Storie

di Roberto Signori

All’asilo vagine di stoffa e giochi in scatola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A Bologna è arrivata la “Tabooteca”, uno spazio pubblico aperto a tutti che propone una serie di giochi in scatola e strumenti didattici sull’educazione alla sessualità, in tutte le sue forme. Senza tralasciare l’identità di genere e la teoria gender, per un progetto (finanziato dalla Regione Emilia Romagna) rivolto a quanto pare anche ai bambini dell’asilo. E tanto è bastato per far scoppiare la polemica, con l’Associazione Pro Vita & Famiglia che ha definito l’iniziativa “inaccettabile”. Un piano varato dall’Associazione Orlando nei locali del Centro di Documentazione delle Donne, che in base a quanto spiegato sul sito dei promotori, mira a consentire anche ai più piccoli di “scoprire, conoscere, condividere sono alla base delle intenzioni del prestito, perché con l’educazione e il gioco si possa arrivare a sfatare i tabù”. E fra i vari oggetti, appaiono anche appaiono peluche e giochi che riproducono i genitali femminili.

“Contraccezione, anatomia umana con vagine, clitoride e vulva, orientamenti sessuali e l’immancabile identità di genere. Sono veramente questi i temi assurdi proposti ai bambini, addirittura in età da scuola materna, nella prima “Tabooteca” d’Italia presentata in pompa magna dall’Associazione Orlando all’interno del Centro di Documentazione delle Donne, una realtà femminista e promotrice di istanze transgender e gender fluid e con il supporto di Non una di meno, Mujeres Libres e Cassero - si legge nella nota pubblicata sul sito dell’associazione firmata da Francesco Perboni e Simone Ortolani, rispettivamente referente di Bologna e dell’Emilia-Romagna di Pro Vita & Famiglia Onlus - non c’è più alcun timore da parte di queste associazioni nel mostrare apertamente la loro volontà ideologica di sessualizzare sempre di più l’innocenza dei bambini. Alla luce del sole vogliono indottrinare i più piccoli ai temi Lgbtqia+ con contenuti sessualmente espliciti e con argomenti assolutamente inadatti alla loro età. I bambini devono essere educati e formati in modo consono alla loro età, rispettando la loro innocenza, non messi in pericolo, per giunta con modalità a luci rosse e con teorie antiscientifiche come la fluidità di genere.

A cosa arriveremo di questo passo? A spiegare ai bambini delle elementari o della materna come compiere pratiche sessuali? Tutto ciò è inaccettabile e gli amministratori della città, in modo trasversale, dovrebbero schierarsi contro iniziative del genere, per tutelare i più piccoli e le famiglie bolognesi”. E nemmeno la Lega ha apprezzato l’idea, non reputandola idonea per bimbi di 3 anni e puntando il dito contro la Regione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco duro su gender e ddl Cirinnà

Nella sua prolusione all’assemblea della Cei il cardinale presidente stigmatizza l’azione del Parlamento su famiglia e scuola

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Politica

Elisa Rossini e la richiesta di revoca dell’adesione alla Carta d’intenti Ready

IL TESTO DELL’INTERVENTO DI ELISA ROSSINI,  IN CONSIGLIO COMUNALE, SULLA RICHIESTA DI REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA DI’INTENTI READY (RETE NAZIONALE ANTIDISCRIMINAZIONI SULLA BASE DELL’ORIENTAMENTO SESSUALE E IDENTITA’ DI GENERE)

Leggi tutto

Politica

LEGGE 194: ABROGARLA NON SERVE

Quanto descritto in questo articolo non sarà di facile applicazione ma è una strada da seguire insieme al Reddito di Matenità, al Quoziente Familiare e alle altre proposte del Popolo della Famiglia. Se portata avanti con la coerenza e la fermezza che caratterizzano il PDF darà, a suo tempo, buoni frutti.

Leggi tutto

Società

Pisa: all’Università stop alle toilette divise

Nell’ateneo invece che a studiare si pensa ai bagni “gender free”, L’università toscana accelera la procedura dopo che gli studenti di “Sinistra Per” avevano appeso alcuni volantini sui simboli uomo/donna

Leggi tutto

Politica

PDF: insegnante lavora da 5 mesi senza stipendio

Il Popolo della Famiglia Marche, in forza all’art. 36 della Costituzione, invita l’Ufficio scolastico regionale ad occuparsi della questione e a risolverla nel più breve tempo possibile. “

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano