Politica

di Mario Adinolfi

IL DIRITTO CIVILE PER ECCELLENZA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il terreno su cui vuole caratterizzarsi Stefano Bonaccini come nuovo leader del Pd è quello di rendere agevole abortire: nella “sua” Emilia Romagna RU486 nei consultori e Nipt gratuita significano selezione eugenetica, bambini down che non vedranno la luce, banalizzazione della soppressione dei nascituri. Roba da nazi. Poi si chiedono perché il Pd non vince mai le elezioni politiche.

Questa è la trincea di combattimento degli Anni Venti: c’è chi vuole agevolare l’uccisione dei bimbi nel grembo della madre (specie se diversamente abili) e chi guarda alla tragedia della denatalità e chiama questo alto tradimento, combattendo l’aborto in ogni sua forma. Da una parte le sinistre, dall’altra parte le leggi restrittive di decine di Stati negli USA, di Malta, dell’Ungheria, della Polonia e della stragrande maggioranza degli Stati nel mondo (24 nazioni proibiscono totalmente l’aborto, 42 lo consentono solo se la madre è in pericolo di vita, 51 solo in caso di gravi malformazioni del bambino). Insomma, nella legislazione sull’aborto un altro mondo esiste e un altro mondo è possibile.

Vi vogliono convincere che abortire sia un diritto da rivendicare. Il centrodestra italiano, culturalmente subalterno perché composto nella leadership Meloni-Salvini da ragazzotti manco laureati che hanno scritto più libri di quanti ne abbiano letti, non riesce ad andare oltre il balbettìo che evidenzia colossali lacune sul piano intellettuale e valoriale: “Non intendo toccare la legge 194, l’ultima parola deve essere sempre della donna, l’aborto è un diritto intangibile”, sono frasi di una impressionante pochezza pronunciate mille volte da chi ha vinto le elezioni italiane per tranquillizzare non si sa chi. I leader veri, da Trump a Orban, da Papa Francesco a Duda, non temono di chiamare l’aborto per quel che è: un infanticidio che non ha ragione d’essere, meno che mai nelle società opulente.

Occorre aprire il fronte antiabortista anche in Italia, con parole nette prive di formule di compromesso perché mai come oggi siamo nelle condizioni di battere l’irrazionalità e dunque l’ingiustizia di chi ripercorre le orme dei nazisti proponendo la selezione alla nascita e la soppressione di decine di migliaia di bambini l’anno (200 al giorno, altro che difficoltà ad abortire, altro che mozione ligure sul “diritto all’aborto” che non ha trovato un solo consigliere regionale disposto a votare contro). Non servono motivazioni religiose per spiegare il no all’aborto, anzi sono oggi persino dannose. Basta il laicissimo affidamento al raziocinio, all’osservazione della piramide demografica rovesciata, all’allarme (ipocrita) che tutti lanciano contro il cancro della denatalità salvo poi essere gli stessi che proclamano “l’aborto non si tocca” e privano dunque l’Italia di un bimbo concepito su sei come se fossimo alla roulette russa (e chissà quanti concepiti vengono uccisi dalla pillola dei cinque giorni dopo venduta liberamente in farmacia senza ricetta medica persino alle minorenni, illecitamente perché è una pillola di fatto abortiva e come tale non potrebbe essere venduta in farmacia ma il business è da decine di milioni di euro e in Italia il business farmaceutico viene prima della vita dei bambini).

I sei milioni di bambini soppressi dal 1978 con la legge 194 hanno causato la nostra regressione sociale ed economica. Oggi avremmo una popolazione italiana giovane e produttiva come quella trainata negli Anni Sessanta, Settanta e Ottanta dal sei milioni di nati tra il 1946 e il 1949 subito dopo la tragedia della seconda guerra mondiale. Il triennio che ci lasciamo alle spalle, tra pandemia e crisi geopolitiche, ha lasciato macerie simili da cui dobbiamo rialzarci ma tra il 2018 e il 2021 abbiamo fatto meno figli del solo anno 1946 e trecentomila ne abbiamo abortiti. Una pura follia e folle è chi, nelle attuali condizioni del Paese, vuole incentivare ulteriormente gli aborti anziché limitarli. Se la sinistra sceglie di caratterizzarsi su questi temi e il tema principale dei suoi nuovi aspiranti leader alla Stefano Bonaccini è come riuscire ad impedire più agevolmente la nascita dei bambini (l’analisi prenatale denominata Nipt è una bomba nucleare piazzata contro la natalità), chi si oppone alla sinistra deve cessare ogni forma di subalternità culturale e intellettuale spiegando che la legge sull’aborto è contraria all’interesse nazionale italiano e per questo va superata inserendo in Costituzione il diritto civile per eccellenza che è il diritto universale a nascere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/10/2022
0412/2022
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Come Stefano Parisi si trovò a metà del guado

Parisi è in fondo il simbolo del caos che regna nel centro-destra. Caos che ho l’impressione durerà a lungo. Troppo a lungo. Berlusconi incrocia le dita e spera che l’Italicum venga cambiato in nome di una legge elettorale di stampo proporzionalista. Con l’Italicum infatti il centro-destra sarebbe spazzato via del tutto e ridotto all’insignificanza politico-parlamentare: Renzi e Grillo si giocherebbero la partita elettorale senza altri rivali competitivi. Se vincesse il NO al Refendum (cosa per la quale Berlusconi accende un cerone al giorno) molto probabilmente si arriverà ad una legge elettorale basata sul proporzionale. Aldilà del fatto che Renzi rimanga o meno Presidente del Consiglio. Ma anche qui la vedo dura: il trio Belusconi-Salvini-Meloni non riesce a trovarsi d’accordo su nulla, Parisi non avrebbe alcuna autorevolezza per incidere nella triade. Come metti insieme una armata brancaleone così? Destinata a perdere ogni confronto.

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

Società

TRE CIFRE, TRE LETTERE, FORSE UNO SPIRAGLIO ?

C’è un sistema fatto di persone che hanno dimenticato la civiltà e il senso dell’umano, c’è un insieme di funzioni, di uffici, di scrivanie popolati dal genere umano che di umano pare avere ben poco in particolar modo se l’umano da “trattare” è l’infanzia, l’infanzia in senso lato.
Pensiamo a come ogni tassello sia al suo posto e a come il valore più importante quale il tempo venga dilatato e reso “biblico”… i giorni i mesi e gli anni si sommano ora dopo ora,  i figli sono strappati dilaniati psichiatrizzati psicologizzati nel tentativo di cancellare colei che ha donato loro la vita.

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi, il cavaliere nero

Su Reteluna è uscita una lunga intervista, per chi è proprio molto curioso di alcuni dettagli sulla vita vita presente e passata di Mario Adinolfi: “Ho imparato che conta solo ciò che dura. Quanto alla visibilità, non l’ho mai cercata: mica ci guadagni nulla se finisci cento volte su Dagospia”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano