Chiesa

di Nathan Algren

Colombo: lotta alla fame nei luoghi religiosi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Per garantire l’accesso al cibo ai cittadini, le autorità hanno istituito banchi alimentari e centri di scambio nei luoghi religiosi. Sotto la direzione del ministero degli Affari religiosi e culturali il programma coprirà 14mila divisioni: i centri raccoglieranno gli alimenti in eccesso e li consegneranno ai banchi alimentari, che a loro volta li distribuiranno alle famiglie più bisognose. In questo modo i cittadini avranno l’opportunità di scambiare le eccedenze ed evitare gli sprechi.

Il governo si affiderà all’assistenza dei monaci buddhisti e dei sacerdoti poiché si ritiene che abbiano una migliore comprensione delle condizioni di vita dei cittadini provati dalla crisi economica. Da mesi lo Sri Lanka - che ha dichiarato la bancarotta ad aprile - sta affrontando una crisi senza precedenti che ha fatto precipitare la sicurezza alimentare delle famiglie.

Durante le discussioni riguardanti l’attuazione del programma è emerso che “la decisione di istituire banchi alimentari con l’assistenza del clero è stata presa per garantire che la distribuzione ai bisognosi sia condotta in modo trasparente, invece che con liste presentate dai politici delle aree interessate”, ha spiegato ad AsiaNews un analista senior che ha preso parte alle riunioni.

Nel frattempo un funzionario del Dipartimento dell’istruzione ha detto di aver ricevuto informazioni dai presidi di diverse scuole secondo cui un gran numero di bambini provenienti da famiglie a basso reddito “salta le lezioni” perché i genitori non sono in grado di nutrirli e “molti studenti svenivano durante l’assemblea mattutina”.

In base a un recente rapporto governativo “i bambini di una famiglia su sette hanno abbandonato la scuola a causa della mancanza di cibo”. Secondo un alto funzionario del ministero dell’Istruzione, “ci sono 4,1 milioni di studenti di cui solo 1,1 milioni riceve il pranzo”. Questo nonostante il governo abbia stanziato 60 rupie (17 centesimi di euro) a pasto.

Nei distretti di Monaragala, Anuradhapura e Polonnaruwa i genitori di questi studenti sono lavoratori alla giornata impiegati come muratori, carpentieri, idraulici o operai. Alcuni non sono riusciti a trovare un’occupazione per giorni o settimane e hanno impegnato i gioielli di famiglia per acquistare beni di prima necessità.

Anche diverse organizzazioni internazionali come Save The Children e il Programma alimentare mondiale (Pam) delle Nazioni Unite collaborano con il ministero dell’Istruzione mentre diversi gruppi stanno gestendo progetti di “cucina comunitaria” rivolti ai bambini delle scuole di Wattegama, Maskeliya e Dickoya.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Se a Ostia anche Agostino diventa un senza-tetto

Giovane lavoratore mussulmano ‘adottato da Santa Monica’ (parrocchia) battezzato cristiano: “mi hanno buttato per strada, mi licenziano”

Leggi tutto

Politica

Etiopia: ondata di arresti di religiosi

L’ondata di arresti si è abbattuta, dall’inizio di novembre anche sui Salesiani: 28 religiosi sono stati arrestati durante una brutale e illegale irruzione alla sede nazionale delle Opere di don ad Addis Abeba. Tra gli arrestati anche un ottantenne.

Leggi tutto

Storie

Myanmar: L’esercito scaglia bombe sui profughi cristiani

La comunità cattolica si è radunata nella boscaglia per celebrare un semplice e sobrio rito funebre, nella commozione generale, mentre il sacerdote cattolico don Jacob Khun ha pronunciato brevi parole di commemorazione delle vittime, invitando alla speranza e alla preghiera.

Leggi tutto

Politica

La morte sospetta di Yalam Sankar

Secondo i cristiani locali Sankar era stato minacciato dai gruppi dell’hindutva che gli avevano intimato di smettere di predicare la sua religione.

Leggi tutto

Politica

Kirill, Putin e l’Ucraina

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk è stato dimesso dal patriarca Kirill dal suo ruolo di presidente del Dipartimento delle relazioni esterne. Hilarion in diverse occasioni si era espresso contro la guerra, ed aveva ricordato che “in America

Leggi tutto

Storie

Libano: grave pericolo mancanza d’acqua

Nel Paese dei cedri evitato il collasso delle infrastrutture, ma i servizi di approvvigionamento rimangono precari.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano