Storie

di Nathan Algren

PERU’ - L’attività estrattiva per il bene dell’uomo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Promuovere pratiche responsabili che abbiano per obiettivo la cura della persona umana, utilizzando correttamente le risorse naturali, secondo chiari impegni riguardanti la responsabilità sociale e l’opzione preferenziale per i poveri: questo in sintesi l’appello di Monsignor Miguel Cabrejos Vidarte, Presidente della Conferenza Episcopale Peruviana (CEP) e del Consiglio Episcopale Latinoamericano (CELAM), nel suo intervento pronunciato durante il più importante Convegno Minerario in Perù, denominato PERUMIN 2022, che si è svolto ad Arequipa dal 26 al 30 settembre.

L’Arcivescovo ha basato il suo intervento sui principi della Dottrina sociale della Chiesa e sul magistero degli ultimi Papi riguardo alla dignità della persona umana, al bene comune, alla destinazione universale dei beni, alla partecipazione, alla solidarietà, all’opzione per i poveri, alla gratuità e alla cura del Creato. “Tutti questi aspetti – ha sottolineato – sono interconnessi, nessuno è autonomo”.

“Il buon Padre Dio ha creato la terra per l’uso, il godimento e la cura, l’amministrazione saggia e responsabile da parte degli esseri umani” ha detto nella sua relazione, sottolineando che agli esseri umani non è stato comunque accordato il permesso di “abusare della terra e dei suoi beni”. Secondo la fede cattolica ogni uomo e ogni donna sono figli di Dio. “Figli adottivi perché Gesù Cristo ci ha fatto suoi fratelli assumendo la condizione umana nell’Incarnazione. Questo è il fondamento della dignità della persona umana e dei suoi diritti” ha ribadito. In questo piano, riveste particolare importanza il lavoro: “Non basta avere un lavoro, è necessario che le condizioni e l’ambiente di lavoro siano degne dei figli di Dio”. Un secondo aspetto è creare le condizioni “per stabilire relazioni lavorative di qualità”.

Quindi Mons. Cabrejos si è soffermato sull’uso responsabile delle risorse minerarie, che sono dono gratuito di Dio non solo per Adamo e Eva, ma per tutte le generazioni che sono esistite, esistono ed esisteranno. La Chiesa rispetta l’ordine sociale, “allo stesso tempo però evidenzia che prima della proprietà privata c’è il destino univerale dei beni ed il bene comune”. Per questo si deve ricordare che “lo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali ha effetti dannosi sulla popolazione dei centri minerari e della popolazione che vive vicino alle zone minerarie e provoca grandi danni e effetti sull’ambiente”.

L’estrazione dei minerali riveste per il Perù una grande importanza economica, determinante per costruire il progresso, lo sviluppo e il bene comune del Paese, intendendo lo sviluppo non solo come “crescita economica”, ma come sviluppo integrale della persona umana, come qualità della vita.

Un aspetto collegato a questo tema su cui si è soffermato l’Arcivescovo è stato quello della responsabilità sociale e della trasparenza, considerando sempre l’opzione preferenziale per i poveri, che significa “riconoscerli come persone che hanno capacità, ma non hanno avuto l’opportunità di svilupparle né che hanno visto riconosciuti i loro diritti”. In questa prospettiva è necessario combattere l’estrazione illegale e lavorare per la formalizzazione della piccola miniera e della miniera artigianale, in modo tale che i poveri non siano più considerati un peso e le loro comunità possano migliorare la qualità della loro vita.

Citando “Querida Amazonia” ha quindi ribadito che “i progetti minerari devono tenere in speciale considerazione la loro responsabilità sociale verso i popoli originari e le loro culture”, e che l’orientamento dell’attività mineraria verso il bene comune, “implica la crescente responsabilità di tutti i protagonisti economici e sociali” che devono essere coinvolti.

Dopo essersi soffermato sull’importanza della trasparenza, l’Arcivescovo ha citato le conclusioni del Gruppo di lavoro per la “Visione dell’attività estrattiva in Perù” facendolo proprio: “Nel 2030 l’estrazione mineraria in Perù sarà più inclusiva, integrata socialmente, ambientalmente e territorialmente, in una cornice di buon governo e di sviluppo sostenibile. Nel tempo si è consolidata come un’attività competitiva e innovativa che gode dell’apprezzamento di tutta la società”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

04/10/2022
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

TUTTI I GRADI DELLA SCALA #FAHRENHEIT – PRIMA DEL 451

Vi sono libri che, pur segnando un’epoca, superano le barriere del tempo e, pur appartenendo a un genere, ne travalicano i limiti per diventare un classico. Fahrenheit 451 è uno di essi: forse la massima espressione del genere distopico eppure ben più di questo, al punto che lettori freddi se non ostili nei riguardi della fantascienza non saprebbero non considerarlo un capolavoro. Del resto, solo di un capolavoro possono interessare le varianti o le versioni scartate: i prodromi di un libro mediocre sono mediocri scartafacci. Ecco perché, tra l’altro, dovrebbe avere valore intrinseco leggere i racconti preparatori di Fahrenheit 451 racchiusi nel volume Era una gioia appiccare il fuoco, usciti in Italia per gli Oscar Mondadori nel 2011 a seguito della raccolta americana A pleasure to burn: Fahrenheit 451 stories, edita appena l’anno precedente. Ma se l’interesse di questo libro fosse meramente filologico si potrebbe senza indugio soprassedere. Si tratta invece di schegge narrativa potentissime, capaci di condensare in poche pagine la visionarietà e la bruciante carica umanistica del messaggio di Bradbury.

Leggi tutto

Storie

Madri della Chiesa,  donne, madri nel deserto

Già secoli prima che santa Scolastica mostrasse coi fatti al fratello Benedetto che davvero davanti al Signore conta solo l’amore, numerose sante donne ne precorrevano i passi. E ancora oggi, nella festa della donna, parlano alle loro confuse pronipoti, che perdono tempo a immaginare cosa potrebbero essere invece di osservare il loro mistero. Fissare un obiettivo, non cedere ai tortuosi vortici del cuore, sopportare le avversità, affidarsi a Cristo – la loro lezione

Leggi tutto

Storie

La cosa più saggia al mondo è gridare prima di essere stati feriti

Questa nuova e malvagia eugenetica trova sostegno nell’edonismo compiaciuto e diffuso di molta gente ed è a disposizione per l’accresciuta tecnologia del mercato. L’aborto terapeutico, la diagnosi pre-impianto, l’inseminazione artificiale sono tutti strumenti messi a disposizione del mondo medico e dell’industria. Conditi con parole rassicuranti vengono veicolate attraverso la manipolazione del consenso operata dagli apparati mediatici, culturali e finanziari; in questo modo “soft” non vengono neppure concepiti come orrori né tantomeno come errori e peccati.

Leggi tutto

Storie

Tunnel degli orrori contro Cristo rappresentato alla Biennale

Fortunatamente ha chuso i battenti l’orrido allestimento della già nobile esposizione veneziana, che ospita l’inquietante “Imitazione di Cristo” di Roberto Cuoghi: oscillante tra il delirio onirico, il compiacimento nichilistico e la gratuita bestemmia, scimmiotta il Breviario di decomposizione di Cioran

Leggi tutto

Società

Utero in affitto: un’ostetrica scrive in lettera aperta a Roberto Saviano

«Avere un figlio è un piacere [sic!] che nessuno può vedersi negato»? Una professionista dell’accompagnamento alla genitorialità risponde al filosofo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Iraq: le tappe del viaggio

Inizierà il 5 marzo con un volo da Roma Fiumicino a Baghdad, il tanto desiderato viaggio del Papa in Iraq all’insegna del motto “Siete tutti Fratelli”. L’accoglienza ufficiale sarà presso l’aeroporto della capitale irachena, dove Papa Francesco avrà il suo primo incontro, nella sala vip dello scalo, con il primo ministro, per poi proseguire presso il Palazzo presidenziale dove avrà luogo la cerimonia ufficiale di benvenuto.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano