Storie

di Nathan Algren

Scuola - Suicidi fra i giovani di Hong Kong

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La pressione scolastica, e la crescente competitività anche fra i più giovani, è una delle cause scatenanti dei suicidi che si registrano fra i giovani di Hong Kong. Il dato emerge da un rapporto pubblicato dal Dipartimento della protezione sociale (Swd) del ministero cinese dell’Istruzione, secondo cui i suicidi sono stati la seconda causa di morte fra i minori (22,8%) nel periodo fra il 2016 e il 2018, oggetto dello studio. Wang Huan, dirigente del ministero dell’Istruzione, ritiene che la situazione è legata a un livello “eccessivo” di stress.

Il giornale filo-governativo Hkcd (Hong Kong Commercial Daily) riferisce che almeno 11 studenti si sono tolti la vita fra aprile e maggio, alimentando ulteriormente le preoccupazioni del settore educativo. Una situazione legata al troppo studio e alla “pressione eccessiva” nel quadro di un sistema altamente competitivo e basato su voti e note di merito e demerito.

Dallo studio Swd emerge che, in relazione alla mortalità infantile registrata nel triennio, il decesso per cause naturali è del 61,4% (159 vittime su un totale di 259); tuttavia, la seconda sono i suicidi con 59 morti, pari al 22,8%; vi sono poi le cause naturali incerte (3,1%), le aggressioni (2,7%) e le complicazioni mediche (1,5%). Il più alto tasso di morti per suicidio è stato registrato tra i 15 e i 17 anni con 39 casi su 259 morti complessive (pari al 15%).

Wang Huan, funzionario del ministero dell’Istruzione cinese, ritiene che un numero elevato di ore di studio può aumentare il livello di stress; a questo si aggiunge la “perdita del senso e del valore dell’apprendimento”, mentre altri faticano a trovare uno scopo nel percorso educativo. “È una fonte - spiega - di stress e di resistenza all‘apprendimento”.

Il numero medio di ore di studio settimanali registrate per gli studenti della scuola materna, elementare e media/liceo è rispettivamente di 49,1, 66,5 e 76,5. Uno studente di Hong Kong deve seguire fino a nove corsi al giorno, un dato ben più elevato dei territori vicini come Shanghai (da cinque a sette corsi) e Taiwan (cinque corsi).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/11/2022
0302/2023
Santi Biagio e Angsario (Oscar)

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Società

Ritorniamo ad una sana ecologia umana lontana dalle mode del momento

Avanza in questi ultimi anni una psicosi generalizzata scatenata da ecoterroristi che spaventano la gente in maniera voluta ed esasperante. Iniettano nelle vene delle persone il tremendo virus della paura del domani, come se fossero loro i padroni del mondo e del futuro. Le soluzioni che propongono poi, tra l’altro, sono più dannose dei problemi stessi. Occorre ritornare alla svelta ad una vera e sana ecologia umana per dare speranza alle nuove generazioni.

Leggi tutto

Politica

Referendum eutanasia e cannabis , Draghi: “Il Governo non si opporrà

Il Governo dei “migliori” si mostra ancora una volta lontano dal rispetto di libertà, vita e famiglie. Infatti Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto sapere che il Governo non si costituirà contro l’ammissibilità dei referendum sulla legalizzazione della cannabis e sull’eutanasia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano