Storie

di Roberto Signori

Maltrattate per il peso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È finito sul tavolo del sostituto procuratore di Brescia Alessio Bernardi l’esposto di due giovani atlete bresciane di ginnastica ritmica che denunciano anni di presunti maltrattamenti psicologici. La vicenda si inserisce nel contesto di presunti maltrattamenti denunciati da due ex Farfalle della nazionale italiana, Nina Corradini e Anna Basta durante gli anni in cui hanno frequentato l’Accademia di Desio (Monza). Il pm Bernardi sta ricostruendo quanto denunciato e con il procuratore capo Francesco Prete saranno valutate eventuali deleghe per accertamenti. Nell’esposto delle ginnaste bresciane non ci sono nomi di allenatori e dirigenti.

Sarebbe stata la madre di due giovani sorelle promesse della ginnastica ritmica a presentare l’esposto alla Questura di Brescia su presunte violenze psicologiche da parte degli allenatori dovute a motivi di peso e quindi relative al loro fisico. Le due ragazzine, da quanto si è saputo, hanno lasciato la disciplina. Ci sono altre due ginnaste sempre bresciane che si sono recentemente ritirate dopo aver rotto i rapporti con i loro allenatori, entrambe tesserate per l’Auxilium che si allenavano in una palestra del Bresciano. La madre di una delle due, ex atleta di 15 anni, si è trincerata dietro il silenzio: “In questo momento non possiamo dire nulla”.

Intanto il ministro dello sport e dei giovani, Andrea Abodi incontrerà nella sede del ministero il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e quello della federginnastica, Gherardo Tecchi, per affrontare il tema delle denunce presentate nei giorni scorsi da alcune atlete della ritmica. La federginnastica aveva chiesto alla procura federale di fare luce sottolineando che la “la FGI non tollera alcuna forma di abuso ed è sempre al fianco di tutti i propri tesserati”. Tra le accuse le due ginnaste parlano di offese e umiliazioni da parte delle allenatrici federali per soddisfare i parametri del peso della squadra azzurra di ritmica. Il caso è finito sul tavolo del sostituto procuratore di Brescia Alessio Bernardi dopo l’esposto presentato dalle due atlete, in cui però non compaiono nomi di allenatori o dirigenti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2022
2905/2023
Santa Maria Maddalena de' Pazzi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

ADINOLFI (PDF), “IGNOBILE ESCLUDERE I PARALIMPICI RUSSI”

Mario Adinolfi: “Questo razzismo contro i fragili non aiuta la pace”

Leggi tutto

Storie

Il nuotatore trans Lia Thomas concorre per essere atleta donna dell’anno

Il nuotatore trans Lia Thomas, già al centro di innumerevoli polemiche per aver partecipato a competizioni femminili (e per averle vinte grazie al vantaggio che gli deriva dal possedere una struttura fisica maschile) e lo spiacevole vizietto di voler dividere gli spogliatoi con le colleghe femmine, è stato proposto come atleta (donna) dell’anno 2022 dall’Università della Pennsylvania.

Leggi tutto

Storie

Elisa Di Francisca ed il dramma dell’aborto

A “Verissimo” la schermitrice racconta il dramma dell’aborto vissuto a 18 anni

Leggi tutto

Società

Allarme sedentarietà: un italiano su tre non pratica sport

I rappresentanti dei clinici e i vertici nazionali del basket avviano una collaborazione per promuovere l’attività fisica. Francesco Cognetti: “Con stili di vita sani possiamo sconfiggere cancro, tumori del sangue e malattie cardiache”. Giovanni Petrucci: “Salute e Sport, binomio vincente soprattutto dopo il lockdown e la pandemia”.

Leggi tutto

Storie

Athletica Vaticana e lo sport solidale

In vista della Maratona di Roma, che si svolge domenica nella capitale varie le iniziative solidali organizzate, tra gli altri, da Athletica Vaticana. Ci saranno quattro staffette solidali per raccogliere fondi destinate alle famiglie povere con bambini, assistite dal Dispensario Santa Marta

Leggi tutto

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano