Storie

di Mirko De Carli

SE LA GUERRA A PUTIN È GIUSTA COMBATTIAMOLA NOI E NON PER CONTO TERZI

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il problema, come sempre, è andare a fondo delle ragioni che ti spingono a fare una scelta anziché un’altra. La narrazione unica dell’aggressore e dell’aggredito rispetto al conflitto in corso in Ucraina dovrebbe interrogarci tutti in maniera radicale e netta: se Putin è un dittatore sanguinario che sta martoriando un popolo indifeso, perpetuando una nuova e più subdola formula di genocidio etnico, perché non scendere in campo direttamente noi per tentare di salvare delle vite umane prima che ne muoiano tante altre?

La storia è segnata da crimini di guerra come è altrettanto contraddistinta da azioni militari di Stati sovrani che hanno messo i loro “scarponi” in terra straniera per difendere la libertà e la vita stessa di interi popoli a rischio di estinzione. Se ascoltiamo i messaggi quotidiani dei leader occidentali la rappresentazione offerta di Putin è decisamente simile a quella dei Saddam Hussein o Osama Bin Laden per i quali il mondo occidentale si è speso per una vera propria guerra di liberazione. Allora perché in questo caso si sceglie di immolare il popolo ucraino a combattere per conto nostro una guerra che, da civile, va decisamente ben oltre i confini nazionali per nostra esplicita volontà politica? Non siamo vili e decisamente vigliacchi nell’esprimere una solidarietà a parole che poi nei fatti si traduce in un bieco “armiamoci e partite”?

L’Occidente purtroppo è vittima della sua stessa ideologia distruttiva: concepire le persone come cose. Per questo intende salvaguardare i propri stili di vita immolando un popolo povero e vittima di un’ideologia nazionalista dominante per arrogarsi il dritto di governare un’altra cospicua fetta di interessi economici globali come quelli derivanti dall’economia interna delle Federazione Russa. Questa guerra è figlia dell’imperialismo consumista e globalista, condannato per primo da San Giovanni Paolo II dopo il crollo del muro di Berlino, che vuole imporre in tutto il mondo il suo pensiero: non esiste altro Dio al di fuori del danaro.

Se davvero le parole di Putin ci feriscono e animano uno scatto d’orgoglio nella nostra umanità lasciamo perdere atti vili come armare o addestrare gli ucraini e prepariamo i nostri popoli a difendere con le unghie e con i denti quei valori di democrazia e libertà per i quali i nostri genitori hanno detto sì alla nostra venuta al mondo. Solo questa nostra forza di spirito ed una fede certa nel destino del nostro popolo potrà far abbassare lo sguardo allo zar russo e obbligarlo a scendere a più miti consigli: la guerriglia per conto terzi farà solo danni in termini umanitari ed economici sempre più irrimediabili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/10/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

IL PAPÀ DI ATTANASIO: “DALL’ONU OMERTÀ SULLA MORTE DI LUCA”

Su La Repubblica di questa mattina l ‘intervista a Salvatore Attanasio, il padre dell’ambasciatore italiano ucciso in Congo lo scorso febbraio.  Troppi i misteri e troppi i silenzi sulla vicenda

Leggi tutto

Società

USA: cresce numero bimbi nudi su Internet

Negli USA la percentuale di minori di età compresa tra 9 e 12 anni che condividono online immagini di nudo autogenerate è più che raddoppiata, nel 2020.

Leggi tutto

Chiesa

Costa D’Avorio - L’Arcidiocesi di Abidjan con il Papa nell’Atto di consacrazione

I fedeli ivoriani si radunano perchè “il Popolo santo di Dio faccia salire in modo unanime e accorato la supplica alla sua Madre” come scrive il Papa a proposito di quello che “Vuole essere un gesto della Chiesa universale, che in questo momento drammatico porta a Dio, attraverso la Madre sua e nostra, il grido di dolore di quanti soffrono e implorano la fine della violenza, e affida l’avvenire dell’umanità alla Regina della pace”. Il Cardinale ha reso noto che “questo sarà fatto in comunione con il Santo Padre e durante la messa serale” e, nel contempo, ha invitato i fedeli a una forte mobilitazione nella carità e nella solidarietà.

Leggi tutto

Politica

Mattarella respinge le dimissioni di Draghi

Il presidente della Repubblica, si legge in una nota del Quirinale, ‘non ha accolto le dimissioni e ha invitato il presidente del Consiglio a presentarsi al Parlamento per rendere comunicazioni, affinché si effettui, nella sede propria, una valutazione della situazione che si è determinata a seguito degli esiti della seduta svoltasi oggi presso il Senato della Repubblica’. La posizione del capo dello Stato dopo due colloqui con Draghi al Quirinale. Il primo, di un’ora, intorno alle 17.

Leggi tutto

Storie

West Virginia: quasi completamente vietato l’aborto

Nuova vittoria per la vita che nasce! Martedì il senato del West Virginia ha infatti approvato un disegno di legge per vietare quasi del tutto l’aborto, il che lo rende il secondo stato ad approvare un nuovo divieto da quando la Corte Suprema ha annullato la sentenza Roe v. Wade lo scorso giugno.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e la pace

Dopo l’Angelus Francesco ricorda che martedì si recherà al Colosseo per pregare insieme ai leader delle religioni mondiali per la pace in Ucraina e nel mondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano