Politica

di Mirko De Carli

LA ” BENEDIZIONE” PIDIEFFINA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Non c’è confronto in cui non ci venga chiesto quale sia la missione attuale del Popolo della Famiglia: sembra (ripeto, sembra) che la nascita del Governo Meloni abbia decretato la fine del movimentismo nato dalle ultime due grandi piazze “per la vita e per la famiglia”. La frase tipo che ti rifilano come risposta preconfenzionata è sempre la stessa: ci pensa Giorgia. Povero Presidente del Consiglio: una croce così grande e nemmeno un Simone di Cirene? Sì ve lo ricordate, almeno per sbaglio per averne sentito passare il nome in una domenica d’infanzia? Colui che aiutò Gesù a portare la croce durante il cammino prima di salire sul Golgotha.

“Noi non facciamo i politici, i deputati, i leader. Lottiamo, per quel che dobbiamo e per quel che crediamo. E questa è la differenza che prima o poi, speriamo non troppo tardi, si dovrà comprendere” ripeteva Marco Pannella che con questa robusta consapevolezza ha disintegrato l’architettura del diritto di famiglia italiano e dei diritti civili nella seconda metà del Novecento. Pensare che lo stesso leader radicale fu sistematicamente osteggiato dal partito comunista che per primo faceva sue le battaglie che lui lanciava dalla strada e della piazza d’Italia: “ci pensiamo noi” ripetevano i comunisti, niente seggio parlamentare e niente spazi televisivi per questi eversivi radicali. Poi Pannella, con pochi dei suoi, entrò in Parlamento e il PCI non portò all’oblio il Partito Radicale Italiano ma si trasformò gradualmente nel contemporaneo “partito radicale di massa”.

Chi ha vinto dunque? Pannella o Berlinguer? Giacinto per ko. Fu lui il cosiddetto Simone di Cirene che, dopo la fine tragica della stagione della solidarietà nazionale con la morte di Aldo Moro, accompagnò la sinistra a ritrovare un ruolo storico che sembrava ormai perduto. Oggi, con la nascita del primo governo di destra (altro che destra-centro) italiano le tante donne e uomini con cui abbiamo calpestato insieme il Circo Massimo e Piazza San Giovanni per gridare il nostro no alla deriva dei falsi miti di progresso e un sì convinto al diritto universale alla vita hanno deposto gli striscioni, gli scarponcini e gli zainetti. Perché? Perché “ci pensa Giorgia”.

Il vizietto, tutto italico peraltro, di rifugiarsi nella personalizzazione (talvolta estrema) della politica ha solo creato mostri dai danni incalcolabili: solo i movimenti che vivono e si nutrono come comunità costituiti da manipoli di donne e uomini e non le masse indiscriminate sono la “spina dorsale” in grado di reggere quelle rivoluzioni all’insegna del “tornare indietro (sui diritti civili) per andare avanti” che il paese da troppo tempo attende.

Se Giorgia avrà il coraggio di bandire il gender nelle scuole, di riconoscere il diritto universale a nascere in Costituzione e di legiferare a favore delle mamme d’Italia che non vedono ancora confermato il valore pubblico del loro ruolo eroico svolto nella società italiana non sarà di certo per via del crescere esponenziale dei nuovi adepti di partito (magari figlie o figli di “cambi di casacca” che odorano di bieco opportunismo) ma per la forza del nostro pensare ed agire da dissidenti del cosidetto “pensiero unico”. La “benedizione” pidieffina sono dunque gli zero virgola elettorali, i dirigenti e militanti che ci lasciano per saltare sul carro dei vincitori e i limiti organizzativi figli di una militanza spontanea e non ideoligizzata: ciò che per gli altri appare come un fallimento per noi è una vera e propria benedizione.

D’altronde siamo maledettamente cristiani e il paradigma della croce, sconfitta per il mondo e vittoria per i seguaci del Nazareno, ci avvolge ancora oggi: a noi la scelta, viverlo o subirlo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

INTERNET - NEL 2022 RALLENTA IL . IT

475.768 nuovi domini .it registrati nel 2022, per un totale di 3.467.693 domini nostrani attualmente in Rete: lo 0,50% in più rispetto al 2021. Un risultato inevitabilmente diverso da quell’effetto pandemia che aveva fatto segnare +2,24% e addirittura +4,20% rispettivamente nel 2021 e nel 2020.

Leggi tutto

Società

Scegliere le mamme

Quello demografico resta il nodo dello sviluppo integrale del Paese. Occorre un’analisi attenta e molto precisa.

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Politica

Berlusconi “eutanasizza” Forza Italia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano