Storie

di Giuseppe Udinov

Afghanistan: continuano i crimini dei talebani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Fronte di resistenza nazionale (Nrf) ha accusato i talebani di pulizia etnica e crimini di guerra nel nord dell’Afghanistan. Ali Maisam Nazary, portavoce del gruppo di resistenza che si oppone alle autorità dell’Emirato islamico, ha detto che le atrocità perpetrate dei talebani in alcuni distretti del Paese stanno aggravando le fratture sociali.

Nell’ultimo mese nella provincia del Panjshir sono stati arrestati almeno 43 civili: ad alcuni parenti è stato chiesto di pagare un riscatto (armi da fuoco in cambio della liberazione del famigliare), mentre altri hanno riferito di torture quotidiane nei confronti dei detenuti.

A più di un anno dalla riconquista talebana del Paese, continua a esistere un’opposizione sporadica e concentrata soprattutto nelle province settentrionali dell’Afghanistan. Ahmad Massoud - figlio del “Leone del Panjshir”, storica figura di riferimento anti-talebana, ucciso nel 2001 dopo aver guidato l’Alleanza del Nord contro gli studenti coranici - guida il Fronte di resistenza nazionale, il gruppo più consolidato, e si rivolge all’Occidente facendo leva su quello che temiamo di più, il terrorismo internazionale: “L’Afghanistan si sta trasformando in un hub per il terrorismo, il cui obiettivo è di diffondersi in tutto il mondo”, ha detto di recente a Foreign Policy.

Secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni unite, non solo al-Qaeda continua ad avere una presenza solida e capillare nel Paese (anche se è improbabile che abbia le risorse necessarie per organizzare attentati all’estero), ma sarebbero almeno 22 i gruppi che tentano in qualche modo di opporsi all’Emirato islamico. Il Nrf in alcune aree combatte fianco a fianco con il Fronte di liberazione dell’Afghanistan (Aff), capitanato dal tenente generale Yasin Zia, ex vice ministro della Difesa afgano. Lui e Massoud - che ha trovato rifugio in Tajikistan - cercano di ottenere all’estero soldi, armi e sostegno alla loro causa: tuttavia, ha evidenziato Zia, senza vittorie la resistenza non può attrarre armi e finanziamenti, e senza armi e finanziamenti la vittoria sui talebani sarà ancora più difficile (se non impossibile) da ottenere. Ma d’altronde, chi ha interesse oggi a sostenere un’altra guerra in Afghanistan? Esiste solo l’Ucraina!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/10/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Pakistan: no alla castrazione chimica

La castrazione chimica per gli uomini condannati più volte per stupro, approvata dal Parlamento del Pakistan, è stata tempestivamente ritirata dopo pochissime ore a causa delle obiezioni del Consiglio per l’ideologia islamica (Cii).

Leggi tutto

Storie

Honduras - Sacerdote ucciso a colpi d’arma da fuoco

Ancora una volta il sangue dei martiri bagna la nostra terra”: queste le commosse parole di Monsignor Ángel Garachana Pérez, Vescovo di San Pedro Sula, che in un videomessaggio ha annunciato il ritrovamento del sacerdote della sua diocesi.

Leggi tutto

Storie

Šyrokoradjuk: ”Molti ucraini stanno tornando”

Šyrokoradjuk:“All’inizio della guerra, in tanti chiedevano di scappare in zone più sicure o all’estero. Ora sono di nuovo qui, soprattutto donne e bambini”.

Leggi tutto

Storie

Birmania: strage di cristiani

Ennesimo atto di violenza contro i cristiani. L’ennesima strage è avvenuta in Birmania.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: attacchi alla libertà religiosa e di culto: “deplorevoli e inaccettabili”

Monsignor Luis José Rueda Aparicio, Arcivescovo di Bogotá e Presidente della Conferenza episcopale (CEC), ha affermato che si tratta di “atti di irrazionalità” che si rivelano “segni deplorevoli e inaccettabili”.

Leggi tutto

Politica

PUTIN NON È NÉ IL PROBLEMA NÉ LA SOLUZIONE MA IL SINTOMO

In questo giorni, dopo aver ascoltato il discorso di Putin durante l’ufficializzazione dell’annessione delle quattro regioni ucraine alla Federazione Russa, in molti puntano l’attenzione sulla regolarità o meno dei referendum e sulla validità delle consultazion

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano