Storie

di Nathan Algren

Pakistan - Il soccorso della comunità cattolica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Taunsa, località sul fiume Indo, al confine tra le province di Punjab e Beluchistan, oltre 100 famiglie cattoliche, per un totale di circa 5.000 persone, sono nella miseria, nell’abbandono e nella disperazione, dopo che le forti alluvioni hanno spazzato via le case, i campi, il bestiame. Lo racconta all’Agenzia Fides padre Emmanuel Parvez, 70enne parroco a Pansara, località nella diocesi di Faisalabad, che nei giorni scorsi ha visitato quelle famiglie portando aiuti umanitari come tende, cibo, riso, olio cereali. “Avevo conosciuto alcuni giovani di quella località negli anni scorsi, grazie al torneo sportivo che ogni anno organizziamo a Kushpur, e che accoglie, per un momento di gioia e di scambio culturale, giovani da tutto il Pakistan, di diverse aree, culture e religioni. Abbiamo ricevuto un appello da loro e, con un gruppo di persone della parrocchia, siamo andati a visitarli”, racconta il sacerdote, he ha trovato la gente locale in condizioni di estrema indigenza.

“Ora le acque si stanno ritirando - dice - ma queste persone non sanno come vivere. Gli aiuti istituzionali sono lenti e scarsi e non riescono a raggiungere tutti i bisognosi. I villaggi cristiani, inoltre, spesso sono abbandonati a se stessi anche dalle istituzioni, a causa di una mentalità discriminatoria che alberga nella mente di alcuni funzionari pubblici. Stiamo cercando di di fare il possibile per aiutarli. Alcune famiglie hanno anche espresso il desiderio di trasferirsi da noi, a Faisalabad, e stiamo cercando una sistemazione dignitosa per loro”, racconta p. Parvez. E rileva: “Andare da loro, esprimere il nostro conforto e la solidarietà, mostrare la nostra vicinanza materiale e spirituale è stato molto importante. Li aiuta e dona loro un seme di speranza”.
Il parroco ha ricevuto anche un’altra richiesta di aiuto da Hub, località a Nord di Karachi, nella provincia del Sindh, da un villaggio dove convivono 10 famiglie musulmane e altrettante cristiane. “Anche per loro, che si trovano nella medesima situazione, ci siamo attivati per una prima rete di assistenza, visitandoli e portando aiuti”, riferisce.
“Il paese è stato messo in ginocchio da queste alluvioni e la ripresa è molto lenta. Ora all’indigenza e alla mancanza di sostentamento si aggiunge l’emergenza sanitaria, con diffusione di dengue, malaria, alte malattie infettive”, conclude padre Parvez.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/10/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cristiani ricercati per svolgere i lavori più umili

In Pakistan circa il 95% degli operai addetti alla pulizia e alla sanificazione di strade, ospedali, scuole e istituti pubblici, fogne, appartiene alle minoranze religiose. Il fatto che questi operatori appartengano alle minoranze religiose si lega all’antica concezione castale ancora presente nelle società del subcontinente indiano, che riserva alle caste più basse i lavori più umili. Sono lavori che i musulmani rifiutano. “Si tratta di un doppio standard”, ha scritto in passato la Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi cattolici del Pakistan, lamentando “il trattamento discriminatorio riservato alle minoranze religiose”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa - L’Africa non va sfruttata ma promossa

Il Pontefice ha incontrato, per i suoi 70 anni di vita, in Aula Paolo VI, la comunità missionaria di “Medici con l’Africa – Cuamm”, invitando a valorizzare il “capitale intellettuale” dei giovani del continente

Leggi tutto

Storie

Una scuola per gli ultimi del Nepal

In missione in una zona poverissima dell’ovest del Nepal. Con un grande sogno che sta muovendo i primi passi: quello di aprire a Dhangadhi una scuola per dare un futuro ai figli di chi vive in questa estrema periferia ai piedi dell’Himalaya. È la frontiera missionaria di p. Ajo Thelappilly, sacerdote cattolico indiano dei Carmelitani di Maria Immacolata (CMI), coordinatore delle opere sociali del Nepal Carmel Mata Samaj, una ong attiva da una decina d’anni in Nepal nell’ambito della missione che questo istituto religioso ha aperto nel Paese da una decina d’anni.

Leggi tutto

Storie

Nuova Guinea: i timori dei vescovi

Il bilancio dei morti dei disordini del 10 gennaio è salito a 22 persone, mentre il Paese rischia il collasso socio-economico. P. Giorgio Licini, segretario generale della Conferenza episcopale della Papua Nuova Guinea: “I comuni cittadini, le Chiese, lo Stato e il governo sono tutti ugualmente responsabili”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rafforzare la logica della solidarietà”

Nel messaggio inviato al direttore generale della Fao, Qu Dongyu, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione di domani, Papa Francesco afferma che “sconfiggere la fame una volta per tutte” è “una delle sfide più grandi dell’umanità” ed è “una meta ambiziosa”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano