Storie

di Mirko De Carli

ATLANTISTI DI CASA NOSTRA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Questi complessi e laceranti anni venti del duemila hanno marcato definitivamente la decadenza delle ideologie del Novecento portando ad affermarsi nuovi impianti ideologici figli dell’unico pensiero dominante: il consumismo capitalista occidentale. Oggi non si rintracciano più, nei dibattiti pubblici quotidiani, le etichette più conosciute e più usurate: comunista, socialista, popolare e post-fascista. Questa stagione della vita repubblicana ci ha fatto conoscere la deriva delle appartenenze vuote. Un esempio su tutti? Gli atlantisti.

Forse la mia, la nostra generazione (quella dei trentenni) ha sentito vagamente l’odore della cosiddetta “obbedienza atlantica” nei colossal americani e niente più: la raffigurazione dei russi “brutti, sporchi e cattivi” sconfitti dagli americani belli, forti e giusti. E noi europei? I vassalli o, peggio ancora, vassallini ai margini della narrazione. La maledetta guerra in Ucraina ha riproposto questa schema binario e ha riportato la classe dirigente europea e nostrana a dividersi rispetto al tasso di fedeltà agli Stati Uniti d’America.

Se il termine “fede” non l’ho mai apprezzato (e quindi fatto mio) per la dimensione politica e civile ora molti leader di partito si forgiano pubblicamente della loro fede atlantista. Quasi quasi arrivano a definire l’identità della loro comunità non attraverso una minuziosa elencazione di ideali figli delle radici “militanti” ma la capacità di essere riconosciuti come leali interlocutori dall’amministrazione americana di turno.

La sinistra ha abbandonato il servilismo sovietico per questa cosiddetta fede atlantista (il percorso cominciò da lontano con la prima scelta di rottura sugli euromissili da parte di Enrico Berlinguer) e recentemente (forse per esigenze di credibilità governativa nel cosiddetto mondo occidentale) anche la destra ha sfumato la narrazione identitaria nazionalista e patriottica (di sostanza, non di facciata) per sposare l’obbedienza d’oltreoceano.

In Italia se sei atlantista sei nel giusto e non ricevi critiche, se muovi riserve sulla politica estera occidentale e statunitense vieni emarginato al pari di un disobbediente qualunque. In questo senso la guerra in corso sul territorio ucraino è stato uno spartiacque decisivo.

Giorgia Meloni ha mostrato anche qui la linea comunicativa adottata sin dal periodo di opposizione parlamentare al governo Draghi: sulla politica estera ed economica mostrare il sorriso nuovo della continuità rispetto alle direttrici europee ed americane. Nessuna volontà di smarcarsi, nemmeno nella forma se non nella sostanza. Una patriota, come lei s autodefinisce, dovrebbe sapere che siamo l’Italia di Sigonella, di Pratica di mare e, prima ancora, della dottrina “Mattei” per l’Africa.

La nascita del primo governo di destra italiano apre un interrogativo decisivo per tutti: essere atlantisti o essere italiani? Scegliere di continuare nel solco della politica estera della cosiddetta “terza via” italiana o proseguire nella svolta draghiana dell’obbedienza filoatlantista? Noi abbiamo scelto di essere patrioti, dissidenti rispetto alla dottrina atlantista e quindi “mediterranei”, Giorgia (per ora) ha optato per l’Atlantico lasciando il mediterraneo (ancora una volta) abbandonato a se stesso.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/11/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Perché il disegno di legge Cirinnà è inemendabile

Chi parla di possibili mediazioni sul ddl che istituisce di fatto il “matrimonio” gay e legittima anche la pratica dell’utero in affitto, tradisce piazza San Giovanni

Leggi tutto

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Società

L’infamia della giornata mondiale sull’aborto

Cos’è il “partial birth abortion”, la nuova frontiera dell’aborto “libero” che viene richiesta dalla giornata mondiale dell’aborto del 28 settembre? Semplice, è la possibilità per la donna di prendere la decisione di abortire sino alle ultime settimane di gravidanza. Ad oggi le varie legislazioni nazionali permettono l’interruzione volontaria di gravidanza fino al quinto mese in genere, l’Italia è più restrittiva e si ferma al terzo mese, anche se con il trucco dell’aborto “terapeutico” si finisce molto più in là. L’interpretazione della sentenza della Corte Suprema americana consegna però uno scenario infame secondo cui il nascituro non avrebbe diritti e sarebbe parte del corpo della donna che potrebbe farne quello che vuole fino al momento della nascita. In base a questa interpretazione la pratica dell’aborto a nascita parziale prevede l’induzione del parto anche al nono mese di gravidanza, un parto che viene indotto in posizione podalica stando attenti a mantenere la testa del nascituro all’interno del grembo della donna che non riesco a definire materno, per poi introdurre uno speciale forcipe e schiacciare la testa del bimbo per provocarne la morte completando poi il parto con l’espulsione del corpicino ormai senza vita.

Leggi tutto

Società

Carceri e madri, nodo da risolvere

Stavolta nessun bambino ha mangiato per sbaglio il veleno per topi: una spacciatrice in crisi di depressione e verosimilmente di astinenza ha scaravantato per le scale i due figlioletti, uccidendo il minore e tramortendo il maggiore. In linea teorica le soluzioni ci sono, ma la verità è che non possono esistere soluzioni valide per tutte le decine di casi presenti in Italia: occorre valutare singolarmente.

Leggi tutto

Politica

La storia infinita delle case chiuse

Si torna a parlare della riapertura delle case chiuse ma la prostituzione,  non degrada solo la donna. Guasta anche l’uomo. Non bisogna confondere infatti la virilità col virilismo. Quella piaga nota col nome di maschilismo attinge precisamente da questo pozzo avvelenato. Il maschilista è un uomo rimasto solo “maschio”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano