consenso” e dicendo in tribunale che l’uomo “non ha mai pronunciato parole blasfeme né nell’interazione personale né al telefono”. Nonostante ciò, la Corte ha negato la libertà su cauzione.
All’inizio di settembre, la Corte Suprema del Pakistan ha chiesto ai funzionari statali interessati di esercitare “massima cura e attenzione” quando si occupano di casi di blasfemia (vedi Fides 14/9/22).
Secondo la Commissione nazionale per la giustizia e la pace (NCJP) dei Vescovi cattolici del Pakistan, ci sono sei cristiani accusati di blasfemia a cui è stata concessa la libertà su cauzione nel 2022 (vedi fFides 9/1/2022).
Secondo il “Center for Social Justice”, 1.949 persone sono state incriminate in base alle leggi sulla blasfemia dal 1987 al 2021. Tra loro vi sono 928 musulmani, 643 ahmadi, 281 cristiani, 42 indù e 55 cittadini di cui non di conosce il credo professato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/09/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Storie

La storia della giornalista incinta aiutata dai talebani

Se quando sei incinta e non sposata essere ospitata dai talebani ti sembra un rifugio sicuro, vuol dire che sei messa male”. Inizia così il racconto della storia “brutalmente ironica” capitata alla giornalista neozelandese Charlotte Bellis.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Giugno dedicato all’apostolo Pietro

Nella Basilica di San Pietro dopo gli “itinerari mariani” dedicati alla Madonna nel mese di maggio, ecco che per tutto giugno si vivrà una nuova esperienza con quattro appuntamenti dedicati all’apostolo Pietro

Leggi tutto

Media

ALLA RICERCA DELL’ INFORMAZIONE PERDUTA

Siamo di fronte ad un informazione gravemente malata, dove vale la legge della giungla in cui a primeggiare sono solamente i più forti, economicamente parlando ovviamente. Il calo delle vendite sta spingendo a strumentalizzare qualsiasi cosa, a gridare titoli spropositati, a enfatizzare scontri tra le parti in maniera indecorosa, a dare etichette ignobili verso chi la pensa, anche solo leggermente, in maniera diversa

Leggi tutto

Storie

REP.DOMINICANA - La Vergine di Altagracia, “fonte di unità in momenti difficili”

La Vergine di Altagracia è stata per il popolo dominicano fonte di unità nei momenti difficili, mano sicura che sostiene nelle contrarietà che si presentano nel cammino quotidiano

Leggi tutto

Storie

Allarme malnutrizione ad Haiti

Una recrudescenza della violenza tra bande ha bloccato l’accesso ai servizi sanitari in alcune aree urbane di Haiti, lasciando che un bambino su 20 che vive a Cité Soleil - un comune di Port-au-Prince devastato dalla violenza - rischia di morire per malnutrizione acuta grave, ha avvertito oggi l’UNICEF.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano