Politica

di Mirko De Carli

PUTIN NON È NÉ IL PROBLEMA NÉ LA SOLUZIONE MA IL SINTOMO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In questo giorni, dopo aver ascoltato il discorso di Putin durante l’ufficializzazione dell’annessione delle quattro regioni ucraine alla Federazione Russa, in molti puntano l’attenzione sulla regolarità o meno dei referendum e sulla validità delle consultazioni. Difficile esprimersi con certezza senza correre il rischio di aderire a una delle tifoserie in campo. Un paio di questioni sono però certe: la predominanza del sentimento filorusso presente in queste terre e lo svolgimento delle operazioni di voto sotto un vigoroso regime militare a tinte russe. Oltre a questo affermare di più risulterebbe essere esercizio viziato più dal proprio sentire personale che dall’oggettività dei fatti riscontrati. La storia, come sempre, saprà narrarci la verità dei fatti.

Quello che più mi ha colpito sono le ragioni con cui Putin ha dichiarato l’esplicita volontà di annettere questi territori che fino a prima erano sottoposti alla guida del governo ucraino: liberare queste genti dal dominio della cultura avaloriale e consumista dell’occidente. Ha parlato espressamente di gender, di dominio del danaro sulla dignità della persona e della inaccettabile scelta di recidere le radici giudico-cristiane per abbracciare l’ideologia arcobaleno.

In molti hanno così esultato alle parole del Presidente russo commettendo l’errore più grossolano che si potesse mettere in atto: fare propria la narrazione di uno Stato straniero. Siamo italiani, siamo europei e siamo occidentali: queste radici, mai sopite nei nostri cuori ma “addromentate” dalle campagne assordanti del pensiero unico relativista per cui non esiste la verità ma ognuno possiede la sua verità, dovrebbero sobbalzare ferite dal sentire il suono roboante delle parole di Putin.

Quel messaggio che arriva da lontano, da Mosca, non va abbracciato ma capito per mettere in atto una giusta ed adeguata reazione: lo zar dei nuovi anni venti evidenzia marcatamente i reali punti deboli delle nostre democrazie e, se non saremo capaci di comprenderlo, usciremo sconfitti da questo conflitto ormai pienamente in corso. Nel puntare il dito contro di noi involontariamente ci indica la strada: riscoprire la nostra identità, abbandonare vecchi retaggi del passato come la cieca obbedienza atlantica (costruendo una vera politica estera europea) e abbandonare le ideologie consumiste per riabbracciare le nostra fondamenta che poggiano sull’economia sociale di mercato saldamente ancorata ad un sano umanesimo giudaico-cristiano.

Occorre reagire a Putin non con la retorica falsa delle armi a Kiev e della ridicola narrazione a senso unico “dell’aggressore e dell’aggredito” ma con la consapevolezza che l’Europa potrà evitare un conflitto permanente solo se tornerà ad essere faro di civiltà capace di stoppare ogni azione velleitaria straniera con la forza dei propri valori, della propria cultura e della propria fede (prima ancora che con le armi). Solo una civiltà occidentale “rinata” potrà non essere percepita dalla restante parte di mondo come un aggressore portatore di disvalori ma un valido rivale con cui è possibile negoziare anche partendo da strategie politiche diverse.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Lo scorrere della vita

Una riflessione su come gli eventi della nostra vita, anche quelli più dolorosi, siano buoni per noi. Ci lasciano cicatrici e segni, ma proprio attraverso di loro affrontiamo il presente e il futuro. Sono le mappe per farci arrivare a destinazione; sono il ricordo, indelebile, che in quei momenti bui non eravamo soli. Qualcuno ha disinfettato e suturato quegli squarci dell’Anima. Dal profondo di tenebra siamo usciti spinti, verso una nuova realtà di Luce, da una forza irresistibile.

Leggi tutto

Storie

Attacchi in Nigeria: oltre 200 vittime

Gli episodi sono avvenuti nello Stato di Zamfara, forse in risposta a un’azione governativa dei giorni scorsi. Liberati intanto a sud 30 studenti rapiti dai terroristi

Leggi tutto

Chiesa

Suore indiane di Madre Teresa hanno scelto di restare a Kiev

Suor. Rosela e suor. Ann hanno rifiutato la prospettiva di spostarsi in una zona più sicura per non abbandonare chi soffre.

Leggi tutto

Politica

40 miliardi stanziati dagli Usa per l’Ucraina andranno al sistema delle armi.

La maggior parte dei 40 miliardi di dollari in assistenza stanziati dall’amministrazione Biden all’Ucraina non andrà direttamente all’esercito di Kiev ma agli appaltatori della Difesa degli Stati Uniti.

Leggi tutto

Chiesa

Le principali tendenze della Chiesa

Ecco alcune riflessioni sulla situazione concreta in ambito ecclesiale di don Paolo Centofanti

Leggi tutto

Storie

Filippine: Avvento tempo di pace

Il tempo di preparazione al Natale, che la Chiesa cattolica chiama “Avvento”, “sia un tempo di riconciliazione e pace e riconciliazione nelle Filippine e in tutto il mondo”: è il messaggio diffuso dal movimento per il dialogo islamo-cristiano “Silsilah”, attivo nel Sud delle Filippine, mentre nella regione si è conclusa oggi, 5 dicembre, la “Settimana della pace di Mindanao”, promossa dal governo filippino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano