Storie

di Nathan Algren

Kirill: “L’Ue mi vieta di mettere piede in Europa”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Al Patriarca Kirill è stato vietato di mettere piede in Europa. Dopo le sanzioni sui suoi beni decise nei mesi scorsi, una ulteriore misura restrittiva è stata presa. Da Mosca il Patriarcato, in una dichiarazione sul suo sito ufficiale, stigmatizza la russofobia imperante in occidente e sbotta: «Un passo del genere non fu preso nemmeno ai tempi della Guerra Fredda». Nei giorni scorsi Kirill ha incontrato nella sede del Patriarcato diversi leader ortodossi delle chiese d’Oriente e, in quella occasione, è tornato a denunciare le decisioni dell’Ue. «Cose del genere non hanno precedenti” riferendosi a quanto aveva annunciato il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell. In Vaticano ad accorgersi di quest’ennesima restrizione è stato il sito Il Sismografo che dall’inizio della guerra russo-ucraina raccoglie informazioni da tutti i mass media del mondo. Durante l’incontro Kirill ha introdotto l’argomento parlando «di alcune circostanze tristi per noi legate agli eventi che si verificano oggi sul territorio della nostra Chiesa in Donbas e in Novorossia. Tra l’altro, in questo territorio vivono anche degli assiri. È chiaro che questo conflitto ha ragioni politiche”. Kirill ha accusato “alcune forze politiche in Occidente, che hanno assunto una posizione radicalmente anti-russa, e stanno deliberatamente cercando di ostacolare le attività del Patriarcato di Mosca a livello internazionale, per privarlo della sua voce e della possibilità di testimoniare nel mondo». «Se l’Occidente sta cercando di limitare i contatti tra la nostra Chiesa e i suoi partner occidentali, ci si chiede perché. Perché? Durante la guerra fredda, gli accordi tra Stati Uniti e Unione Sovietica erano ancora meno, ma i contatti non erano limitati, anche attraverso le relazioni cristiane: le nostre delegazioni venivano negli Stati Uniti, gli americani venivano da noi, discutevamo di argomenti sia teologici che politici. E ora si stanno compiendo sforzi significativi per limitare le possibilità di dialogo della nostra Chiesa con le Chiese occidentali. Oggi il quadro è completamente diverso», ha dichiarato Kirill. Kirill si è poi lamentato dell’attività del Consiglio mondiale delle Chiese a Karlsruhe, in Germania, dove il presidente Frank-Walter Steinmeier ha cercato di fare pressione sulla delegazione del patriarcato russo. «Si tratta di un’interferenza senza precedenti da parte delle autorità secolari nella vita delle organizzazioni ecclesiastiche. Ho compreso e apprezzato la posizione dell’Assemblea del WCC, che non era d’accordo con Steinmeier. Non è riuscito a influenzare l’Assemblea e a discriminare la Chiesa russa - e ora è stata presa una decisione senza precedenti: non permettere al Patriarca di entrare nell’Unione Europea. Questo non si vedeva nemmeno durante la Guerra Fredda. La domanda sorge spontanea: perché? Se hanno ragione e io ho torto, invitatemi in TV, dialogate con me, dimostrate la mia tesi. Hanno paura di questo, perché la correttezza è dalla nostra parte, non dalla loro. La loro posizione è molto debole - in generale la posizione dell’isolazionismo è sempre debole. Ma siamo aperti alla comunicazione con chi ci ama e con chi non ci ama».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2022
0202/2023
Presentazione del Signore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Politica

La strettoia del 26 Maggio

Arrivati a settanta giorni dalla fine della campagna elettorale per le europee, appuntamento decisivo in vista del ridisegnarsi della mappa della politica italiana nella sua transizione infinita verso una qualche forma di stabilità, sarà bene per i cattolici italiani avere chiaro il quadro delle forze in campo per poter orientare con intelligenza il loro voto. Sette milioni di cattolici praticanti un anno fa, il 4 marzo, hanno premiato secondo tre studi dei flussi di consenso insolitamente concordanti, principalmente Pd e M5S, che insieme a Forza Italia e Lega (rispettivamente terza e quarta forza tra coloro che vanno a messa tutte le domeniche) hanno ottenuto complessivamente oltre l’ottanta per cento dei voti. Il Popolo della Famiglia si è fermato al 3.3% dei voti dei cattolici praticanti il 4 marzo, il resto è stato suddiviso tra Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Civica Popolare, Insieme, Italia agli Italiani con addirittura un piccolo segmento di consensi anche per +Europa, Casapound, Leu e Potere al Popolo.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano