Storie

di Roberto Signori

MONGOLIA - L’essenzialità della fede “sussurata”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si intende di nuove tecnologie digitali e parla diverse lingue Chamingerel, la donna mongola di 35 anni che attualmente coordina l’ufficio pastorale della Prefettura Apostolica di Ulan Bator. Come nome di battesimo ha scelto quello di Rufina, la santa romana del III Secolo martirizzata insieme a sua sorella Seconda per non aver abiurato la fede in Cristo. Anche in Chamingerel/Rufina oggi si avverte la letizia battesimale che fiorisce in opere buone. “Ho conosciuto la fede cattolica” racconta Rufina “ quando ero studentessa. Un mio parente e la sua famiglia mi invitarono a partecipare alla mia prima celebrazione eucaristica. Per la prima volta sono entrata in una parrocchia. Era il 2004. Sono ancora emozionata nel ricordarlo. Sono rimasta colpita dalle parole dell’omelia ed in generale dall’atmosfera accogliente verso tutti. Oggi posso dire che l’incontro con i cristiani mi ha aperto gli occhi ed il cuore” .

Oggi Rufina lavora nell’ufficio pastorale della Prefettura Apostolica insieme ad altre due donne laiche di nazionalità mongola, che svolgono rispettivamente i ruoli di traduttrice e catechista.
“Coordinare l’ufficio pastorale è il mio modo di sostenere la Chiesa in Mongolia, e mantenere un cuore aperto. Constatare come il nostro ufficio sia un punto di collegamento per tutte le parrocchie ed i missionari è per me motivo di soddisfazione” racconta Rufina. “ Questo” – aggiunge - lo vedo concretamente quando organizziamo i corsi per catechisti provenienti da diverse parrocchie. In queste occasioni sentiamo veramente di essere una sola Chiesa unita in Cristo”.

L’ufficio pastorale, che quest’anno ha ricevuto sostegno anche dalla Pontificia Opera della Propagazione della Fede, è una piccola struttura con diverse mansioni operative, che vanno dalla traduzione di documenti ecclesiali – proprio per venir incontro all’urgenza di avere testi in lingua locale - alla formazione dei catechisti (che sono perlopiù giovani madri e studenti), o ancora alla preparazione di incontri nella Prefettura, fino alla comunicazione attraverso i social media e l’aggiornamento del sito internet. Il ”cuore” di ogni opera rimane l’attenzione alle singole persone nel loro cammino di fede. In Mongolia i battezzati cattolici sono circa 1300 su una popolazione di oltre 3 milioni di persone.

“Bisogna cercare di intuire cosa sta succedendo nel cuore di un mongolo o di una mongola che ha ricevuto il Vangelo”. Tanti incontrano il cristianesimo dopo che la loro sensibilità è stata nutrita e modellata dal buddismo e dallo sciamanesimo. Per questo è importante che il loro cuore possa percepire “l’essenzialità del cristianesimo con il proprio cuore e con la propria intelligenza”, anche creando spazi e occasioni “per ascoltare i fedeli, e cogliere quel che accade nell’intimo della loro persona” spiega Rufina, che ricorda il ruolo fondamentale dei missionari in Mongolia chiamati a diventare “piccoli semi” capaci di trasmettere quasi con un “sussurro” l’essenzialità della fede. “Sussurrare il Vangelo nella terra dell’eterno cielo blu” è proprio il titolo del libro scritto dall’allora vescovo, oggi Cardinale, Giorgio Marengo, prefetto apostolico di Ulan Bator.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/10/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

Il vostro nemico il diavolo

Fra Benigno raccoglie un’eredità pesante, ora che padre Amorth non c’è più. Al frate siciliano, come volto e nome noto, forse il più conosciuto tra gli esorcisti italiani viventi, tocca adesso continuare a tenere desta l’attenzione sul nemico. Come è risaputo, quest’ultimo non va certo in vacanza: informare, evangelizzare, invitare alla preghiera e ad una vita sacramentale rimangono attività fondamentali per contrastarne l’azione. Fra Benigno non si stanca mai di farlo. L’ultima fatica del frate si intitola «Il vostro nemico il diavolo. Misericordiosi come Gesù verso i tormentati e coloro che credono di esserlo» (Paoline, 280 pp., 22, 00 euro). Un libro importante, per molti versi.

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Politica

Cop26:a Glasgow regna l’incertezza

La 26 a conferenza delle Nazione Unite sul clima, la Cop26 si sta svolgendo dal 31 ottobre scorso al 12 novembre a Glasgow. I paesi presenti alla Cop 26 hanno certo ribadito la loro intenzione di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Tuttavia c’è una spaccatura innegabile tra, da una parte i paesi favorevoli all’eliminazione progressiva delle fonti fossili e dall’altra parte chi vorrebbe limitare il taglio dei gas serra.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano