Storie

di Roberto Signori

NIGERIA - Liberato un prete cattolico rapito

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Concluso nel giro di 24 ore il rapimento di un sacerdote cattolico nello Stato di Anambra, nella parte sud-orientale della Nigeria. P. Cyril Okafor era stato rapito il 15 novembre 2022 presso l’Holy Ghost Adoration Center, Igboukwu.

Secondo quanto riferito dal presidente generale della comunità Umueri, Johnny Chukwudi Metchie, “dopo averlo rapito, i rapitori lo hanno portato a Enugu e poi a Nteje, dove speravano di tenerlo in una stanza d’albergo, ma l’hotel era al completo. I rapitori lo hanno quindi trasferito a Otuocha, e lo hanno tenuto in un edificio abbandonato, aspettando che la sua famiglia pagasse un riscatto”. Ma una squadra dell’Umueri Vigilante Group è riuscita a intercettare uno dei rapitori del sacerdote, che ha quindi condotto i vigilantes nel luogo dove era detenuto e alla sua liberazione.
L’episodio dimostra l’importanza del ruolo dell’Umueri Vigilante Group, un gruppo che si affianca alla polizia federale nigeriana per combattere il crimine nello Stato di Anambra. Le operazioni dei vigilantes non sono comunque totalmente indipendenti dalla polizia e da altre agenzie di sicurezza. Quando ad esempio alcune persone sono state rapite ad Anambra, nel 2019, il comandante delle operazioni, Squadra speciale antirapina (OC SARS) dello Stato di Anambra ha chiesto espressamente l’assistenza dei vigilantes per ritrovare le persone rapite.
Di recente i vigilantes sono stati ufficialmente riconosciuti dal governo dello Stato di Anambra. Un disegno di legge prevede disposizioni nel bilancio a favore dei vigilentes, rendendo così l’organismo un gruppo di sicurezza riconosciuto a carico del governo. Gruppi simili sono presenti anche in altri Stati della Federazione nigeriana, perché la polizia federale da sola non è in grado di garantire la sicurezza dell’interno territorio nazionale (oltre 924.000 km2) popolato da oltre 200 etnie con diversi usi e costumi.
Le unità di vigilanza non forniscono solo sicurezza attraverso le pattuglie, fungono anche da guardie di sicurezza per eventi sociali come funerali, matrimoni, cerimonie tradizionali e religiose, ecc.
Il fenomeno dei vigilantes ha però anche risvolti negativi come la corruzione da parte dei suoi membri, l’uso eccessivo della violenza e persino uccisioni extragiudiziarie. I Vescovi nigeriani hanno avvertito che il ricorso a gruppi di autodifesa, coniugato con sentimenti separatisti, può generare spinte centrifughe e spaccare il Paese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Libano - Scuole cristiane, il Patriarca esonera le famiglie dal pagamento

Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssef III Younan, ha dato disposizione di esentare dal pagamento delle rette scolastiche per l’anno 2021-2022, le famiglie degli studenti siro-cattolici che frequentano le scuole collegate al Patriarcato.

Leggi tutto

Storie

NIGERIA - Rapiti due sacerdoti

Rapiti due sacerdoti nel nord della Nigeria. A riferirlo è p. Christopher Omotosho, Direttore delle Comunicazioni Sociali della diocesi di Sokoto.

Leggi tutto

Storie

NIGERIA - A sei mesi dalla strage nella chiesa San Francesco Saverio di Owo

A oltre sei mesi dal massacro del 5 giugno nella chiesa San Francesco Saverio di Owo nello Stato di Ondo i nigeriani attendono un processo venga istruito nei confronti delle persone arrestate con l’accusa di essere implicate nella strage (che ha provocato la morte di 40 persone e il ferimento di 80 persone).

Leggi tutto

Storie

Attacchi in Nigeria: oltre 200 vittime

Gli episodi sono avvenuti nello Stato di Zamfara, forse in risposta a un’azione governativa dei giorni scorsi. Liberati intanto a sud 30 studenti rapiti dai terroristi

Leggi tutto

Storie

NIGER - La croce pasquale portata da un popolo che soffre

“Noi, cristiani di Dosso, formiamo una piccola, piccolissima comunità minoritaria all’interno di una società prevalentemente islamizzata. Felici di essere ma fragili di fronte alla varietà e densità di colori dei nostri fratelli”.

Leggi tutto

Chiesa

NIGERIA - “Abbiamo perso tanti sacerdoti, ma il male non prevarrà”

Abbiamo perso la fiducia sulla capacità dell’attuale governo di ripristinare la sicurezza” ha affermato Sua Ecc. Mons. Peter Nworie Chukwu, Vescovo di Abakaliki (capitale dello Stato di Ebonyi nel sud-est della Nigeria), rivolgendosi ai giornalisti ad Abakaliki,, all’inaugurazione della Catholic Media Practitioners Association (CAMPAN).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano