Storie

di Roberto Signori

Maltrattate per il peso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È finito sul tavolo del sostituto procuratore di Brescia Alessio Bernardi l’esposto di due giovani atlete bresciane di ginnastica ritmica che denunciano anni di presunti maltrattamenti psicologici. La vicenda si inserisce nel contesto di presunti maltrattamenti denunciati da due ex Farfalle della nazionale italiana, Nina Corradini e Anna Basta durante gli anni in cui hanno frequentato l’Accademia di Desio (Monza). Il pm Bernardi sta ricostruendo quanto denunciato e con il procuratore capo Francesco Prete saranno valutate eventuali deleghe per accertamenti. Nell’esposto delle ginnaste bresciane non ci sono nomi di allenatori e dirigenti.

Sarebbe stata la madre di due giovani sorelle promesse della ginnastica ritmica a presentare l’esposto alla Questura di Brescia su presunte violenze psicologiche da parte degli allenatori dovute a motivi di peso e quindi relative al loro fisico. Le due ragazzine, da quanto si è saputo, hanno lasciato la disciplina. Ci sono altre due ginnaste sempre bresciane che si sono recentemente ritirate dopo aver rotto i rapporti con i loro allenatori, entrambe tesserate per l’Auxilium che si allenavano in una palestra del Bresciano. La madre di una delle due, ex atleta di 15 anni, si è trincerata dietro il silenzio: “In questo momento non possiamo dire nulla”.

Intanto il ministro dello sport e dei giovani, Andrea Abodi incontrerà nella sede del ministero il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e quello della federginnastica, Gherardo Tecchi, per affrontare il tema delle denunce presentate nei giorni scorsi da alcune atlete della ritmica. La federginnastica aveva chiesto alla procura federale di fare luce sottolineando che la “la FGI non tollera alcuna forma di abuso ed è sempre al fianco di tutti i propri tesserati”. Tra le accuse le due ginnaste parlano di offese e umiliazioni da parte delle allenatrici federali per soddisfare i parametri del peso della squadra azzurra di ritmica. Il caso è finito sul tavolo del sostituto procuratore di Brescia Alessio Bernardi dopo l’esposto presentato dalle due atlete, in cui però non compaiono nomi di allenatori o dirigenti.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

I colpi di testa nel calcio causano danni permanenti

I ricercatori hanno diagnosticato per la prima volta l’encefalopatia traumatica cronica (CTE) in un giocatore della MLS, la massima lega calcistica americana

Leggi tutto

Storie

Presentata a Pisa la Coppa del Mondo di scherma paralimpica

Si apre il sipario, a Pisa, sulla tappa di Coppa del Mondo di scherma paralimpica che dà il via alla stagione internazionale 2021/2022. Nel primo grande appuntamento dopo i Giochi Paralimpici di Tokyo,

Leggi tutto

Storie

Vercelli, calciatrice rifiuta di togliersi il velo

Calciatrice si è rifiutata di togliere il velo e l’arbitro ha fischiato la fine della partita. Le nuove polemiche giungono da Vercelli

Leggi tutto

Storie

COPPA DEL MONDO DI SCHERMA PARALIMPICA 11 AZZURRI IN PEDANA A VARSAVIA

L’Italia affronta questo primo impegno europeo di Coppa del Mondo forte di ben 25 medaglie raccolte nei due precedenti appuntamenti del circuito iridato nella scorsa primavera, con l’obiettivo di confermare quegli ottimi risultati sia nei primi tre giorni dedicati alle prove individuali che nelle competizioni a squadre previste domenica, quando andranno in scena i team events di spada femmi

Leggi tutto

Chiesa

A Formello la partita “Fratelli Tutti”

A Formello, in casa della Società Sportiva Lazio, si è disputata la gara amichevole tra la World Rom Organization e la Squadra del Papa - Fratelli tutti. Una partita all’insegna dell’amicizia

Leggi tutto

Società

Gli atleti trans sempre in vantaggio

Le proteste non hanno vinto il politicamente corretto: «Più nuotatrici hanno sollevato il problema, più volte», ha raccontata un’atleta al DailyMail. «E’ decisamente imbarazzante perché Lia ha ancora parti del corpo maschili ed è ancora attratta dalle donne. Ma in pratica ci è stato detto che dobbiamo girarci e accettarlo, oppure non possiamo usare il nostro spogliatoio». Solo due o tre atlete supportano Thomas, la maggior parte ha paura di parlare e la scuola vieta agli studenti di parlare con i media.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano