Storie

di Roberto Signori

Afghanistan: i talebani installano 2mila telecamere a circuito chiuso

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I talebani hanno installato 2mila telecamere a circuito chiuso in un distretto della capitale, chiedendo alla famiglie locali di pagarne i costi. Secondo il Kabul Security Command serviranno a migliorare la sicurezza della città, che conta circa 6 milioni di abitanti, ma per i cittadini è un costo oneroso e una violazione dei diritti e della privacy.

“L’installazione di telecamere è volontaria e non obbligatoria per ogni cittadino”, ha affermato Khaled Zadran, portavoce della polizia locale. Il funzionario talebano ha aggiunto che i cittadini dovrebbero installarle per dimostrare la loro volontà di cooperare con le autorità dell’Emirato islamico, ma le famiglie sprovviste di risorse finanziarie non sono tenute ad aderire al progetto.

Gli esperti ritengono che il provvedimento difficilmente avrà esiti positivi in un Paese come l’Afghanistan, spesso colpito da attentati terroristici. Se l’interesse fosse davvero quello di migliorare la sicurezza, la priorità dovrebbe essere data all’installazione di telecamere negli uffici governativi, non sulle singole abitazioni.

“Come si possono attivare le telecamere di sicurezza ed evitare incidenti quando non c’è elettricità?” ha chiesto un residente di Kabul. “La situazione economica non è buona e la gente non può permettersi di comprare una telecamera. Le telecamere di sicurezza costano”, ha detto a ToloNews un altro residente locale.

Secondo la popolazione locale, i talebani non sono in grado di garantire la sicurezza dei cittadini e la decisione riguardo l’installazione di telecamere dovrebbe essere approvata da un parlamento o almeno da un voto popolare.

In realtà un progetto di installazione era già stato deciso dall’ex governo afghano a ottobre 2020 dopo una serie di uccisioni di personaggi di altro profilo. A gennaio dell’anno scorso l’ex vice presidente Amrullah Saleh aveva affermato che il governo avrebbe speso oltre 100 milioni di dollari per l’installazione di telecamere di ultima generazione nel tentativo di ridurre la criminalità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/11/2022
0102/2023
San Severo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Politica

La Francia dopo gli Stati Generali della bioetica

Si è conclusa col mese di aprile una lunga fase di aggiornamento sui progressi delle tecniche mediche e di dibattito (oltre 280 eventi in tutto) sui possibili ritocchi all’ordinamento giuridico.

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Società

La Fede vissuta

Riflessione sul solco tra la fede vissuta in termini accademici e la mancata applicazione degli insegnamenti escatologici della Bibbia nella vita quotidiana, soprattutto alla luce dei nostri giorni.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Unesco scrive di pace

In occasione dei 75 anni dalla nascita dell’agenzia delle Nazioni Unite, Francesco in un videomessaggio ne sottolinea il comune servizio alla pace e alla solidarietà, allo sviluppo della persona e alla tutela del patrimonio culturale.

Leggi tutto

Società

Colombia: primo caso di eutanasia

Il colombiano Victor Escobar è diventato la prima persona nel Paese andino ad essere ucciso in un’eutanasia “legalmente” eseguita

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano