Politica

di Mario Adinolfi

IL NOSTRO PERCORSO CONTINUA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Anche questa è fatta. A chi profetizzava “zero voti” rispondiamo ringraziando le decine di migliaia di italiani che ci hanno scelto tra tutti, nella difficoltà di una presenza a macchia di leopardo che per via della raccolta firme a Ferragosto ha fortemente ridotto la nostra base elettorale potenziale. Sull’Italia tutta sarebbero stati centinaia di migliaia di voti. Anche per questo avevamo spiegato che le forze dell’alternativa dovevano unirsi, ma Gianluigi Paragone e Marco Rizzo hanno preferito coltivare i loro personali orticelli. Se ci avessero ascoltato (e abbiamo insistito davvero molto) ora festeggeremmo tutti insieme l’ingresso in Parlamento. Giorgia Meloni celebra una vittoria clamorosa, tutte le forze che hanno sostenuto il governo Draghi sono state punite, il M5S facendolo cadere si è conquistato una rendita di posizione. Il nostro percorso di battaglia sui principi non negoziabili continua, vigileremo affinché non conquisti spazio la cultura della morte o la negazione della famiglia naturale secondo dettato costituzionale. Gli iscritti al Popolo della Famiglia si ritroveranno come sempre per discutere, ma personalmente garantisco che la linea politica aggregativa continua perché noi siamo in campo come furono in campo i radicali pannelliani per mezzo secolo: alle elezioni politiche non superarono mai il 3%, alcune volte si allearono ad altri e alcune volte no, ma avevano chiare le battaglie sui principi da intraprendere per cambiare l’Italia e ci sono riusciti. Su principi che sono evidentemente opposti noi faremo lo stesso e saremo sempre riconoscibili per questo. Alcune volte avremo zero voti, altre come oggi decine di migliaia, altre ancora centinaia di migliaia o milioni. Ma noi andiamo avanti con la nostra chiara identità e con un traguardo di verifica interna che è fissato con il congresso nazionale del 2024, che terremo dopo le elezioni europee di primavera. Fino ad allora chi vuole venire a dare una mano nell’unica trincea che politicamente c’è sempre a difesa dei principi non negoziabili, si aggreghi a noi. Chi ha tempo da perdere, vada altrove. Anche stavolta la nostra linea aggregativa avrebbe vinto, se ci avessero dato retta. Non è accaduto ma grazie a Dio il risultato complessivo finale è una sonora sconfitta delle sinistre e allora da oggi in poi si può lavorare, vigili ma senza patemi, alla espansione di un’area di ispirazione cristiana e nazionale che sul no alla guerra e alle stupide sanzioni alla Russia, sul no alla prevalenza degli interessi degli organismi sovranazionali atlantici ed europeisti su quelli di famiglie e imprese italiane, sulla lotta alla denatalità e alla tentazione della sostituzione immigrazionista, sul reddito di maternità e sul quoziente familiare, sul sì alla vita e sul no secco a aborto e eutanasia poggi il senso stesso della sua esistenza politica. Io personalmente non mollo di un centimetro e garantisco la prosecuzione della lotta.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/09/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Renzi fa campagna per il SÌ ed il centro-destra è allo sbando

Che significa identità? Di quale identità stiamo parlando? Mi sembra che Galli della Loggia colga nel segno quando scrive: “In realtà, se oggi la Destra italiana si ritrova priva di una sua specifica immagine, priva di riconoscibilità, è anche perché essa sconta un vuoto storico della propria identità: vale a dire l’assenza di una vera, effettiva, cultura conservatrice

Leggi tutto

Politica

Ops, l’odiato Trump vince ancora

Trump che fa? Il misogino Trump, il riccastro Trump come risponde? Candida una donna ma stanzia un budget di appena quattro milioni di dollari. Oddio, ho scritto appena, ma per una elezione distrettuale è comunque una montagna di danaro. Certo, paragonata ai cinquanta milioni in dote al candidato dei democrats sembra un topolino. Ma la donna è coriacea, sa di doversi battere, in quel distretto di Atlanta alle presidenziali Trump ha vinto sì, ma per pochissimi voti e ora tutti dicono che l’inquilino della Casa Bianca è odiatissimo, che ha vinto solo per il bizzarro sistema elettorale americano ma in realtà ha preso meno voti di Hillary Clinton e insomma il 29enne democratico è praticamente certo di diventare deputato, ha il sostegno di tutta la stampa e di tutte le star dello spettacolo e delle principali televisioni. Con quei cinquanta milioni di dollari si è potuto comprare undicimila spot televisivi che hanno bombardato i cittadini di Atlanta notte e dì, spiegando come fosse importante dal punto di vista simbolico quella elezioni, che di lì l’America sarebbe ripartita alla riscossa e menate del genere.

Leggi tutto

Società

Chiesto l’ergastolo per Talluto

La richiesta di Elena Neri lascia stupefatti per la sua enormità, tanto più in un Paese che stenta a irrogarlo per l’omicidio volontario

Leggi tutto

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Politica

Ursula, non sei il mio presidente

Leggi tutto

Politica

Tutta la verità sul reddito di cittadinanza

Il reddito di cittadinanza continua ad essere punto di controversia tra i partiti al Governo ma anche tra i cittadini. Da un’analisi realizzata dall’Ufficio studi della Cgia, l’Associazione artigiani e piccole imprese, è emerso che ogni posto di lavoro “prodotto” con tale misura è costato allo Stato almeno 52mila euro. Oltre il doppio di quanto spende annualmente un imprenditore privato per un operaio a tempo indeterminato full time.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano