Storie

di Giuseppe Udinov

Lazio, la provocazione degli ultras a favore di Khalid Salman

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mentre ancora rimbomba il boato dell’Olimpico per il guizzo di Luka Romero valso il secondo posto in Serie A, gli ultras della Lazio tornano a far parlare di sé. Come facilmente riscontrabile sui social, nella serata di ieri nei pressi di ponte Milvio è comparso uno striscione con scritto: «Khalid Salman... Gli ultras della Lazio ti sono vicini». Un messaggio di vicinanza nei confronti dell’ex calciatore e attuale ambasciatore del Mondiale in Qatar.

Ma cosa ha fatto Khalid Salman? Intervistato di recente dall’emittente tedesca Zdf, ha descritto l’omosessualità come un «problema mentale» dopo aver detto che chi arriva in Qatar deve rispettare le regole vigenti. Nel Paese arabo l’omosessualità è punita per legge, è «haram», ovvero “proibita”. Durante il servizio, una volta detto ciò, si vede chiaramente un operatore che arriva a interromperlo e solo a quel punto Salman precisa che si tratta di sue idee. Dichiarazioni che hanno generato molte polemiche, ma soprattutto fuori dal mondo del calcio.

Un comportamento che non è sfuggito alla Curva Nord biancoceleste. In seguito al giusto supplemento di indagine richiesto dal Giudice Sportivo per presunti cori antisemiti durante il derby, la frangia più calda del tifo laziale ha diramato un comunicato a propria difesa. All’interno di quest’ultimo era presente anche un attacco ai potenti del calcio, definiti come “benpensanti”, con riferimento al Mondiale in Qatar: «Gli stessi benpensanti che hanno accettato in silenzio, con la coda tra le gambe, di partecipare ad un Mondiale in Qatar dove i diritti umani vengono calpestati quotidianamente e dove le donne vengono fustigate e lapidate ogni giorno. Benpensanti che si sono venduti al denaro piegando la testa dinnanzi ad uno dei Paesi più antisemiti, omofobi e dittatoriali della storia e che hanno chiuso gli occhi davanti agli oltre 6500 lavoratori morti durante la costruzione dei nuovi stadi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

11/11/2022
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Transessuale: «I sessi sono solo due»

Un’intervista tutta da leggere rilasciata su Libero da Alessandra Gracis, avvocato transessuale che all’anagrafe è ancora Alessandro e che ha cambiato sesso nel 2012, ci mostra un altro modo di vivere la transessualità, lontano dai dogmi LGBT.

Leggi tutto

Politica

POTREBBE ESSERE DIO

Poco dopo essere intervenuto a un convegno sullo stato delle carceri italiane mi arriva un sms da Consuelo Nespoli, un’amica bergamasca, con una foto e un’emoticon gioiosa: la settimana no gender targata Popolo della Famiglia ha preso il via.

Leggi tutto

Società

“W l’amore”, non solo gender

Riportavamo ieri i fatti delle cronache del Salvo D’Acquisto di Gaggio Montano a proposito del progetto di educazione sessuale “W l’amore” introdotto nelle scuole senza consultazione dei genitori (i quali da parte loro si attivano sempre di più). Illustriamo oggi le tematiche trattate dal libretto propinato ai preadolescenti (anche tredicenni): masturbazione, pornografia, contraccezione

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi per Margherita Ruffino ad Asti

“Leggo che il Pd e il centrosinistra che sostiene Paolo Crivelli si prepara a ‘celebrare’ la giornata della omotransfobia. Sono proprio curioso e chiedo: ma un candidato sindaco come Crivelli il 17 maggio che fa? Io il 17 maggio con il nostro candidato sindaco Margherita Ruffino ricordo i 50 anni dall’omicidio di Luigi Calabresi, colpevolmente dimenticato dalle istituzioni.

Leggi tutto

Politica

SOLDI E POTERE, COME FUNZIONA LA LOBBY LGBT

Report racconterà nella puntata di stasera ciò che vi racconto io da anni su questa pagina: la lobby Lgbt perché si rafforza ogni giorno di più? Perché è una macchina da soldi e potere. Quello è il duplice fine: i numeri degli associati sono piccolissimi, da quando è stata varata la legge Cirinnà nel 2016 le unioni civili gay sono state 20.189, mentre si sono unite nel sempre più bistrattato matrimonio oltre due milioni di persone. Ma ergersi a capo della piccola lobby (che essendo piccola è agilmente scalabile dai più furbi) garantisce denari e potere, oltre alla totale protezione mediatica.

Leggi tutto

Società

Gay e suicidio: numeri più alti dove minore è lo stigma sociale

A svelare la soprendente anomalia è lo studio dell’università di Milano Bicocca pubblicata sul numero novembrino de “Le Scienze”: occhio però a fare letture parziali e ideologiche dei dati…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano