Storie

di Giampaolo Centofanti

Importante intervento di Ratzinger

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Benedetto XVI ha spiegato il senso della sua teologia in una recentissima lettera.
La Madonna a Fatima ha affermato che alla fine il suo cuore immacolato trionferà, padre Kolbe ha profetizzato un’era dell’Immacolata. Colpisce che i due ultimi concili siano stati preceduti dal dono di due dogmi mariani, l’Immacolata Concezione e l’Assunzione in cielo in anima e corpo di Maria. Pare quasi che Maria segnali i poli di riferimento. l’Immacolata Concezione, il Vaticano I, l’infallibilità papale, l’identità e l’Assunzione, il Vaticano II, lo sguardo amorevole sulle persone, l’imparare Gesù, Dio e uomo, da tutti, la comprensione per il cammino particolare di ciascuno. Il divino e l’umano, Gesù, Dio e uomo.
Quando questi poli si contrastano o si fondono invece di essere uniti ma anche distinti finiscono per svuotare l’uomo. L’identità senza anche il distinto momento dello scambio si chiude e si spegne, si disumanizza; lo scambio senza il distinto momento della libera formazione identitaria diventa omologante, un altro modo di spegnersi, di chiudersi in schemi. In entrambi i casi non matura l’uomo e si impongono il potere, gli apparati. Non si sviluppa un’autentica maturazione e partecipazione di ciascuno.
Interessante così osservare che l’unione e la distinzione di identità e scambio favoriscono l’uscita dalle astrazioni, dagli svuotamenti, dalle omologazioni, del razionalismo. L’identità infatti stimola la vissuta ricerca profonda, lo scambio la aiuta a non chiudersi in schemi ma a rinnovarsi sempre alla ricerca dell’autentico umano, del benessere vero.
Risulta così profondamente stimolante la recentissima lettera di Ratzinger (https://www.catholicnewsagency.com/news/252608/benedict-xvi-reflects-on-vatican-ii-in-new-letter) sulla Chiesa e il mondo. Anche qui possiamo osservare che il cammino della fede nella storia è un sempre più profondo tornare al Gesù dei vangeli, come lui stesso ci ha insegnato. Il Vaticano I senza il Vaticano II può divenire chiusura all’umano, al mondo. Il Vaticano II senza il Vaticano I può divenire confusione col mondo, omologazione in un umano generico e svuotato. Nel mondo ma non del mondo, afferma appunto Gesù.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/10/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il caso Ladaria e gli errori di certa stampa

Per chi sappia come funzionano le trafile nella Curia Romana, la nomina di Luís Ladaria a prefetto dell’ex Sant’Uffizio è tutto fuorché una sorpresa: anche i giornalisti che avevano per tempo confezionato il pezzo con cui “impallinarlo” lo sapevano bene. In ogni critica però è presente un’autobiografia, e il tempismo con cui si stracciano certe vesti dice bene lo stile dell’“informazione”.

Leggi tutto

Società

Cozzoli ;“non c’è un diritto a morire, c’è un diritto a morire bene”

“Una cultura che, di fronte alla sofferenza e al suo dramma, non sa proporre di più e meglio di un diritto a morire – diritto assicurato come suicidio assistito – è delusoria e fuorviante”

Leggi tutto

Chiesa

Sugli accorpamenti di diocesi

Anche la concreta strutturazione ecclesiale non nasce dal caso ma da certa mentalità.
Sono per quello che colgo finora contrario all’accorpamento delle diocesi perché il vescovo deve stare vicino alla gente, secondo me deve essere più un parroco. I vescovi oggi sono orientati strutturalmente alle burocrazie e alle astrazioni di palazzo. In una concatenazione di cause tutto è costruito con gli schematismi del razionalismo. Gli accorpamenti tra l’altro rendono più difficile una più diffusa, meno incanalata dall’alto, partecipazione.

Leggi tutto

Chiesa

L’aiuto divino e umano di Gesù

In questo tempo difficile vi è tanto bisogno del cuore divino e umano di Gesù.
Talora ci può venire trasmesso il vivere la Parola come una regola astratta. Siamo orientati a “fare i bravi” e non a lasciare maturare in noi la grazia, portati da essa. Ci confrontiamo dunque in vario modo meccanicamente con regole astratte invece di scoprirci condotti verso il nostro cuore semplice nella Luce serena.

Leggi tutto

Chiesa

Istruzione della Chiesa sulla scuola

Un passo determinante, che può aprire strade nuove a tutto campo.
La Congregazione per la Educazione Cattolica ha emanato una decisiva istruzione nella quale si afferma che è fondamentale che lo studente possa venire formato maturando in ogni cosa, anche nella cultura, alla luce della fede cristiana che liberamente ha scelto ed in altri distinti momenti possa vivere un così autentico scambio con chi forma o cresce alla luce di altre visuali.

Ad una prima lettura appare dunque un documento molto equilibrato che evita i due scogli dell’identitarismo chiuso in sé e dell’incontro omologante e svuotante, senza adeguato sviluppo delle identità.
Una pista che a mio parere si pone alla base di una società rinnovata a tutto campo, favorendo l’autentica maturazione delle persone e dunque anche una più viva democrazia.

Un percorso che può aprire anche ad un’uscita dalla cultura di fede e ragione, nella quale il falso svuotante tecnicismo può tornare ad imperare. Infatti una viva ricerca identitaria ed in altri momenti un autentico scambio possono favorire la ricerca di un vero, non intellettualistico, benessere integrale: la maturazione di ogni persona aiutata a trovare davvero, senza schematismi, moralismi, inutili sbrachi, sé stessa.

La formazione e l’informazione costituiscono le fondamenta di persone e di società davvero rinnovate. Un documento dunque di grande speranza.

Leggi tutto

Media

Poesia della pace

Una poesia della pace do don Giampaolo Centofanti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano