Storie

di Roberto Signori

Caritas Algeria pone termine alle sue attività

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Chiesa cattolica in Algeria annuncia con rammarico la chiusura, a partire dal 1° ottobre 2022, di tutte le attività e opere caritative messe in atto da Caritas Algeria. La chiusura “completa e definitiva” viene annunciata in un comunicato dell’Arcivescovado di Algeri firmato da Paul Desfarges, Arcivescovo emerito di Algeri e Presidente dell’Associazione diocesana d’Algeria. Nel comunicato, scritto in tono asciutto e privo di recriminazioni polemiche, si riferisce che la drastica misura viene presa in ottemperanza alla richiesta delle pubbliche autorità algerine. “Naturalmente – si legge nel testo – la Chiesa cattolica resta fedele alla sua missione caritativa al servizio della fraternità”, in unione “con tutte le persone di buona volontà”.

Il comunicato prosegue citando l’incipit del Documento sulla Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune, sottoscritto il 4 febbraio 2019 a Abu Dhabi da Papa Francesco e dallo Sheikh sunnita Ahmed al Tayyeb, Grande Imam di Al Azhar: “La fede porta il credente a vedere nell’altro un fratello da sostenere e da amare. Dalla fede in Dio, che ha creato l’universo, le creature e tutti gli esseri umani – uguali per la Sua Misericordia –, il credente è chiamato a esprimere questa fratellanza umana, salvaguardando il creato e tutto l’universo e sostenendo ogni persona, specialmente le più bisognose e povere”. “La Chiesa cattolica – conclude il comunicato firmato dall’Arcivescovo emerito di Algeri - ci tiene a ringraziare tutte le persone che hanno contribuito nel corso degli anni, e in diverso modo, a far vivere questa opera al servizio dei più vulnerabili e del popolo algerino”.

La disposizione di chiudere le attività di Caritas Algeria è stata presa dalle autorità algerine senza fornire motivazioni ufficiali e dettagliate di tale misura ai Vescovi della Chiesa cattolica d’Algeria. Fonti locali ipotizzano che la Caritas sia divenuta oggetto delle misure restrittive perché considerata alla stregua di una Organizzazione non governativa straniera. Tutte le comunicazioni arrivate dal Ministero dell’Interno contenevano riferimenti generici al fatto che la Chiesa cattolica stesse ‘coprendo’ una organizzazione non autorizzata, coinvolta in attività ‘fuori legge’, senza che fossero specificati riferimenti puntuali a eventuali articoli di legge violati.

Esponenti della comunità cattolica locale tendono a escludere che le misure imposte dalle pubbliche autorità algerine siano alimentate da sentimenti di ostilità nei confronti della Chiesa cattolica e della sua operosa presenza nel Paese. Piuttosto, la vicenda sembra collegata alla generale politica di restrizioni messa in atto negli ultimi tempi nei confronti delle ONG straniere e multinazionali. Le autorità algerine non hanno finora preso in considerazione tutte le ragioni oggettive attestanti la natura singolare della Caritas come braccio caritativo della Chiesa cattolica, natura che la distingue sostanzialmente e “statutariamente” dalle ONG, comprese quelle impegnate nei campi dell’assistenza e del soccorso umanitario.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Storie

TOGO - Chiese chiuse fino a metà ottobre

La Conferenza episcopale del Togo ha chiesto in questo mese del Rosario di accendere una candela il 7 ottobre, festa della Madonna del Rosario, davanti alle porte chiuse di tutte le chiese parrocchiali. Nonostante l’imposizione della chiusura delle chiese nel Paese africano, l’impegno dei missionari non si arresta.

Leggi tutto

Politica

Dl Green Pass, via libera della Camera al voto di fiducia

Con il decreto legge è stato introdotto, in particolare, l’obbligo dell’esibizione della certificazione verde per accedere ai luoghi di lavoro, pubblici e privati, dal 15 ottobre scorso e fino a fine 2021 (in coincidenza con il termine dell’attuale stato di emergenza).

Leggi tutto

Politica

Vaccini tra obbligo e raccomandazione

La Legge 25 febbraio 1992 n. 210 prevede un meccanismo indennitario per l’ipotesi di danni a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni o somministrazioni di emoderivati; in particolare prevede un indennizzo da parte dello Stato a fronte di ogni menomazione permanente dell’integrità psico fisica conseguente ad una vaccinazione obbligatoria.

Leggi tutto

Storie

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi

Leggi tutto

Libano - Causa ‘virtù eroiche’ del filosofo (e martire) Kamal el-Hage

Ucciso con un colpo di ascia a Chbanieh (Haut-Metn) nel 1976. Egli potrebbe essere riconosciu

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano