Società

di Giuseppe Udinov

Stop ad armi e tecnologie fuori controllo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Rispetto della vita e traffico di armi. O “uso malevolo” delle tecnologie. L’alfa e l’omega di una battaglia che il Papa ha ingaggiato in prima persona in nome del primo e contro i secondi. E la voce di Francesco arriva al Palazzo di vetro delle Nazioni Unite, amplificata dall’arcivescovo Gabriele Caccia che ieri è intervenuto due volte durante la discussione in seno al primo Comitato della 77.ma Sessione dell’Assemblea generale Onu. Due discorsi distinti e strettamente legati dal denominatore comune degli armamenti, che siano le diffusissime armi di piccolo calibro che alimentano la delinquenza comune, oppure i sofisticatissimi sistemi di quella guerra silenziosa ma non meno letale che si combatte nel cyberspazio.

Nel primo caso, parlando delle TIC, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, il rappresentante vaticano esordisce con una affermazione netta tratta dalla Laudato si’: il “nostro immenso sviluppo tecnologico non è stato accompagnato da uno sviluppo della responsabilità, dei valori e della coscienza umana”. Un aspetto che si coglie in modo nitido quando si affronta il tema della rete di sistemi interconnessi che costituisce il cyberspazio, il cui utilizzo - rileva monsignor Caccia - “richiede a tutti di passare da un paradigma di competizione a uno di cooperazione”. Anche il lavoro in questo ambito, afferma il presule, “deve rispettare la dignità intrinseca di ogni persona umana”, che si traduce nel diritto alla privacy e dunque alla protezione dei cittadini “da una sorveglianza intrusiva” salvaguardando i propri dati personali “da accessi non autorizzati”.

Gli Stati - è l’invito dell’osservatore della Santa Sede - devono garantire la tutela delle “proprie infrastrutture critiche” (ospedali, reti idriche, centrali elettriche) ma al contempo “astenersi da qualsiasi attività che danneggi intenzionalmente le infrastrutture critiche di un altro Stato”. E ancora, deve essere un criterio di giustizia a guidare “le loro azioni nel cyberspazio” e “ciò richiede che gli Stati in grado di farlo contribuiscano efficacemente agli sforzi per colmare il divario digitale” verso quelle nazioni “che non hanno un’uguale partecipazione ai frutti della rivoluzione digitale”
Per quando riguarda il combattere e sradicare il commercio illegale di armi leggere e di piccolo calibro dette “SALW” - tema dell’altro intervento di monsignor Caccia all’Onu - l’indicazione della Santa Sede è per un rafforzamento e una piena attuazione multilaterale del “Programma d’azione” creato ad hoc per contrastarne l’utilizzo, assieme allo “Strumento internazionale per il rintracciamento” (ITI), che sono mezzi importanti, sottolinea, “per ostacolare seriamente gli effetti nefasti della diffusione incontrollata di armi illegali”. Le armi leggere possono anche essere ritenute “di distruzione limitata”, ma “ogni anno - evidenzia il presule - mietono centinaia di migliaia di vittime in tutto il mondo e il loro terribile impatto è diffuso e devastante per l’umanità”, in mano come sono a “terroristi, criminalità organizzata, bande e gruppi che trafficano in esseri umani e droga”.

Anche se gli sforzi in questo senso “sono stati frammentari e limitati”, la Sanata Sede - conclude monsignor Caccia - “accoglie con favore” l’impegno internazionale sottoscritto l’estate scorsa a New York che prevede un maggiore “coordinamento dei meccanismi di controllo nazionali” in vista della Conferenza di revisione del programma d’azione e dell’ITI in programma nel 2024.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Sugli stregoni della notizia

È dai tempi di Reagan che la Casa Bianca consulta scrupolosamente dei media-influencer

Leggi tutto

Chiesa

Newman fra i beati che volano verso gli altari

L’anglicano tornato a Roma è senza dubbio quello il cui nome spicca, nel decreto firmato ieri mattina da Papa Francesco fra le mani del prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi – Angelo Becciu –. Insieme con la sua, però, progrediscono anche le cause di altri due beati, mentre sono tre i venerabili, prossimi beati, delle cui virtù è stata riconosciuta l’eroicità.

Leggi tutto

Storie

KAROL WOJTYLA, I 100 ANNI SPIEGATI AI RAGAZZI

Un piccolo e agile volume che ripercorre il Pontificato del Papa polacco attraverso una raccolta di scritti e frasi celebri che vanno dal giorno della
sua elezione, il 16 ottobre 1978, a quello nel quale è tornato alla casa del Padre, il 2 aprile 2005. È disponibile anche in inglese, in coedizione con l’editrice americana “Paulist Press”, e in polacco, in coedizione con l’editrice “Wydawnictwo Sw. Stanislawa BM”. Una lettura adatta proprio a tutti

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: a Gesù che tutto può, la preghiera chieda tutto

All’Angelus, Papa Francesco si sofferma sulla figura di Bartimeo, il mendicante cieco narrato nel Vangelo di Marco, e lo indica come esempio di fede “concreta e coraggiosa”.

Leggi tutto

Chiesa

Tutela abusi, O’ Malley: indagini chiare

Come trasformare il sistema? Serve “un’indagine onesta, un’indagine indipendente e un’azione informata” perchè, afferma il cardinale O’Malley, “non possiamo riparare ciò che non riconosciamo. Non possiamo ripristinare una fiducia infranta se non entriamo nel cuore della questione”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano