Politica

di Mario Adinolfi

CON CORAGGIO NEL NOSTRO FUTURO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia convocata a Pomezia per il 15 e 16 ottobre, partecipata da 118 delegati in rappresentanza dei circoli territoriali del partito, ha approvato con una sola astensione il dispositivo finale proposto dalla presidenza nazionale come sintesi di un dibattito che in due giorni ha visto alternarsi sul palco 42 oratori. Il dispositivo finale conferma, preso atto della sconfitta elettorale del 25 settembre occorsa in condizioni emergenziali particolari, l’impegno politico del Popolo della Famiglia a sostegno dei principi non negoziabili e dei bisogni concreti delle famiglie e delle imprese italiane, in questi anni sottoposte ad un continuo choc economico ed esistenziale (basti pensare al caro energia, all’inflazione galoppante, ai diritti fondamentali lesi con la scusa della pandemia) privo di ancoraggio in valori profondi o nell’interesse nazionale, sostituito da politiche prone a diktat sovranazionali a cui nessuno dei partiti del centrodestra come del centrosinistra sembra oggi capace di sottrarsi. A sostegno delle famiglie prostrate, delle imprese ferite, dei valori profondi sradicati da una politica talvolta miope e talvolta cieca, si schiera il Popolo della Famiglia che proseguirà dunque la sua azione sui territori. Nello specifico, ogni realtà regionale individuerà una o due sfide elettorali su cui appuntare la propria attenzione nel 2023 da affrontare con il nostro simbolo; preso atto di una diminuzione del numero di militanti dovuto anche a oltre due anni di folli regole sul Covid, riprenderanno con intensità le iniziative territoriali finalizzate sia agli obiettivi elettorali che alla raccolta di nuova militanza; si riprenderà l’attività formativa itinerante costruita con i moduli dell’Università della Politica, per la creazione di quadri dirigenti preparati ad affrontare le sfide della comunicazione e dell’amministrazione; si utilizzeranno strutture associative collegate per entrare in contesti in cui non si può entrare con la sigla partitica, sfruttando i circoli Voglio la Mamma e La Croce Quotidiano, che raccoglierà anche proposte e elaborazione del territorio; si costruirà un baluardo anche mediatico contro la continua discriminazione dei credenti, per la libertà religiosa e quella scolastica, per contrastare la penetrazione dell’ideologia gender nelle scuole e nella società, per il diritto alla vita. Proprio sul diritto alla vita il Popolo della Famiglia si impegnerà per depositare in Parlamento una proposta di legge di due soli articoli. Il primo proporrà il diritto universale a nascere, il secondo il diritto universale a non essere soppressi. Il Popolo della Famiglia entra così con coraggio nel proprio futuro, sapendo di dover interpretare un ruolo di natura storica, perché in assenza del PdF certi precisi valori ormai non sarebbero più difesi da nessuno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Storie

L’allenatore e il produttore tra la gogna e il banco

Guai in vista per i due abusatori, ma c’è chi si chiede se l’ipocrisia non grondi anche da altre parti. Si continuano a tutelare insufficientemente i minori

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Storie

Storie di famiglie numerose e di adozioni

Adottare un bambino grandicello significa spesso affrontare con lui il dolore di abusi di vario tipo (fisici, psichici, sessuali), significa fare un grande lavoro di accoglienza e contenimento: attendere i tempi del bambino, cercare soluzioni creative, camminare con lui un tragitto doloroso, ma anche percorrere insieme la strada della rinascita. Questi ragazzi hanno una grande resilienza: se i genitori li accolgono completamente, li accettano e li amano (donandosi completamente a loro e non solo ‘percependo’ l’emozione dell’amore) in poco tempo i loro volti si trasformano, s’illuminano.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano