Storie

di Raffaele Dicembrino

La Corsa dei Santi a Roma

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Trentasei nazioni, 19 regioni e 83 province. Tutto il mondo riunito a Roma per festeggiare oggi, primo novembre, con la Corsa dei Santi, l’evento sportivo promosso da Missioni Don Bosco. La 14esima edizione raccoglie amanti del running e sportivi che si sfideranno in una corsa di 10 chilometri. Il percorso di gara - presentata ieri presso la sede di Vatican News - Radio Vaticana, è quanto di più affascinante si possa immaginare: dopo la partenza, fissata alle 9.15 in Piazza Pio XII, davanti alla Basilica di San Pietro, l’itinerario si snoda all’interno nel centro storico, attraversando piazze e vie tra le più celebri della Città Eterna.

La Corsa dei Santi è anche un’occasione per sensibilizzare sugli interventi a favore dei minori nei diversi continenti condotti da Missioni Don Bosco. L’edizione 2022 è dedicata ai bambini della Repubblica Democratica del Congo. ‘Il diamante più prezioso è l’istruzione’ è il progetto che ha previsto la costruzione di un edificio nella periferia della città mineraria di Tshikapa per dare la possibilità della frequenza scolastica a migliaia di ragazze e ragazzi estromessi, di fatto, dal sistema scolastico. La frequenza degli allievi è infatti scoraggiata dalla lontananza dei centri formativi, mentre i genitori preferiscono impegnarli nelle miniere, inseguendo la chimera di un ritrovamento del diamante che potrà cambiare la sorte economica della famiglia. A sostenere l’iniziativa è anche la presenza di importanti testimonial: tra tutti il Campione Olimpico Marcell Jacobs, trionfatore dei 100 metri piani negli ultimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Insieme a lui, la Campionessa mondiale, con la Nazionale italiana di pallacanestro FISDIR, Chiara Vingione, 27enne cestista con sindrome di Down, divenuta la prima atleta della storia ad aver giocato con la Nazionale maschile.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Società

Il popolarismo e la secolarizzazione

In un articolo sul La Nuova Bussola Quotidiana, Stefano Fontana arruola una celebre “profezia” del 1919 di Gramsci sul “suicidio” dei Popolari che avrebbero “modernizzato” le masse popolari aprendo così la strada all’ateismo e al comunismo. L’unica “modernizzazione” dei Popolari fu lottare contro il latifondo, riscoprendo così un retaggio biblico che era stato piuttosto trascurato.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Società

Libano - Scuole cristiane, il Patriarca esonera le famiglie dal pagamento

Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssef III Younan, ha dato disposizione di esentare dal pagamento delle rette scolastiche per l’anno 2021-2022, le famiglie degli studenti siro-cattolici che frequentano le scuole collegate al Patriarcato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: il Signore cerca cuori che sanno ascoltare

Papa Francesco ritorna sul tema dell’ascolto e commentando le letture del giorno, afferma che la Parola del Signore “non può essere ricevuta come una qualsiasi notizia di cronaca: ma va ripetuta, fatta propria e custodita”

Leggi tutto

Chiesa

Il videomessaggio del Papa al pontificio consiglio culturale

In un videomessaggio alla plenaria del Pontificio Consiglio della Cultura, il Papa indica la necessità di ritrovare “il senso e il valore dell’umano in relazione alle sfide che si devono affrontare”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano