Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Un oltre fecondo a 360 gradi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tratto qui di una innovativa pista che si è da decenni rivelata feconda a tutto campo.

Giovanni Battista preannuncia il Messia ma ne immagina l’opera a tinte forti, come uno che mette in riga le persone con la forza. Però quando viene Gesù vede che lo Spirito scende su di lui come nel suo nido naturale, a misura, con delicatezza, come una colomba. Lo Spirito di Cristo non calpesta l’umanità ma fa rinascere gradualmente ciascuno sulla propria specifica, ben al di là degli schemi, via con amore meraviglioso. Gesù stesso dunque come uomo matura in questa strada, con il vario aiuto degli altri. Non parla di un riduttivo rapporto di fede e ragione ma la sua umanità integrale si rinnova continuamente in tale percorso vedendo ogni cosa in modo sempre più profondo ed equilibrato.

Dunque non cerebralismi, forzature, sensi di colpa, astrazioni, meccanicismi, inutili sbrachi, emozionalismi, pragmatismi, spiritualismi ma il fiorire del discernimento divino e umano. È su questo cammino che mi sono trovato a sciogliere i principali, secolari, nodi ecumenici, a scoprire un rapporto più limpido e semplice tra lo spirito e la psicologia, la corporalità, dell’uomo, capace più fecondamente di sciogliere tendenzialmente in modo adeguato i nodi, di aprire le strade.

Tutte le ferite, gli ingabbiamenti, derivano da un amore non arrivato o arrivato strano, cupo, rigido, astratto, inutilmente sbracato… Solo Dio ci ama in modo meraviglioso, solo sulla via del suo amore si apre il nostro stesso cuore. E possiamo, nella condivisione dal vivo, sempre più comprendere dove risiedono le difficoltà degli altri. Eppure sempre nel mistero. Nell’accompagnare ciascuno all’incontro, anche implicito in un ateo, con Dio che gli parla nel cuore. Dunque non sostituendoci a Dio e all’altro nella sintesi finale dei discernimenti.

Un rapporto più armonico tra la spiritualità e la cultura, la stessa scienza vista in modo dunque nuovo. Non giustapposizioni, frammentazioni, ma una crescita semplice e profonda che rinnova ogni sguardo.

Davvero la via della cultura è quella dello scriba divenuto discepolo del regno dei cieli, che trae dal suo tesoro cose antiche e cose nuove. Un piccolo, senza tanti studi, può rinnovare magari in modo implicito tutta la cultura. Infatti la spiritualità non è più in varia misura disincarnata, soggetta a sensi di colpa, forzature, astrazioni, non finisce in pragmatismi per evitare questi cerebralismi. Più chiaramente si esce da una cultura intellettualista, vivisezionata, tecnicista, dalla cultura degli apparati e si entra in una corale, vissuta, partecipata, ricerca del vero.

La vita svuotata, spogliata di tutto, rinasce col contributo, la grazia, di ciascuno, di ogni cosa. Ognuno sul suo percorso personale e comunitario ed in momenti distinti nello scambio con i cercatori di altre visuali. Tendenzialmente un sempre più profondo ritorno ai vangeli, alla via del discernere divino e umano di Gesù nella vita concreta.

Si aprono orizzonti di comprensione nuova, più semplice e ben distinta, per ogni cosa, portati all’infinito dentro il mistero. Dunque anche una pastorale tendenzialmente più efficace, sempre più capace di comprendere i bisogni integrali di ciascuno, le situazioni concrete, le possibili vie di rinascita. È la via dell’uscita dalle astrazioni, vivisezioni, dagli svuotamenti, del razionalismo, dalle fughe nel pragmatismo, per entrare nella sempre più attenta, vissuta, ricerca del discernere divino e umano di Gesù nei vangeli. La via della coscienza spirituale e psicofisica, del cuore, nella luce che scende serena, a misura, come una colomba. Una via semplice e profonda, piena di buonsenso nella fede, del piccolo che si lascia portare dallo Spirito sereno di Gesù.

Davvero impressionante che Maria a Fatima abbia detto che alla fine il suo cuore immacolato trionferà. Anche questo “alla fine” può lasciar immaginare l’immane difficoltà, i possibili drammatici fallimenti, che la stessa vita ecclesiale può dover sperimentare per lasciarsi portare fuori dalle attuali strutturazioni culturali, anche non credenti, che stanno devastando la storia umana.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/11/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Media

L’altra metà del cielo di Messori

“Una fede in due” rivela ai lettori un sodalizio intellettuale profondissimo che ha attraversato i tempi turbolenti del post Concilio e le vicissitudini della storia d’Italia. Un tempo che Rosanna e Vittorio hanno vissuto da protagonisti e da osservatori privilegiati delle vicende della Chiesa e della società italiana. Si tratta sì, va detto, di un’avventura straordinaria, ma a due facce. Da una parte la faccia pubblica, contrassegnata da libri di successo, dall’altra la faccia privata, visitata dalla sofferenza. Su questo sfondo si staglia la storia di due anime così simili, così diverse, passate entrambe, quasi in contemporanea, dall’esperienza bruciante della conversione. Ma con modalità molto differenti.

Leggi tutto

Politica

Che fare ora che i fatti sono chiari

I risultati di Gela – dove il PdF ha raccolto un 5,64 alle amministrative e un 8,75 alle europee – mostrano che se è radicato nel territorio in sinergia con l’associazionismo e gli enti ecclesiastici un movimento politico di ispirazione cristiana ha un suo spazio politico, nel nostro contesto, stimabile attorno all’8/10%. Quel che resta da fare è operare concretamente per fare ciò che va fatto.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano