Storie

di Nathan Algren

Cina - Rinviato a giudizio il cardinale Zen

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Seconda e ultima giornata di processo preliminare per il card. Joseph Zen Ze-kiun e cinque noti esponenti del fronte democratico. La giudice Ada Yim Shun-yee della Corte di West Kowloon ha deciso che ci sono abbastanza elementi per il rinvio al giudizio, aggiornando il procedimento al 26 ottobre.

La procura cittadina accusa gli imputati di non aver registrato in modo corretto un fondo umanitario di cui erano amministratori fiduciari. La difesa ha sollevato obiezioni a prove ottenute dal procuratore in base alla draconiana legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino nel 2020 per colpire il fronte pro-democrazia, ritenendole “irrilevanti” per il caso.

L’11 maggio la polizia aveva arrestato il vescovo emerito della città e gli altri accusati con la più grave accusa di “collusione” con forze straniere, che rientra nell’ambito del provvedimento sulla sicurezza. Senza tale incriminazione, gli imputati rischiano al massimo una pena pecuniaria di 1.750 dollari.

Oltre al 90enne porporato, alla sbarra ci saranno la rinomata avvocata Margaret Ng, la cantante-attivista Denise Ho, l’ex deputato cittadino Cyd Ho, l’accademico Hui Po-keung e l’attivista Sze Ching-wee. Cyd Ho è già in carcere per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata. Per la stessa accusa sono in prigione diverse personalità democratiche, tra cui il magnate cattolico dei media Jimmy Lai.

Fino alla sua chiusura nell’ottobre scorso, il Fondo 612 ha assistito migliaia di manifestanti filo-democratici coinvolti nelle proteste del 2019. Gli imputati si sono dichiarati non colpevoli: secondo i loro difensori, l’organizzazione benefica non aveva l’obbligo di registrarsi in base alla Societies Ordinance. La difesa chiede anche che nell’interpretazione dell’ordinanza si tenga conto del diritto dei cittadini ad associarsi sancito dalla mini-Costituzione locale (Basic Law): un aspetto che dirà qualcosa sul livello di libertà ancora esistente nell’ex colonia britannica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/09/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

A Lucca il restaurato Angelo Annunciante di San Gennaro in Lucchesia

Dal 18 settembre scorso e sino al 19 dicembre nella chiesa di San Franceschetto a Lucca è esposto, ad ingresso gratuito, l’Angelo Annunciante proveniente dalla Pieve di San Gennaro in Lucchesia, uno dei manufatti artistici più raffinati ed enigmatici del territorio lucchese. L’occasione è offerta dalla mostra “Se fosse un angelo di Leonardo… L’arcangelo Gabriele di San Gennaro in Lucchesia e il suo restauro.

Leggi tutto

Politica

Si avvicina la festa nazionale del PDF e de La Croce quotidiano

Intervista a Mirko De Carli nell’imminenza dell’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia e della festa nazionale de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Politica

PDF: denunce ad Imperia contro l’obbligo vaccianale

Estorsione e violenza privata: sono i reati che il Popolo della Famiglia e il Movimento No Green pass della provincia di Imperia contestano al Governo guidato da Mario Draghi, a seguito dell’obbligo vaccinale imposto agli ultracinquantenni e a diverse categorie di lavoratori e alle relative restrizioni per i non vaccinati.

Leggi tutto

Politica

India: assassinato pastore cristiano protestante

Secondo dati raccolti dallo “United Christian Forum” “nel 2021 quasi 500 casi di violenza anticristiana sono stati segnalati in India”

Leggi tutto

Chiesa

Papa: cristiani uniti dinanzi a una guerra “crudele”

Papa Francesco riceve in udienza i partecipanti alla plenaria del Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani e stigmatizza ancora una volta la guerra “crudele e insensata” in Ucraina: “Dinanzi a questa barbarie, rinnoviamo il desiderio dell’unità e annunciamo il Vangelo che disarma i cuori prima degli eserciti”.

Leggi tutto

Chiesa

Meta - Bocche cucite sull’aborto

La questione è molto sentita negli Stati Uniti, ma Meta non vuole che se ne parli nei suoi uffici. Il che è strano, dato che in azienda è possibile parlare e dibattere rispettosamente di altre questioni sociali, come il movimento Black Lives Matter.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano