Politica

di Giuseppe Udinov

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo sdogana la blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso a favore di un atto blasfemo contro la Madonna, commesso nel 2013 dal gruppo femminista radicale Femen.

In quella triste occasione, un’attivista del gruppo ha simulato addirittura l’aborto di Gesù da parte della Vergine Maria davanti all’altare della chiesa della Madeleine, a Parigi, a seno nudo e indossando un piccolo velo celeste, colore associato dalla tradizione cattolica alla Madonna.

Con le braccia a forma di croce, la donna teneva nelle mani due pezzi di fegato di bue che rappresentavano l’aborto del Bambino Gesù. Il corpo della femminista esibiva frasi come “Natale cancellato” e riferimenti alla rivendicazione storica dell’aborto legale in Francia

L’attivista è stata condannata a un mese di carcere e a una multa di 2.000 euro, ma quasi dieci anni dopo la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso di condannare lo Stato francese a indennizzarla di circa 10.000 euro per violazione della sua “libertà d’espressione”.

Per il tribunale, l’atto grottesco, profondamente offensivo dei sentimenti religiosi dei cristiani e perpetrato invasivamente all’interno di una chiesa, avrebbe “contribuito al dibattito pubblico sui diritti delle donne, più specificatamente sul diritto all’aborto”

Stupiti? Non più di tanto! Si tratta della stessa corte che ha negato ripetutamente il diritto di vari genitori britannici di proteggere i propri figli malati da decisioni giudiziarie che imponevano loro di staccare in modo forzoso le apparecchiature di sostegno vitale, sostenendo che non c’erano più possibilità di guarigione e che quindi accelerare la morte di quei bambini avrebbe rappresentato “il loro migliore interesse”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

19/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Media

L’ Europa contesa fra transumanisti e bioconservatori

Cosa è avvenuto alla seconda festa nazionale de La Croce: cosa resta dei diritti umani nel Vecchio Continente?

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Chiesa

Santa Giacinta veggente di Fatima

La breve vita di Giacinta trascorse legata da un’identica serenità spirituale grazie al clima di profonda Fede che si respirava in casa. Il suo temperamento era però forte e volitivo e aveva una predisposizione per il ballo e la poesia. Era il numero uno dell’entusiasmo e della spensieratezza. Saranno gli accadimenti del 1917 a mutare i suoi interessi e più non ballerà, assumendo un aspetto serio, modesto, amabile. Il profilo che Lucia tratteggia della cuginetta è straordinario: è il ritratto dei puri di cuore, i cui occhi parlano di Dio.
Giacinta era insaziabile nella pratica del sacrificio e delle mortificazioni. Le penitenze più aspre per Lucia erano invece dettate dalle ostilità familiari e in particolare di sua madre, che la considerava una bugiarda e un’impostora. Lucia, essendo la più grande, fu la veggente più vessata e più interrogata (fino allo sfinimento) sia dalle autorità religiose che civili. A coronare questo clima intriso di tensioni e diffide c’era pure la situazione economica precaria dei dos Santos, provocata anche dal fatto che nel luogo delle apparizioni mariane, di proprietà della famiglia, non era più possibile coltivare nulla: la gente andava con asini e cavalli, calpestando tutto.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra la diocesi di Roma

Papa - Parlando questa mattina in Aula Paolo VI alla diocesi di Roma, Papa Francesco ha rivolto un forte incoraggiamento a seguire la voce dello Spirito Santo che non conosce confini, ad ascoltare ciascun appartenente all’unico popolo di Dio e anche quanti vivono ai margini della comunità.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano