Storie

di Roberto Signori

Myanmar, elicotteri sparano su una scuola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Almeno 11 bambini sono morti a causa di un attacco aereo e di fuoco indiscriminato in aree civili tra cui una scuola a Tabayin Township, nella regione di Sagaing, in Myanmar. L’attacco è avvenuto lo scorso venerdì 16 settembre. Mentre si stanno ancora verificando ulteriori dettagli, in un comunicato l’UNICEF “porge le proprie condoglianze ai genitori e alle famiglie che hanno perso i loro figli”. Il Fondo per l’infanzia delle Nazioni Unite informa inoltre che “almeno 15 bambini della stessa scuola risultano ancora scomparsi. L’UNICEF chiede il loro rilascio immediato e sicuro”. E più in generale afferma che “le scuole devono essere sicure. I bambini non devono mai essere attaccati”.

Nel riferire dell’attacco di venerdì scorso, il quotidiano britannico The Guardian riferisce che una dirigente della scuola, il cui pseudonimo è Mar Mar, ha raccontato che mentre cercava di portare gli studenti in rifugi sicuri, due dei quattro elicotteri Mi-35 governativi che sorvolavano la zona a nord del villaggio di Let Yet Kone - circa 110 km a nord-ovest di Mandalay, seconda città del Paese -, hanno iniziato ad attaccare. Gli elicotteri avrebbero utilizzato mitragliatrici e armi più pesanti contro la scuola di Tabayin Township, che ospita 240 studenti di classi diverse, dalla materna alla terza media e che si trova nel complesso del monastero buddista del villaggio. Mar Mar, che lavora nella scuola con 20 volontari, in un’intervista all’Associated Press ha detto che mai avrebbe pensato “che sarebbero stati brutalmente colpiti dalle mitragliatrici”. L’attacco è durato un’ora, ha riferito Mar Mar, “senza fermarsi nemmeno per un minuto”. Quando l’attacco aereo è cessato, circa 80 soldati sono entrati nel monastero e hanno sparato contro gli edifici. I soldati hanno poi ordinato a tutti di uscire. Mar Mar dice di aver visto circa 30 studenti con ferite sulla schiena, sulle gambe, sul viso e su altre parti del corpo. Alcuni studenti avevano perso gli arti. Almeno sei adulti sono stati uccisi nell’attacco aereo in altre zone del villaggio. I soldati hanno catturato anche più di 20 persone, tra cui nove bambini feriti e tre insegnanti. Due delle persone catturate sono state accusate di essere membri della Forza di Difesa Popolare antigovernativa, l’ala armata della resistenza all’esercito. Le forze di sicurezza hanno anche bruciato una casa nel villaggio, provocando la fuga dei residenti. Mar Mar rivolge, tramite l’agenzia, un appello alla comunità internazionale: “invece di aiuti umanitari - afferma - ciò di cui abbiamo veramente bisogno è una vera democrazia e i diritti umani”.

Anche Myanmar Now, un servizio di notizie online, e altri media indipendenti del Myanmar hanno riportato l’attacco e la morte degli studenti. Un giorno dopo il fatto, il quotidiano statale Myanma Alinn ha riferito che le forze di sicurezza erano andate a controllare il villaggio dopo aver ricevuto informazioni che i membri della Forza di Difesa Popolare si erano nascosti all’interno delle case e del monastero e avevano iniziato a sparare contro le forze di sicurezza, causando morti e feriti tra i residenti del villaggio. Il rapporto governativo informa che i feriti sono stati portati in ospedale, ma non menziona la situazione degli studenti. Secondo l’Associazione di assistenza per i prigionieri politici, con sede in Thailandia, che monitora i diritti umani in Myanmar, almeno 2.298 civili sono stati uccisi dalle forze di sicurezza da quando l’esercito ha preso il potere nel febbraio dello scorso anno estromettendo il governo eletto di Aung San Suu Kyi. Da allora le Nazioni Unite hanno documentato 260 attacchi a scuole e personale addetto all’istruzione da parte dei militari. La presa di potere dell’esercito ha scatenato proteste nonviolente di massa in tutto il Paese. Da subito l’esercito e la polizia hanno risposto con la forza, provocando la diffusione della resistenza armata nelle città e nelle campagne. I combattimenti sono stati particolarmente feroci a Sagaing, dove diverse offensive militari e l’incendio di diversi villaggi, hanno fatto sfollare, secondo l’UNICEF, più di mezzo milione di persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/09/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sono 5,9 milioni i giovani lettori in Italia

Nella fascia 0-14 anni, i lettori (o ascoltatori) sono il 77% del totale e ognuno di questi legge in modi molto diversi: il 72% legge libri a stampa (anche illustrati), il 10% e-book, il 2% audiolibri fisici, il 3% audiolibri su piattaforme, il 18% utilizza app educative e narrative, il 34% (nella fascia 0-4 anni) libri tattili.

Leggi tutto

Storie

USA -  A scuola mamma” diverrebbe “genitore partoriente”

L’ideologia Gender si diffonde sempre di più nelle istituzioni scolastiche del mondo anglosassone

Leggi tutto

Società

I tentacoli della piovra genderista in Veneto… e il ddl Zan

Leggi tutto

Storie

Giovani onesti nello sport

L’iniziativa ha l’obiettivo di diffondere la cultura della legalità in ambito sportivo, educando i giovani a una cittadinanza attiva e al rispetto delle regole, combattendo ogni forma di violenza e di discriminazione e valorizzando l’importanza dello sport come strumento d’inclusione e coesione sociale.

Leggi tutto

Politica

USA: mamme contro il gender nelle scuole

Il movimento ‘Moms for Liberty’ cresce e continuerà a svilupparsi sempre più in tutti gli Stati degli USA. Ben 85mila mamme per la libertà si candidano infatti ai consigli scolastici locali in tutti gli Stati Uniti, per combattere l’indottrinamento LGBTI, l’ipersessualizzazione e promuovere la libertà educativa e i diritti dei genitori.

Leggi tutto

Storie

INDIA - Una antica chiesa cattolica devastata nello stato di Meghalaya

La Chiesa cattolica in India da tempo segnala il preoccupante aumento degli episodi di violenza a danno di edifici e fedeli. Nello stato di Meghalaya ci sono 2,6 milioni di abitanti, perlopiù di popolazioni tribali, tra i quali 950mila cattolici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano