Storie

di Roberto Signori

Milano; relazione tra professore e alunna 17enne

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una relazione tra un professore e un alunna 17enne è finita con il “bando” del docente dal mondo della scuola. E’ accaduto in un istituto superiore della periferia di Milano. L’inizio della vicenda risale al 2016 quando i due iniziarono a frequentarsi. Una volta che la relazione divenne pubblica, il docente fu allontanato dall’insegnamento con un provvedimento disciplinare del ministero dell’Istruzione. Una decisione a cui il professore ha fatto appello e che, a distanza di circa 6 anni, è approdata in Cassazione, dove però è stata confermata la sanzione: l’uomo non potrà più far parte del mondo della scuola.

L’uomo, durante i vari gradi di giudizio, come racconta il “Corriere della Sera”, non ha mai negato la relazione, ma ha cercato di difendere la propria posizione sottolineando sia che la ragazza aveva nel corso dell’anno scolastico compiuto 18 anni, sia il fatto che fosse stata lei a prendere l’iniziativa e anche che la madre dell’alunna fosse a conoscenza della relazione. Ma per i giudici nessuno di questi elementi è stato sufficiente per alleggerire la posizione del professore.

Per il docente nessuna denuncia - La vicenda è sempre rimasta nell’ambito delle sanzioni amministrative: il professore infatti non è stato mai denunciato perché una relazione con un proprio alunno o alunna non è reato se questi ha più di 16 anni.

“Una grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa” - L’uomo nei vari gradi di giudizio ha cercato di veder ridotta la propria “pena”, rifacendosi agli articoli del contratto di lavoro pubblico che per le sanzioni disciplina prevedono la sospensione, ma con il rientro a scuola con mansioni diverse dall’insegnamento. Per lui non c’è stato nulla da fare.

La relazione con l’alunna è stata infatti ritenuta una “grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa”, dato che, hanno scritto i giudici dell’Appello, “instaurare una relazione sentimentale e sessuale con un’alunna significava venir meno in modo radicale ai doveri e alle responsabilità insiti nel ruolo e disvelava la totale incapacità di discernere la sfera professionale da quella personale e la sfera etica da quella sentimentale, giungendo il docente a uniformarsi nei comportamenti a un coetaneo dei propri allievi”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/10/2022
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vogliono il mondo di Frankenstein e usano i bambini

Il “gioco del rispetto” in 45 scuole dell’infanzia a Trieste altro non è che il tentativo di contrapporre l’indifferenziato all’identità, anche sessuale, persino dei più piccoli

Leggi tutto

Società

Vladimir Luxuria a Viareggio per un pomeriggio di ordinaria ideologia

Il noto uomo di spettacolo è intervenuto, lo scorso 20 novembre, a commentare davanti a dei liceali la pellicola “Boys don’t cry”, appena proiettata.

Leggi tutto

Politica

PDF: insegnante lavora da 5 mesi senza stipendio

Il Popolo della Famiglia Marche, in forza all’art. 36 della Costituzione, invita l’Ufficio scolastico regionale ad occuparsi della questione e a risolverla nel più breve tempo possibile. “

Leggi tutto

Società

Scuola - Il nuovo anno scolastico

L’inizio dell’anno scolastico è diventato per molti il nuovo Capodanno, cosa che in effetti è, per certi versi, e che comporta quindi la formulazione di tutti i buoni propositi che ognuno di noi scrive in un massimo di dieci punti e che dovrebbero renderci migliori rispetto all’anno trascorso.

Leggi tutto

Società

SCUOLA - I DANNI DELLA DAD

Con la Dad un ritardo di tre mesi nell’apprendimento degli alunni. I dati emergono da uno studio dell’Università di Parigi

Leggi tutto

Società

Prof inglese punita per un “Ciao ragazze”

Prof inglese punita per un “Ciao ragazze”. Le allieve: “Non tutte ci sentiamo femmine”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano