Storie

di Roberto Signori

La “strana” rotta degli scafisti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Imbarcazioni di scafisti sarebbero partite dal porto di Gela o dalle coste dell’Agrigentino per raggiungere la Tunisia e far immediato rientro con il “carico” di migranti. E’ quanto emerso dall’operazione ‘Mare aperto’ della polizia di Caltanissetta che ha sgominato la banda eseguendo 18 misure cautelari per associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I destinatori del provvedimento sono undici tunisini e sette italiani. Il Gip ha disposto il carcere per 12 di loro e gli arresti domicialiari per gli altri sei

Le indagini hanno avuto inizio il 21 febbraio 2019 quando, all’imbocco del porto di Gela, si è incagliata una barca in vetroresina di 10 metri con due motori da 200 cavalli, segnalata da un pescatore del luogo. Gli accertamenti condotti dagli investigatori della Squadra mobile hanno permesso di appurare che l’imbarcazione era stata rubata a Catania pochi giorni prima e che erano sbarcate decine di persone di origini africane. Gli investigatori sono quindi risaliti a una coppia di origini tunisine che favoriva l’ingresso irregolare sul territorio italiano, principalmente di cittadini nordafricani.

Il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina è aggravato dal fatto che l’associazione era composta da più di dieci persone e aveva carattere transnazionale. A questo si aggiunge l’ulteriore aggravante di aver esposto a serio pericolo di vita i migranti trasportati e di averli sottoposti a trattamento inumano e degradante e, ancora, di aver commesso i reati per trarne un profitto.

Il prezzo a persona, pagato in contanti in Tunisia prima della partenza, si sarebbe aggirato tra i 3mila e i 5mila euro e il presunto profitto dell’organizzazione criminale, secondo stime investigative, si attesterebbe tra i 30mila e i 70mila euro per ogni viaggio. Il 26 luglio 2020, per uno dei viaggi pianificati dagli indagati, un’imbarcazione sarebbe partita dal Porto di Licata in direzione delle coste tunisine per prelevare delle persone da condurre in Italia. Solo l’avaria di entrambi i motori non ha permesso la conclusione del viaggio e il natante è rimasto alla deriva.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/11/2022
3101/2023
San Giovanni Bosco

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Mio padre mi violentò a 15 anni perché ero lesbica”, ma si è inventata tutto

Il gup di Termini Imerese ha del tutto scagionato una coppia che finì pure in carcere nel 2016, quando la figlia raccontò di essere stata maltrattata e abusata per la sua omosessualità. La difesa: “Tutte falsità, ha agito per interessi economici: voleva appropriarsi del patrimonio di famiglia”

Leggi tutto

Storie

La Ong chiede i soldi per i migranti

Quanto costa una missione di una nave Ong? Probabilmente molto più di quanto chiunque possa pensare. Costa 280mila euro.

Leggi tutto

Politica

Regno Unito: piano per trasferire i migranti in Ruanda

L’annuncio è stato fatto dallo stesso premier conservatore dalla costa inglese del Kent, il quale ha poi spiegato che “l’opzione Ruanda” fungerà da deterrente, ovvero i migranti, che da ora in poi arriveranno e chiederanno asilo politico, saranno trasferiti nel Paese africano, dove si svolgerà tutto il loro iter burocratico, il quale, in caso di successo, permetterà loro di avere assistenza in Ruanda, mentre in caso contrario saranno fatti tornare nel Paese di provenienza.

Leggi tutto

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Storie

Ong e migranti, italiani per la “linea dura”

Meloni I lo ha realizzato Eumetra per Quarta Repubblica. Nicola Porro lo ha mandato in onda ieri sera e i numeri non lasciano molto spazio all’immaginazione. Alla domanda “è d’accordo con la linea del governo sulla questione immigrazione?”, il 32% ha risposto “molto” e il 31% “abbastanza”. Somma: 63% di favorevoli contro il 34% dei contrari.

Leggi tutto

Chiesa

Il cardinale Sarah ed i migranti

«La mia reazione è ribellarmi». Ha esordito così il proprio commento Robert Sarah, cardinale africano della Chiesa cattolica, prefetto emerito della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, intervistato ieri mattina da Sonia Mabrouk per Europe Matin in merito alla morte di almeno 27 migranti provenienti dall’Africa avvenuta mercoledì nella Manica, al largo della città francese di Calais.

Sarah ha quindi dato corso al proprio pensiero – di certo controcorrente e probabilmente destinato a sus

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano