Storie

di Mirko De Carli

ATLANTISTI DI CASA NOSTRA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questi complessi e laceranti anni venti del duemila hanno marcato definitivamente la decadenza delle ideologie del Novecento portando ad affermarsi nuovi impianti ideologici figli dell’unico pensiero dominante: il consumismo capitalista occidentale. Oggi non si rintracciano più, nei dibattiti pubblici quotidiani, le etichette più conosciute e più usurate: comunista, socialista, popolare e post-fascista. Questa stagione della vita repubblicana ci ha fatto conoscere la deriva delle appartenenze vuote. Un esempio su tutti? Gli atlantisti.

Forse la mia, la nostra generazione (quella dei trentenni) ha sentito vagamente l’odore della cosiddetta “obbedienza atlantica” nei colossal americani e niente più: la raffigurazione dei russi “brutti, sporchi e cattivi” sconfitti dagli americani belli, forti e giusti. E noi europei? I vassalli o, peggio ancora, vassallini ai margini della narrazione. La maledetta guerra in Ucraina ha riproposto questa schema binario e ha riportato la classe dirigente europea e nostrana a dividersi rispetto al tasso di fedeltà agli Stati Uniti d’America.

Se il termine “fede” non l’ho mai apprezzato (e quindi fatto mio) per la dimensione politica e civile ora molti leader di partito si forgiano pubblicamente della loro fede atlantista. Quasi quasi arrivano a definire l’identità della loro comunità non attraverso una minuziosa elencazione di ideali figli delle radici “militanti” ma la capacità di essere riconosciuti come leali interlocutori dall’amministrazione americana di turno.

La sinistra ha abbandonato il servilismo sovietico per questa cosiddetta fede atlantista (il percorso cominciò da lontano con la prima scelta di rottura sugli euromissili da parte di Enrico Berlinguer) e recentemente (forse per esigenze di credibilità governativa nel cosiddetto mondo occidentale) anche la destra ha sfumato la narrazione identitaria nazionalista e patriottica (di sostanza, non di facciata) per sposare l’obbedienza d’oltreoceano.

In Italia se sei atlantista sei nel giusto e non ricevi critiche, se muovi riserve sulla politica estera occidentale e statunitense vieni emarginato al pari di un disobbediente qualunque. In questo senso la guerra in corso sul territorio ucraino è stato uno spartiacque decisivo.

Giorgia Meloni ha mostrato anche qui la linea comunicativa adottata sin dal periodo di opposizione parlamentare al governo Draghi: sulla politica estera ed economica mostrare il sorriso nuovo della continuità rispetto alle direttrici europee ed americane. Nessuna volontà di smarcarsi, nemmeno nella forma se non nella sostanza. Una patriota, come lei s autodefinisce, dovrebbe sapere che siamo l’Italia di Sigonella, di Pratica di mare e, prima ancora, della dottrina “Mattei” per l’Africa.

La nascita del primo governo di destra italiano apre un interrogativo decisivo per tutti: essere atlantisti o essere italiani? Scegliere di continuare nel solco della politica estera della cosiddetta “terza via” italiana o proseguire nella svolta draghiana dell’obbedienza filoatlantista? Noi abbiamo scelto di essere patrioti, dissidenti rispetto alla dottrina atlantista e quindi “mediterranei”, Giorgia (per ora) ha optato per l’Atlantico lasciando il mediterraneo (ancora una volta) abbandonato a se stesso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2022
0303/2024
San Marino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Bagnasco e l’impegno dei cattolici

La prolusione del Cardinale Angelo Bagnasco al Consiglio permanente della Cei è stata di impressionante nettezza. Il richiamo alla «famiglia come baricentro esistenziale da preservare» è stato condito da una serie di affermazioni che tracciano la strada all’impegno dei cattolici italiani

Leggi tutto

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

La povertà nascosta dei padri separati

Il caso dell’ex comico di Zelig commuove e fa discutere, ma non si tratta di un caso isolato: ecco i numeri dei padri poveri

Leggi tutto

Società

NICOLA DI MATTEO: GIUSTE LE AGGRAVANTI PER CHI ATTACCA LE FORZE DELL’ORDINE

In questi giorni abbiamo dovuto assistere (nostro malgrado) a fatti di violenza privi di qualsiasi giustificazione. La gravità di quanto accaduto è stata enfatizzata dall’essere stata rivolta verso i tutori dell’ordine, uomini e donne che quotidianamente rischiano la vita per la sicurezza dei cittadini. Necessarie leggi severe per assicurare alla giustizia chi si rende reo di fatti gravi come quelli avvenuti a Piacenza.

Leggi tutto

Politica

Il problema con la libertà dei politici al governo

In almeno tre occasioni, recentemente, i pentastellati hanno messo in mostra un temperamento decisamente illiberale. Primo fra tutti, il tentativo di abolire la prescrizione dopo la sentenza di primo grado. Con la scusa di azzerare l’impunità dei “corrotti” il M5S vuole scardinare una libertà essenziale come la presunzione di innocenza dei cittadini.

Leggi tutto

Società

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita di Tafida Raqeeb

L’Alta Corte di Londra ha giudicato in favore della vita (prima che della famiglia) di Tafida Raqeeb. Per la prima volta in Regno Unito un giudice ha disposto il mantenimento del sostegno vitale di un paziente pediatrico in un caso di conflitto tra l’ospedale e la famiglia. La decisione è arrivata con una sentenza di non facile lettura - e per come vi è espresso il bilanciamento dei punti di vertenza e per l’estensione del testo (70 pagine, le prime 30 di sintesi delle posizioni delle parti) – e tuttavia estremamente netta a concludersi:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano