Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il cardinale Piacenza al “Monastero wi-fi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il penitenziere maggiore ha presieduto nella Basilica di San Pietro la Messa che ha chiuso il quarto Capitolo generale dell’iniziativa promossa dalla giornalista e scrittrice Costanza Miriano, sul tema della Confessione.

Nel sacramento della riconciliazione, Dio “si consegna a noi come Creatore misericordioso per donarci nuova vita, consegnandoci così non solo il perdono ma se stesso: in ogni confessione sacramentale, Gesù Cristo ci dona se stesso e ci domanda di essere nuovamente accolto nel nostro cuore e nella nostra vita; e la conversione è l’imprescindibile condizione di tale accoglienza”. Lo ha detto il penitenziere maggiore, cardinale Mauro Piacenza, nell’omelia della Messa che conclude la mattinata in San Pietro dell’iniziativa “Monastero wi-fi”. “Grande mistero è l’abisso infinito dell’amore divino che gratuitamente crea, gratuitamente salva e gratuitamente santifica. Per questa ragione noi crediamo, con san Giovanni, che Dio stesso è Amore: non solo Egli ama, ma è Amore, e solo la conoscenza autentica di Dio può rivelare all’uomo che cosa davvero sia l’amore. Al di fuori del rapporto vivificante con il Dio trinitario, ci possono essere solo “imitazioni dell’amore” che nulla o poco hanno a che vedere con il profondo desiderio del cuore umano di amare ed essere amato, e che ci lasciano in un’aridità priva di luce e di speranza”.

Già Paolo VI sottolineava come la crisi di fede nel mondo contemporaneo fosse essenzialmente una mancanza di speranza, che per noi cristiani non è nemmeno semplicemente una delle tre virtù teologali ma è Cristo stesso, come dice la Scrittura.

“Il Signore, ed è il tema di questo quarto capitolo del Monastero wi-fi, si ‘consegna’ a noi nel sacramento della riconciliazione, come divina misericordia, capace di ri-creare l’uomo, dandogli nuova vita, ri-immergendolo nella grazia battesimale. Non dimentichiamo che in tutta la sacra Scrittura ci sono solo due verbi che hanno come soggetto esclusivamente Dio; essi sono ‘creare’ e ‘perdonare’. Solo Dio crea dal nulla, solo Dio ri-crea, perdona, dando nuova vita alla sua creatura”. Piacenza ha sottolineato che la consegna che Dio fa di sè stesso, da parte del credente, “presuppone necessariamente un’altra consegna: quella della confessione del nostro peccato al confessore. L’umile e integra accusa di tutti i peccati commessi dall’ultima confessione — di quelli mortali certamente e possibilmente di quelli veniali — è la condizione perché il cuore possa essere riconciliato, risanato dalla ferita del male e così reso di nuovo capax Dei, ossia capace di accogliere la ‘consegna’ della Misericordia in persona, la consegna che Gesù fa di sé al peccatore riconciliato, ri-associandolo, così, alla propria stessa vita”.

Il penitenziere maggiore ha continuato domandando: “Cosa ci spinge a una piena consegna di sé nella confessione? Come vincere tutte le resistenze a una confessione integra e davvero umile, senza reticenze o auto-giustificazioni, ammettendo il proprio peccato?”. E ha offerto una risposta, mettendo in luce due “forze attrattive permanenti”: “L’avvenimento straordinario e la consapevolezza di un Dio che si consegna agli uomini per salvarli”, e “l’esperienza della gioia, che accompagna quella che è la certezza morale e di fede d’essere stati perdonati. Essa non è di natura psicologica, ma teologica: non pretendiamo che la confessione faccia sparire i ‘sensi di colpa’; essa deve, piuttosto, risolvere il senso del peccato, che è appunto realtà teologica, non psicologica”.

Il cardinale Piacenza ha anche messo in evidenza “il dovere della riparazione”. Infatti, “il peccato viene assolto dalla misericordia di Dio, dalla Chiesa attraverso il suo ministro, segnatamente il sacerdote, ma il dovere di riparare al male commesso rimane come obbligo morale grave del penitente”. In questo cammino “la Chiesa ci sostiene” attraverso “il dono prezioso e straordinario delle indulgenze”. Il porporato ha concluso la sua omelia con commozione, pensando al fatto che “siamo sempre consegnati a una tenerissima Madre, che instancabilmente ci accompagna, sostiene e avvolge con il suo candido manto”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/09/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa opera per la pace

Ci sono “nuove interpretazioni dei diritti umani” e “in molti casi, i ‘nuovi diritti’ non solo contraddicono i valori che dovrebbero sostenere, ma vengono imposti nonostante l’assenza di consenso internazionale”. Lo ha dichiarato il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato vaticano, in un videomessaggio all’Assemblea generale dell’Onu.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: arrivato l’albero di Natale

È arrivato all’alba a Roma l’albero di Natale che dal 10 dicembre illuminerà piazza San Pietro. È un maestoso abete rosso di 113 anni, alto 28 metri per un peso di 80 quintali

Leggi tutto

Chiesa

Sarà beata l’italiana Maria Carola Cecchin

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano